Un settembre 2010 all’insegna della cultura e dell’archeologia con gli Etruschi a Tarquinia, in provincia di Viterbo. Nel cuore della Maremma Etrusca, è questa una zona ricca di numerose iniziative, feste, sagre e manifestazioni che si susseguono nell’arco dell’intero anno. Ma è soprattutto in estate che prendono vita diversi eventi legati al turismo archeologico. Quindi non solo mare a Tarquinia, centro turistico ben raggiungibile dai visitatori provenienti da Roma, Santa Marinella o dal Porto di Civitavecchia, ma anche dai numerosi turisti che affollano spiagge, alberghi, agriturismi e campeggi della Costa d'Argento, da Talamone a Orbetello, da Castiglion della Pescaia a Punta Ala, ben oltre l'Argentario.


Settembre 2010 all’insegna della cultura, della storia e dell’archeologia con tante opportunità di visita ai siti archeologici di Tarquinia, patrimonio dell’Umanità Unesco e al Museo archeologico nazionale della più antica e importante città etrusca. La necropoli di Monterozzi e il museo nazionale saranno dunque mete privilegiate.

Nel 2004 le tombe etrusche dipinte di Tarquinia sono entrate a far parte del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO perché “fonte eccezionale di conoscenza della vita, dei costumi e del sentimento religioso degli Etruschi. Esse rappresentano, infatti, la straordinaria testimonianza della pittura antica conservatasi nell’ambito della cultura fiorita in età storica sulle sponde del Mediterraneo”.

Intanto continua con successo l’iniziativa “I colori degli Etruschi” una serie di visite guidate in occasione dell'apertura straordinaria di grande valore storico-archeologico, delle tombe dipinte dei Tori, del Barone, degli Auguri e della Necropoli Scataglini appartenenti alla grande area archeologica di Tarquinia.
 
E’ importante sottolineare che da quest’anno sono possibili, in determinati giorni, visite anche alla tomba delle Pantere e alla Via dei Principi.    

Per quanto riguarda l'iniziativa "I Colori degli Etruschi", con l'apertura straordinaria di altre tombe dipinte, la visita va prenotata.


Il Museo Archeologico nazionale di Tarquinia

Il Museo Archeologico nazionale di Tarquinia è ospitato presso il rinascimentale palazzo  Vitelleschi nel centro storico di Tarquinia. E nel mezzo del cortile si trova un pozzo ottagonale, su cui è scolpito in bassorilievo lo stemma dei Vitelleschi. Nei due ambienti al pianterreno, sono esposti importanti reperti funerari tra cui sarcofagi e sculture appartenenti a importanti famiglie etrusche. Al primo piano è esposta una ricca collezione di reperti, che vanno dal periodo villanoviano a quello romano, con importanti testimonianze di pittura greca ed etrusca: vaso di Bocchoris (VII-Vl secolo a.C.), vasi greci a figure nere del VI secolo a.C. e attici a figure rosse.
Nella sala posta al secondo piano, che è stata finemente restaurata  e aperta al pubblico nel 2002, è possibile ammirare la famosa e armoniosa scultura dei cavalli alati. I cavalli alati rappresentano nel mondo intero l’eleganza dell’arte etrusca e il suo ritrovamento risale al 1936 nei pressi dell’Ara della Regina, nell’antica Civita. Originariamente era collocata sul frontone del tempio dell’Acropoli. In fondo al loggiato si possono ammirare le pitture provenienti da quattro tombe: delle Bighe, del Triclinio, delle Olimpiadi, della Nave. Le tombe appartengono alla Necropoli di Monterozzi, patrimonio dell’Umanità Unesco.

Info biglietteria: Museo Nazionale Archeologico, p.zza Cavour – Tarquinia (VT), tel. 0766.850080


La necropoli delle tombe dipinte di Tarquinia, la necropoli della Banditaccia di Cerveteri e le archeoguide

L’audioguida accompagna sapientemente alla scoperta di un sito bello e ben curato, dove l’accorto lavoro della Soprintendenza Archeologica per l’Etruria Meridionale permette di ammirare, in modo autonomo, gli ipogei dipinti.  L’audioguida li descrive in modo coinvolgente.
Scendendo nelle tombe il visitatore può seguire il racconto di un’antica civiltà che gli scavi archeologici arricchiscono anno dopo anno, dischiudendo alla nostra conoscenza i segreti di un popolo che non ha lasciato di sé memorie scritte.

