ROMA - ultime notizie ambiente - Colosseo e Fori pedonali, corsie preferenziali e nuovi tram, progetti di volontariato e per l'adozione del verde urbano da parte dei cittadini, bollino verde energetico per tutti gli edifici, duemila tonnellate di rifiuti riciclati al giorno, più bike sharing e car sharing, parco dei fiumi di Roma. Legambiente coglie l'occasione della metà mandato dell'amministrazione capitolina per lanciare sette proposte da attuare subito, sulle quali chiede di confrontarsi al sindaco Alemanno.

“Le grandi città italiane in questi anni soffrono e a Roma sono molte le criticità ambientali, servono scelte innovative e coraggiose -dichiara Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Riqualificazione, fruibilità, vivibilità, volontariato sono le parole chiave per rendere più sicura e più umana la Capitale. Su questi temi, ora si deve concentrare l'azione del Comune, cogliamo per questo l'occasione della metà del mandato e lanciamo sette proposte molto concrete sulle quali chiediamo al Sindaco Alemanno di confrontarci”.

A) Pedonalizzare il Colosseo e l'intera area archeologica dei Fori, togliendo finalmente al monumento più famoso del mondo il ruolo di spartitraffico in occasione dell'importantissimo bando per il restauro, ricollegando centro e periferia con un “parco archeologico della Roma Antica” che unisca i Fori e l'Appia Antica, Veio, Gabii e Centocelle.

 B) Disegnare mille chilometri di nuove corsie preferenziali protette, per fare spazio e far correre il mezzo pubblico, dando più corse e più puntualità ai nostri autobus e tram. Avviare il nuovo Piano tram, mentre si continua a lavorare sulle metropolitane, per dare un nuovo ruolo strategico al ferro anche in superficie, con decine di chilometri lungo tutte le direttrici importanti della città, da Marconi alla Togliatti, dalla Casilina alla Tiburtina e alla Nomentana, per diminuire così anche l’inquinamento atmosferico.

C) Far partecipare i cittadini ad un nuovo modello di governo che premi il volontariato e la sussidiarietà, il confronto tra comitati associazioni e amministrazione, il lavoro comune su alcuni fronti come quello del decoro. Il volontariato va valorizzato, cogliendo l'opportunità dell'Anno Europeo del Volontariato indettonel 2011 dalla Commissione europea per festeggiare i dieci anni dell'anno internazionale del volontariatodelle Nazioni Unite, un'occasione che Roma non può perdere.Sull'esempiodelle grandi campagne di Legambiente come Puliamo il Mondo e sul modello del “Citizens Committee” di New York, Legambiente chiede di sostenere progetti di volontariato e per dare in adozione ai cittadini aree verdi e piccoli spazi pubblici, per dare continuità agli interventi e risolvere una volta per tutte i problemi.

D) Bollino verde per certificare il rendimento energetico degli edifici, per far risparmiare i cittadini e vincere la lotta ai cambiamenti climatici. Come sugli elettrodomestici per lanciare il risparmio e l'efficienza energetica e le fonti rinnovabili, Legambiente propone di apporre su tutti i palazzi un certificato, rendendo operativo l'obbligo di installazione di impianti solari termici e fotovoltaici per tutte le nuove costruzioni e le ristrutturazioni, per un migliore e più razionale uso dell’energia.

E) Riciclare almeno duemila tonnellate di rifiuti ogni giorno nella Capitale battendo discarica e incenerimento. Prevenzione della produzione di rifiuti con l’obiettivo di una riduzione del 20% puntando soprattutto sull'acqua pubblica piuttosto che imbottigliata, apertura delle isole ecologiche per il riuso dei materiali, estesa raccolta differenziata domiciliare anche per la frazione organica per arrivare almeno al 45% a breve termine.

F) Innovare la mobilità, primo obiettivo di 1.000 auto per il car sharing e 350 postazioni per il bike sharing. Tutte le sperimentazioni sulla mobilità sostenibile, con l'auto condivisa e il bike sharing, hanno funzionato bene, sono formule innovative, intelligenti e vantaggiose alle quali l’amministrazione deve dare concretamente priorità, estendendole a tutta la città in tempi brevi e certi.

