“Il Trasporto della Macchina di Santa Rosa? Un evento a tutto tondo: religioso, umano e civile”. Nuccio Fava, per due volte direttore del Tg1, è stato tra gli ospiti della Provincia in occasione del 3 settembre e racconta le sue impressioni su”Ali di luce”.

 

La Macchina – racconta – l’avevo già vista dal Comune negli anni ’80. Ma devo dire che questo modello ha creato un equilibrio straordinario, con l’effetto delle ali che si aprono, la struttura insieme aerodinamica ed elicoidale, i giochi luminosi, e in alto quella statua esile, quasi a protezione della città, che sembra dire ai viterbesi ‘Non vi preoccupate, guardate, così piccola, quanto sono arrivata in alto’. Un effetto insieme di forte realismo e straniamento, quasi una suggestione onirica”.

 

Ma a colpire Fava, anche il grande sentimento che lega la città alla sua patrona. “Una singolarissima figura di santa – dice – che ha dedicato la sua vita a Viterbo, una figura esile ma al tempo stesso fortissima. Si vede che questo è il fattore di massima unità, di maggiore senso di appartenenza per la cittadinanza. Per capire questo evento è indispensabile conoscere la storia e la leggenda di questa ragazzina straordinaria che tanto si è spesa per Viterbo”.

 

“Solo essendo presenti all’appuntamento – continua - si può godere del rapporto di popolo con Santa Rosa, delle persone che pur di garantirsi un posto arrivano ore prima, testimonianza di una partecipazione e di un entusiasmo che è difficile trovare in Italia e che mi hanno colpito molto. La dimensione duplice di vederla dal basso, mentre sfiora le persone, e dall’alto, mentre sovrasta le vie, sapendo tutto l’impegno dei Facchini che la trasportano, regale un’emozione straordinaria”.

 

“Per Viterbo – conclude – una grande risorsa anche per la tenuta civile e politica della città. Non deve stupire che la manifestazione non sempre riesca ad avere la giusta eco a livello nazionale: per loro natura, questi eventi fanno fatica a oltrepassare i loro confini, ma ciò ne conserva il carattere autentico, non lo banalizza. La conclusione è che, misteriosamente, la religiosità profonda di tipo popolare, quella più immediata, finisce per interpellare emotivamente tutti quanti”.

 

Nuccio Fava ha lavorato per trentatrè anni in Rai, assumendo anche gli incarichi di direttore dei Servizi parlamentari e delle Tribune politiche, del Tg3 e del Tgr, la testata giornalistica regionale. E’ stato anche responsabile della programmazione della RAI per il Giubileo del 2000. Gli sono stati assegnati numerosi riconoscimenti giornalistici, tra cui il Premio Saint Vincent. E’ autore di diversi libri, tra i quali “Politica e giornalismo” e “Università in crisi”.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE ? /l'ultimo articolo su Tarquinia Città di Luigi Daga. Parla anche della mafia a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...

RICORDIAMO PEPPINO IMPASTATO NELL' ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Ricorre l'anniversario della morte di Peppino Impastato, assassinato dalla mafia il 9 maggio...