Genova, UnoNotizie.it - All’inaugurazione del 50° Salone Nautico Internazionale di Genova Greenpeace denuncia con un’azione spettacolare il degrado del Santuario dei Cetacei, una zona di mare “protetta” dal 1999. Una ventina di attivisti dell’organizzazione sono entrati alla fiera di Genova e hanno aperto due striscioni sulla facciata principale del nuovo padiglione B: un gigantesco scheletro di balena accompagnato dal messaggio “Serve un Santuario non un cimitero”.

Dopo un’intensa campagna di Greenpeace all’inizio degli anni ’90, finalmente nel 2001 l’Italia riconosceva la creazione del Santuario e si impegnava a proteggere balene e delfini dell’area. Oggi, nove anni dopo, il Santuario dei Cetacei rischia di diventare un cimitero: nessuna misura specifica di tutela è stata ancora attuata, le balene diminuiscono e il degrado aumenta.

«Minacce come il traffico marittimo e l’inquinamento – denuncia Giorgia Monti, responsabile della campagna Mare di Greenpeace - stanno mettendo a rischio un ecosistema unico. Le nostre ultime analisi indicano un’elevata contaminazione da batteri fecali in alto mare e un accumulo di sostanze tossiche nei pesci del Santuario, in alcuni casi oltre i limiti di legge. Nonostante le nostre denunce, il ministero dell’Ambiente continua a non fare nulla».

È per questo, che proprio da Genova, sede simbolo del Santuario e dove si svolge ogni anno il Salone Nautico, Greenpeace chiede alle Regioni che si affacciano sull’area di non nascondersi più dietro l’inattività del Ministero. La navigazione è uno dei principali problemi del Santuario e proprio le Regioni, che gestiscono le zone portuali nell’area, devono assumersi la responsabilità di garantire la sostenibilità del settore.

«Da mesi chiediamo un incontro a Liguria, Toscana e Sardegna - continua Monti - per discutere della gestione del Santuario, ma non ci è ancora stato concesso. Le Regioni devono dimostrare di voler tutelare davvero un patrimonio di cui anch’esse sono responsabili, stabilendo al più presto misure concrete di protezione. Le parole non bastano più, ci servono i fatti!».

Un piano di gestione per tutelare il Santuario è stato sviluppato nel 2004, pagato ma mai attuato, e come se non bastasse da quest’anno l’organo di gestione del Santuario, il Segretariato con sede proprio a Genova, non esiste più. «Il conto alla rovescia per salvare il Santuario è partito. L’11 ottobre 2011  - conclude Monti - sarà il decimo anniversario dalla ratifica dell’Accordo: le balene non possono più aspettare!».

Il Santuario è un precedente fondamentale per la tutela del nostro mare. Si tratta, infatti, dell’unica area protetta del Mediterraneo che comprende anche acque internazionali. Gli Stati del Mediterraneo si sono impegnati a realizzare una rete di aree marine protette in alto mare entro il 2012:ad oggi esiste solo il Santuario e non è certo un buon esempio.


Scarica l’approfondimento “Serve un santuario, non un cimitero”:
http://www.greenpeace.org/raw/content/italy/ufficiostampa/rapporti/santuario-cimitero.pdf



CONTATTI:
Ufficio stampa Greenpeace, 06 68136061 int. 239 - 203
Maria Carla Giugliano, ufficio stampa, 3496066159
Giorgia Monti, resp. Campagna Mare, 3455547228
Massimo Guidi, foto e video, 3280646175

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani smascherano speculazioni urbanistiche edilizie

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...