G) Realizzare il “parco dei fiumi di Roma, del Tevere e dell'Aniene”, riscoprire il valore delle ville storiche con nuovi percorsi, liberare il mare dalla gabbia del lungomuro di Ostia. Istituire una grande area protetta a Roma e nel Lazio lungo uno dei fiumi più noti al mondo, accelerando su disinquinamento e ripristino ambientale, migliorando l’efficienza dei sistemi fognari e di depurazione. Il verde di Roma ha un valore inestimabile che va riscoperto, non può essere solo un problema per i costi di manutenzione, ma una grande occasione con nuovi percorsi. Liberare il mare di Roma, eliminando il lungomuro di Ostia e liberando gli accessi alle spiagge.

Commenti

Un recente art.:DE BENEDETTI RADDOPPIA LA CENTRALE DEI VELENI Leggo un art. della Sig.ra. BRIUGLIA : http://www.google.it/urlqhttp3A2F2Fwww.truciolisavonesi.it2Farticoli2Fnumero1892Fbriuglia.htmeiDW10TIm4B8iVswa0mmaBgsaXoiunauthorizedredirectcttargetlinkust1282700309123184usgAFQjCNFcNctbbipZZ9N3DU05dwCcdbnSQ Da cui estraggo: Così anche LEGAMBIENTE, mentre a Genova e alla Spezia promuove una battaglia di dismissione perché il carbone uoce gravemente alla salute, a Savona, a Vado e in Val Bormida ritiene che il carbone possa essere addirittura ben tollerato Le EMISSIONI di CO2 sono l´unico inquinante che Legambiente ligure si degna di considerare.. ..Quando poi apprendiamo che Legambiente è SOCIO AZIONARIO di Sorgenia, la finanziaria del gruppo De Benedetti che controlla a sua volta Tirreno Power proprietaria della centrale di Vado, si può comprendere anche il suo ruolo di MALCELATA SUDDITANZA.
commento inviato il 29/10/2010 alle 3:20 da PIERO IANNELLI  
BENE. Ora considerate le grandi BATTAGLIE contro il nucleare, da parte di LEGAMBIENTE vorrei sottolinearne un aspetto accapricciante. LEGGO: un articolo comparso su Scientific American una centrale a carbone disperde nell´ambiente 100 VOLTE PIU´ RADIAZIONI di una centrale nucleare che produca la stessa quantità di energia FONTE: http://www.google.it/urlsatsourcewebcd1ved0CBYQFjAAurlhttp3A2F2Fqualenergia.it2Fview.php3Fid3D106926contenuto3DArticoloeizkfITOD4Ls54Aa42OXlBgusgAFQjCNFFZQ-kRAz5bU5zJ36FmK2h10b8Asig2cJ6JX6BAz4r3ksHzuy7QXA SORPRESA: Chi scrive della pericolosità radiologica è Il portale di Kyoto Club e Legambiente per conoscere e decidere sull´energia di oggi e di domani Ma ovviamente LEGAMBIENTE partecipa alla costruzione di centrali a CARBONE RADIOATTIVO..100 volte più RADIOLOGICO del NUCLEARE AMBIENTALISMO SPETTACOLO Cordialmente. Piero Iannelli pieroiannelli@gmail.com
commento inviato il 29/10/2010 alle 3:23 da PIERO IANNELLI  
Riguardo invece il martellante messaggio riguardo il fantomatico riscaldamento globale e il demone CO2, sarebbe il caso LEGAMBIENTE SPIEGASSE cosa ci sia di vero in questo: Federparchi ed i parchi rappresentano per Legambiente e per i suoi dirigenti la più grande fonte di guadagno (anche personale) dei prossimi decenni. Centinaia di milioni di euro. La parola magica è C.A.R.B.O.N – C.R.E.D.I.T FONTE: http://www.notiziegenova.altervista.org/index.php/te-lo-nasondono/1446-la-truffa-di-qlegambienteqmolto-business-poca-salvaguardia-e-grande-avidita Cari signori a quanto vedo il RE è nudo,l´ambientalismo stuprato Cordialmente. Piero Iannelli pieroiannelli@gmail.com N.cell.: 3398513962
commento inviato il 29/10/2010 alle 3:31 da PIERO IANNELLI  
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minacciano un territorio ricco di biodiversità ed archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territorio in pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...

COORDINAMENTO NO TRIV REPLICA A UIL: Crisi sanitaria in Basilicata e royalties petrolifere

Lo scorso 8 Aprile, sulle pagine de “Il Quotidiano del Sud”, a cura di Eugenio Furia, è...

[RI]COSTRUIRE L’ITALIA animati da solidarietà democratica, appello NO-TRIV

“Tutti sanno che nulla potrà tornare come prima, ma è adesso che dobbiamo, insieme, darci da...