REGIONE LAZIO REVOCA FINANZIAMENTO A AREE ARCHEOLOGICHE DI VULCI E TARQUINIA. Ultime notizie Tuscia -  interrogazione al Ministro BondiLa Regione mette a rischio le aree archeologiche di Vulci e Tarquinia. Ultime notizie -
Attrattori culturali, nuova interrogazione al ministro Sandro Bondi di Ugo Sposetti. “La Regione Lazio – spiega il deputato del Partito democratico - ha revocato i 35 milioni assegnati nell’ambito degli ‘Interventi per la valorizzazione e la promozione dei grandi Attrattori culturali’. E, nonostante in risposta alla prima interrogazione in merito, dal ministero specificarono che la giunta regionale avrebbe dovuto attivare in sede di Unione europea la rinegoziazione del finanziamento, a oggi nulla è stato fatto”. Le proposte progettuali relative alle straordinarie emergenze archeologiche etrusche presenti nei comuni di Tarquinia, Montalto di Castro e Canino sono state con un colpo di spugna cancellate.
Cancellato il milione e settecentomila euro assegnato al Comune di Montalto di Castro. Cancellato il milione e trecento mila euro assegnato al Comune di Tarquinia.

“Il provvedimento che revoca la delibera iniziale e le determinazioni successive. adottato dalla giunta Polverini senza aver consultato gli enti interessati, rischia di compromettere i progetti di sviluppo e di valorizzazione delle aree archeologiche di Vulci e Tarquinia e di annullare le politiche di tutela e valorizzazione del più importante patrimonio archeologico della nostra provincia. Quello che preoccupa - continua Sposetti – è che qualora la Regione Lazio confermasse tale orientamento il Comune di Montalto di Castro, in presenza di questo grave inadempimento, si vedrebbe costretto a chiedere una verifica degli impegni assunti dalla stessa Regione Lazio nella Convenzione per l’esercizio coordinato e integrato delle attività di valorizzazione e di fruizione del patrimonio culturale del parco archeologico di Vulci, sottoscritta il 12 maggio 2008 .

“Raccogliendo le preoccupazioni dei comuni interessati, – conclude Sposetti – chiediamo al ministro Bondi di chiarire quali urgenti iniziative di competenza intenda adottare per una verifica della piena legittimità degli atti amministrativi approvati dalla giunta regionale del Lazio e se non vi siano i giusti presupposti per la revoca dell'intero e controverso iter adottato dalla stessa amministrazione. Chiediamo, inoltre, se non ritenga necessario valutare le eventuali responsabilità relativamente alle procedure seguite dalla Regione, anche al fine di evitare il rischio di danni erariali e di possibili richieste di risarcimento.
L'interrogazione è stata co-firmata dal deputato del Pd, Giovanni Lolli.




Interrogazione a risposta orale in Commissione

Al Ministro per i beni e le attività culturali.



Per sapere - premesso che:


la Regione Lazio con delibera di giunta n. 149 del 13 marzo 2009,  approvava, ai fini dell'attuazione dell'Attività II.5  del POR «Interventi per la valorizzazione e la promozione dei Grandi Attrattori Culturali», la scheda attuativa contenente i dettagli relativi al contenuto tecnico delle operazioni cofinanziabili, alle spese ammissibili, alle procedure amministrative, tecniche e finanziarie. La stessa delibera prevedeva l'istituzione di una specifica commissione tecnica con l'obiettivo di elaborare i piani di valorizzazione dei grandi attrattori culturali (GAC) e di valutare e selezionare le proposte progettuali da ammettere a finanziamento. All'attuazione degli interventi per la promozione dei grandi attrattori culturali veniva assegnata una somma pari a euro 35.000.000;
 
con la determinazione 1588 del 4 giugno 2009 veniva approvato il documento tecnico «Valutazione e selezione delle proposte progettuali relative ai grandi attrattori Culturali - griglia dei punteggi»;
la commissione tecnica, nominata con decreto del Presidente della regione n. T0474 del 2 luglio 2009, nella seduta del 30 ottobre 2009, approvava le graduatorie delle proposte progettuali pervenute relative a ciascun GAC;

