Al Sindaco di Civitavecchia

Al Presidente dell’Autorità Portuale di Civitavecchia

Alla stampa locale

 

Il Piano d’impresa di RFI (Rete ferroviaria italiana) recentemente diffuso dagli Organi di informazione rappresenta, a nostro avviso, l’ennesimo schiaffo per Civitavecchia in quanto prevede la chiusura del servizio navigazione trasporto carri merci da e per la Sardegna e, conseguentemente, la dismissione dell’impianto a metà del prossimo anno, il trasferimento della sede della Navigazione a Messina. Troviamo francamente scellerato questo piano che, come se non bastassero le migliaia di posti di lavoro che negli anni, a causa del disimpegno economico delle F.S. e della ristrutturazione selvaggia operata nel settore navigazione, sono andati perduti, significherà una ulteriore perdita di altri 250 posti. Trenitalia prevede inoltre la ricollocazione per il proprio personale coinvolto tramite esodi incentivati volontari (pensione), mobilità territoriale volontaria (migranti al Sud!), ricollocazione professionale in altre strutture (non si sa bene quali siano tali strutture e dove si trovino). Naturalmente per i lavoratori dell’indotto, figli di un dio minore, si prospetta la disoccupazione.

Trenitalia ci informa altresì che “per far fronte al necessario miglioramento della flotta sono in corso di attuazione investimenti” ma, da quello che capiamo, Civitavecchia non potrà mai beneficiare degli ammodernamenti e delle nuove navi che il piano prevede . Ci chiediamo:

perché le F.S. , proprio in un momento di grande espansione del nostro porto, le cui banchine sono richieste da armatori privati, operano la scelta ottusa di abbandonare Civitavecchia? Perché gli investimenti in mezzi atti ad esaudire le richieste di un mercato in crescita, sia di merci che di passeggeri, non interessano il nostro porto che da sempre ha garantito, anche per collocazione geografica, la continuità territoriale con la Sardegna offrendo un servizio gradito e sostenibile dal punto di vista ambientale? A chi giova? Perchè Messina o Livorno potranno beneficiare di tali scelte e non la nostra città ed il nostro porto? Chi sono i “furbetti” che si avvantaggeranno economicamente per le scelte operate da RFI?

Colpiscono in tutta questa operazione la totale indifferenza dell’Amministrazione “del fare”, sempre sollecita nel difendere le attività che non portano lavoro “pulito” (vedi centrali inquinanti e ventilati inceneritori) e il silenzio del Presidente dell’Autorità portuale. Perché le istituzioni, ad eccezione dei sindacati locali e dei nostri rappresentanti politici presso la Regione Lazio e di pochi altri, tacciono, non spendendosi affatto per impedire la chiusura dei servizi F.S? A chi giova?

Sappiamo che, a giorni, ci sarà un incontro fra RFI ed i sindacati per discutere il piano suddetto. Ci piacerebbe vedere al fianco dei sindacati locali il sindaco Moscherini ed il Presidente Ciani uniti nel pretendere un nuovo impegno delle F.S. nella nostra città.

Noi Verdi,unitamente alle forze politiche che condividono le nostre posizioni, staremo, come sempre, dalla parte dei lavoratori e spenderemo le nostre energie per respingere i piani F.S.

 

Maria Boncompagni

consigliere nazionale dei Verdi

 

Mario Dei Giudici

segretario dei Verdi di Civitavecchia

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE ? /l'ultimo articolo su Tarquinia Città di Luigi Daga. Parla anche della mafia a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...

RICORDIAMO PEPPINO IMPASTATO NELL' ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Ricorre l'anniversario della morte di Peppino Impastato, assassinato dalla mafia il 9 maggio...