VETRALLA, Viterbo - ultime notizie Tuscia - Domenica mattina, alle ore 10,30, presso il Museo della Città e del Territorio, in via di Porta Marchetta 2, a Vetralla, si parlerà di Etruschi.

Più precisamente, la conferenza tenuta da Maria Paola Fiorensoli tratterà delle donne etrusche.

Il passaggio tra l’Età del Bronzo e quella del Ferro, segnò nel Latium Vetus – comprensivo di gran parte del Lazio attuale, territori a est confinanti ed Etruria meridionale – un profondo cambiamento che spezzò l’omologazione della vita agro-pastorale in piccoli villaggi e vide nascere quattro grandi protocittà - Cerveteri, Veio, Tarquinia e Vulci – abitate da gente che si autodefiniva Rasenna.
Più emancipate delle restanti abitatrici del Latium Vetus, le Rasenne, mantennero la loro unicità, di cui erano ben consce e andavano fiere, anche sotto la dominazione romana, fino all’età augustea.
Il loro modello femminile, con scarsi e lontani paragoni, è rimasto ineguagliato fino ad epoche recenti. Se ne intendono valorizzare le eccellenze e i protagonismi all’interno del loro nuovo ruolo, o di quanto più antico?; patto tra i sessi, dell’organizzazione del potere, della gestione della sfera familiare, sociale, legislativa, militare e religiosa, a partire da ciò che le tradizioni, le fonti, la letteratura, l’arte
e le evidenze archeologiche raccontano di loro.

Dott.ssa Maria Paola Fiorensoli Iorno
Laureata presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” con una tesi multidisciplinale (antropologia culturale, storia dell’arte, storia delle religioni), è giornalista pubblicista, saggista, attiva nelle politiche delle donne, ha partecipato all’iter costitutivo della Casa internazionale delle donne, a Roma. Presiede l’ass. editoriale “il Paese delle donne” e il Premio di scrittura femminile “il Paese delle donne” ed è socia dell’ass. culturale “Zora Neale Hurston”, entrambe presenti nella Casa.
Dagli anni Ottanta cura seminari, convegni, promozione libraria inerenti l’identità, l’esperienza e i portati del femminile.
Tra gli editi: “La città della dea Perenna” che ripercorre la storia delle donne in Roma dal XVII al XX secolo e delle comunità femminili laiche e religiose abitanti, nel tempo, l’odierna Casa internazionale delle donne; “il Piacere di esserci”, sull’associazionismo femminile presente negli anni Novanta, nella Consulta femminile della Regione Lazio.

per maggiori info
http://www.ghaleb.it/eventi_2010_10_24.htm

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Cultura

GIORNATE FAI DI PRIMAVERA / 23 e 24 marzo apertura straordinaria di oltre 1.100 siti in 430 località d’Italia

Ultime news - unonotizie.it - Lo splendido paradosso della bellezza italiana è l’essere insieme...

ARCHEOMAFIE / patrimonio culturale e aggressione criminale: il fenomeno delle archeomafie

“Guardate la definizione che di Archeologo ed/od Archeologia fornisce la Treccani, come pure...

TARQUINIA, NUOVO LIBRO SILVANO OLMI / sabato 26 gennaio presentazione di “Non solo la Ciociara” sulle violenze di guerra

Ultime news - unoNotizie.it - Sarà presentato sabato 26 gennaio 2019, alle 17, nella sala del...

TUSCIA, PARCO ARCHEOLOGICO VULCI / la Regione Lazio si impegna a sostenere il Parco Archeologico di Vulci

La Regione Lazio per tramite dell’assessore al bilancio Alessandra Sartore ha dichiarato,...

UNESCO / 49 meraviglie Unesco nel Mediterraneo a rischio entro il 2100 per erosione e innalzamento mari

Ultime news - UnoNotizie.it - Una simulazione pubblicata sulla rivista Nature Communications...

IVREA SITO UNESCO / città ideale della rivoluzione industriale del Novecento

Ultime news - unonotizie.it - "Ivrea, la città ideale della rivoluzione industriale del Novecento,...

FAI, IN 700 MILA PER LE GIORNATE DI PRIMAVERA / il sito più visitato la chiesa di San Francesco del Prato a Parma

Ultime news - Unonotizie.it - Grande successo per la 26ª edizione delle Giornate FAI di Primavera:...

A VITERBO PER DIVENTARE "DETECTIVE DELL'ARTE" / master in Archeologia Giudiziaria e Crimini contro il Patrimonio Culturale

Ultime news - Unonotizie.it - Provengono da tutta Italia gli oltre trenta archeologi, storici...