con determinazione n. D1107 del 12 marzo 2010 veniva approvato il quadro degli interventi per ciascun GAC con le specifiche articolazioni attuative, il loro costo complessivo ammissibile e il contributo concedibile per le venti proposte progettuali selezionate come ammissibili e finanziabili;
con successive comunicazioni la direzione regionale competente invitava i comuni interessati ad incontri di approfondimento delle prescrizioni contenute nelle schede tecniche relative alla proposte progettuali selezionate nell'ambito dei piani di valorizzazione dei Gac. Tra i progetti approvati figurava la proposta progettuale “ Vivi gli etruschi. Un nuovo sistema territoriale  per la valorizzazione  e  promozione  del patrimonio archeologico e paesaggistico  dell’Alto Lazio” relativa al parco archeologico di Vulci;

successivamente la legge regionale n. 3 del 2010 prevedeva all'articolo 1, commi 29-31, la realizzazione di interventi infrastrutturali nelle scuole attraverso l'adozione di un programma straordinario per la messa in sicurezza degli edifici scolastici e per l'innovazione delle strutture. A tal fine, il comma 31, secondo periodo, prevedeva  che, ad integrazione delle risorse già stanziate dal primo periodo del medesimo comma, «il Presidente della Regione, con proprio decreto, provvede ad assegnare ulteriori risorse a seguito delle economie e/o rimodulazioni derivanti dal POR FESR 2007-2013 per un importo pari ad euro 35 milioni»;
la Regione Lazio , soggetto attuatore della  Programmazione comunitaria POR FESR, in qualità di Autorità di Gestione, secondo quanto riferito dal Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, On Vegas il giorno 27.10.2010 in risposta all’interrogazione parlamentare  n° 5/03464 , avrebbe dovuto perseguire  la realizzazione delle finalità espresse e specificate nel Programma e   il raggiungimento di livelli di spesa atti a superare al termine di ogni anno il target di spesa sufficiente ad evitare il disimpegno automatico delle risorse impegnate sul bilancio comunitario. Inoltre , sempre secondo il Vice  Ministro  eventuali modificazioni  avrebbero dovuto  seguire un preciso percorso negoziale con l'Amministrazione nazionale competente (la Direzione Generale per la Politica Regionale Unitaria Comunitaria del citato Dipartimento per le politiche di sviluppo e coesione) e con i servizi della Commissione europea. In questo percorso negoziale, concludeva il Vice Ministro , si sarebbe dovuta prevedere  la partecipazione attiva del Comitato di Sorveglianza che, in base ai regolamenti comunitari, deve approvare le eventuali proposte di modificazioni motivatamente avanzate dall'Autorità di Gestione;
la giunta regionale del Lazio , senza svolgere  alcuna  preventiva e necessaria  consultazione con gli enti interessati e senza  concordare  eventuali modalità di attuazione  dei progetti  approvati relativi ai Grandi Attrattori Culturali  , con la proposta n. 810 del 19.01.2011 ha  revocato la DGR n. 149 del 13.03.2009  e tutti i successivi atti amministrativi;

il provvedimento, che secondo l’interrogante parrebbe  viziato  da nullità e illegittimità per difetto di motivazione , genericità e  contraddittorietà  rischia di produrre gravi danni  al Comune di Montalto di Castro ,  individuato nella  Convenzione sottoscritta il 12 maggio 2008  fra il  Ministero  per i Beni  e le attività Culturali, la Regione Lazio , la Provincia di Viterbo  per l’esercizio  coordinato  e integrato  delle attività  di valorizzazione  e di fruizione  del patrimonio  culturale del  parco Archeologico di  Vulci, quale soggetto concessionario dei beni immobili  di pertinenza  dello Stato  esistenti   nell’area del Parco Archeologico di Vulci;

nella delibera di revoca  della DGR n. 149 del 13.03.2009  non è stata espressa  alcuna congrua valutazione  ed argomentazione  tale  da motivare  l’esistenza  del “ mutamento  della situazione di fatto e di  una  nuova valutazione  dell’interesse pubblico  originario”  giacchè  resta  del tutto assente  qualsiasi  richiamo  ad istruttorie , indagini , atti  e provvedimenti  resi  per sostenere il rispetto  dell’art 21 quinquies della legge 241/1990;