Per i più piccoli è in funzione un'audioguida speciale: l'archeoguida, un nuovo servizio, da poco inaugurato, per la visita audioguidata.
L'archeoguida, che incuriosisce anche i grandi, è riservata ai bambini e,  proprio da loro, dai "piccoli turisti", sta ottenendo un grande apprezzamento.
Durante la visita si può anche osservare l’ampia e suggestiva veduta verso la collina dove sorgeva la “civita” etrusca.
Presso la necropoli di Monterozzi è presente un ampio punto ristoro con degustazione gratuita di prodotti tipici della terra etrusca. Area attrezzata per break all’aperto.

Da non perdere inoltre una visita alla Necropoli Etrusca della Banditaccia di Cerveteri, patrimonio dell’Umanità che, come la necropoli delle tombe dipinte di Tarquinia, fa parte della lista dei siti UNESCO. All’interno della necropoli è a disposizione dei visitatori un’ampia struttura di ristorazione, dove degustare prelibati prodotti tipici e rilassarsi nel corso delle visite alle tombe. Una grande novità della necropoli di Cerveteri è rappresentata dalle nuovissime audioguide in 3D della tomba dei Rilievi, in anteprima mondiale, per una full immersion imperdibile nel grande passato etrusco.

Informazioni e biglietteria
Per quanto riguarda la visita al Museo Nazionale Etrusco e alla Necropoli di Monterozzi, ricordiamo che la visita si può effettuare tutti i giorni della settimana, escluso il lunedì. Sono aperte al pubblico 19 tombe dipinte, con orario continuato dalle ore 8.30 alle 19.30.
Le biglietterie chiudono un'ora prima e non è richiesta prenotazione.
Info biglietteria necropoli di Tarquinia, tel. 0766.840000

Costo biglietti di ingresso
Intero 6,00 euro

Ridotto - per cittadini dell’Unione Europea tra 18 e 25 anni e per insegnanti di ruolo nelle scuole statali - 3,00 euro

Cumulativo Necropoli e Museo
Intero 8,00 euro

Ridotto - per cittadini dell’Unione Europea tra 18 e 25 anni, per insegnanti di ruolo nelle scuole statali  - 4,00 euro

Ingresso gratuito per:

- cittadini dell'Unione Europea di età inferiore ai 18 anni o superiore ai 65 anni
- studenti e docenti delle Facoltà di Architettura e di Lettere (indirizzo Storia dell'arte)
- dipendenti MiBAC - Ministero per i Beni e le Attività Culturali
- guide turistiche autorizzate dalla Regione Lazio nell'esercizio della propria attività
- appartenenti all'ICOM

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Turismo

Altare prima del trono: nacque a Sovana Gregorio VII, Papa che cambiò la storia

L'altare prima del trono: a Sovana Gregorio VII, il Papa che cambiò il corso della storia...

Tuscia, turismo all'aperto: emozionanti visite guidate a Viterbo e Civita di Bagnoregio

Rilancio del turismo e nuove idee che possano contribuire fattivamente a questo obiettivo. In...

Viterbo, visite guidate. Cosa vedere in un giorno: prosegue “VITERBO SOTTOSOPRA”

Rilancio del turismo e nuove idee che possano contribuire fattivamente a questo obiettivo. Nella...

Alto Adige, estate all’aria aperta sulle Dolomiti

Dopo l’emergenza Covid-19 tutti sentiamo la necessità di ossigenare mente e corpo e di...

PALAZZO FARNESE A CAPRAROLA, COSA VEDERE CON LE VISITE GUIDATE

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

Orchestra Italiana del Cinema: video e nuovo hahstag “Tutti Amiamo L’Italia

L’Orchestra Italiana del Cinema pubblica un suggestivo video di ottimismo e speranza lanciando il...

Fiumicino miglior aeroporto d'Europa nel 2019

L’aeroporto di Fiumicino si è visto attribuire dall’Airports Council International il premio...

San Gregorio VII, il Papa che umiliò l'Imperatore, torna a Sovana il 22 febbraio

Con la festa della Presentazione al tempio di Gesù è iniziato ufficialmente nei giorni scorsi...