per quanto riguarda  la proposta progettuale relativa al parco di Vulci “ Vivi gli etruschi. Un nuovo sistema territoriale  per la valorizzazione  e  promozione  del patrimonio archeologico e paesaggistico  dell’Alto Lazio” non è stata svolta  alcuna preventiva  e necessaria consultazione  con  le istituzioni coinvolte  tesa  a definire  gli effetti della revoca  e  le ricadute che la stessa avrebbe avuto in riferimento  alla Convenzione sopra citata;

le incertezze conseguenti alla approvazione della Delibera di Giunta di revoca della DGR n.149 del 13..03.2009 , oltre a determinare una grave confusione istituzionale rischiano di compromettere il progetto di sviluppo  e la  stessa esistenza del Parco Archeologico di Vulci;

il Comune di Montalto di Castro non riuscirà  infatti da solo a garantire  la continuità  degli impegni assunti  nella Convenzione e a gestire un patrimonio  tanto ampio quanto articolato. Non sarà in grado di adottare ,  con le sue limitate risorse,  le necessarie iniziative di valorizzazione del Parco;

in assenza di un quadro di riferimento certo il Parco di Vulci  vedrebbe ridotta drasticamente  la propria attività. Quel ricco patrimonio di conoscenze  e di qualificate  risorse umane accumulate in circa quindici anni di attività rischierebbero di essere disperse;

quali urgenti iniziative di competenza si intendano adottare per una verifica della piena legittimità degli atti amministrativi approvati dalla Giunta regionale del Lazio e se non vi siano i giusti presupposti per un intervento teso alla revoca dell'intero e controverso iter adottato dalla stessa amministrazione regionale;

se non ritenga necessario valutare le eventuali responsabilità relativamente alle procedure seguite dall’amministrazione della regione Lazio  anche al fine di evitare il rischio di danni erariali e di possibili richieste di risarcimento;

quali iniziative intenda intraprendere per garantire la piena attuazione della Convenzione  e per favorire  tutti quegli interventi  tesi ad assicurare la  salvaguardia  e la  valorizzazione  del  Parco Archeologico di Vulci.


Sposetti
Lolli

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Cronaca

TUSCIA, FESTE DEL VINO / dal 26 luglio al 25 agosto in programma oltre 150 appuntamenti in vari borghi

Presentate questa mattina nella suggestiva sala “Martino IV” nella Rocca dei Papi di...

CONSIGLIO REGIONALE LAZIO / PTPR: tuteliamo così il nostro prezioso paesaggio

Secondo giorno di discussione del PTPR in Consiglio Regionale del Lazio. Il Piano è lo strumento...

VITERBO, EMOZIONE SOTTERRANEA / alla scoperta degli spettacolari sotterranei di Viterbo Underground

Ultime news - UnoNotizie.it - Tesori d’ Etruria e la sua Viterbo Sotterranea sono diventati...

I GATTI ALLUNGANO LA VITA / adottare un gatto combatte la depressione e fa bene al cuore

Ultime news - UnoNotizie.it - I gatti allungano la vita, fanno bene alla salute del cuore, tengono...

TARQUINIA, MOVIMENTO 5 STELLE / proposta del M5S di Tarquinia per convocare i consigli comunali in orari serali

Appena due anni fa è stata approvata in consiglio comunale la proposta del M5S di Tarquinia...

VITERBO, MORTO MARCO FOGLIETTA / la famiglia ringrazia tutti quanti hanno partecipato al suo dolore

Ultime news - UnoNotizie.it - Pochi giorni fa è scomparso a soli 53 anni Marco Foglietta, personal...

MOVIMENTO 5 STELLE TARQUINIA / il taglio dei vitalizi agli ex consiglieri della Regione Lazio è finalmente realtà

Il taglio dei vitalizi agli ex consiglieri della Regione Lazio è finalmente realtà. Il consiglio...

JAZZ & ROCKS / un evento unico: gli impulsi elettromagnetici del Vesuvio trasformati in musica

Ecco l'evento scientifico-musicale che costituirà il perfetto connubio tra Arte e Scienza e nello...