Ultime notizie Maremma, autostrada Civitavecchia Livorno, A12 - Il Forum Ambientalista, associazione legalmente riconosciuta dal ministero dell'Ambiente, presenta le proprie osservazioni sul tratto Tarquinia - Civitavecchia dell'A12, relative al procedimento di approvazione del progetto definitivo con valutazione di impatto ambientale.

Insieme alle osservazioni di Italia Nostra Nazionale, il Forum crede di aver svolto un importante lavoro di informazione su un dramma non solo territoriale ma di tutta la Maremma, non condiviso con le comunità interessate, ma calato dall'alto e senza che vi sia stata la partecipazione dei cittadini alla scelta di un'Autostrada al posto di una strada statale, oggi gratuita, la SS AURELIA.


Nè la Regione Lazio, nè la provincia di Viterbo, hanno ritenuto opportuno presentare pubblicamente il tracciato autostradale nella sua versione definitiva, neanche il sindaco del comune di Tarquinia, che a tutt'oggi, insieme al Presidente del consiglio, non hanno dato seguito alla richiesta di una convocazione di un consiglio comunale aperto, sul tema, ne tantomeno hanno dato notizie di Osservazioni sul tracciato, sulle tantissime criticità che tuttavia presenta.

Le osservazioni sono dettagliate e puntuali, sono state pubblicate sul Blog nocoketarquinia.splinder.com e su https://www.facebook.com/groups/243545992342282/, ed esprimono tutte le perplessità, che esprime un'opera inutile, in un territorio che chiedeva da più di 20 anni la messa in sicurezza della SS Aurelia, non la sua cancellazione, e il diritto ad una mobilità gratuita,di un bene comune, la SS1 Aurelia, voluta dagli Antichi Romani, e consegnata, ora, nelle mani della SAT.

Peraltro, un'attenta analisi delle stime proposte di recente sul numero dei veicoli rende evidente che nemmeno quest'ultime appaiono sufficienti a motivare la costruzione di un'autostrada, infatti, secondo i calcoli condotti da professionisti ed esperti del settore, sulla tratta Rosignano - Civitavecchia attualmente passano in media circa 19 mila veicoli. Il numero dei veicoli, pertanto, secondo le stime di SAT (31.000 veicoli/giorno), dovrebbe praticamente raddoppiare. La SAT dice che l'opera sarà, interamente pagata con i pedaggi, quindi niente strade complanari, niente viabilità alternativa, ma tutti obbligati all'uso dell'autostrada da sud e da nord!

La criticità incontestabile è poi quella della inesistenza della viabilità complanare e alternativa all'Autostrada, tutta a carico della comunità che sarà una mannaia, per residenti e aziende agricole, perché nessuno ha pensato di risolvere il problema dello spostamento dei mezzi agricoli, che sull'autostrada non potranno più andare, tantomeno arrivare da una parte all'altra dell'Autostrada.
Per coloro che vivono e lavorano in campagna sarà impossibile raggiungere il paese senza fare almeno 20 KM di strada alternativa, la litoranea, quando possibile.

L'allarme che lancia il Forum Ambientalista e a tutti coloro che si sono associati alle nostra ragioni è che la viabilità alternativa sarà rappresentata da strade pericolose e senza alcuna precauzione per la sicurezza stradale, perché metterà su piccole strade di campagna, mezzi agricoli, mezzi pesanti, ciclisti e pedoni, nella peggior condizione di viabilità. Le popolazioni chiedevano la messa in sicurezza dell SS Aurelia, perché troppo pericolosa e causa di numerosi incidenti, perché riceve in cambio una viabilità ancora piu pericolosa?

Su questo tema c'è poi il silenzio assordante del comune di Tarquinia che non ha mai dato notizia ufficiale della presentazione del Progetto definitivo del tracciato autostradale, che è totalmente diverso da quello preliminare, approvato, non all'unanimità, anche contro le associazioni Ambientaliste, in consiglio comunale con delibera n. 95 del 21 Ottobre del lontano 2008, su indicazione della Regione Lazio e su cartografie che indicavano l'affiancamento dell'Autostrada all'Aurelia, la trasformazione di una strada parco, affiancata da una pista ciclabile.

Inoltre, il tracciato definitivo presentato dalla SAT al comune di Tarquinia è totalmente diverso, non è più affiancato ma sovrapposto all'Aurelia, la pista ciclabile cancellata, diverse le uscite, diverso il pedaggiamento, fatto in free flow, inesistente la viabilità alternativa.
Il comune di Tarquinia ed il consiglio comunale non ha mai approvato il nuovo tracciato, ne tantomeno si sono riconosciute le carenze progettuali sul problema della viabilità alternativa, mancata in definitiva la discussione, e la partecipazione dei cittadini.

I sindaci della Regione Toscana hanno perlomeno dato l'ampia disponibilità sui siti web del comune, con una puntuale pubblicità dei termini della presentazione delle osservazioni, con pubblicazione di manifesti, infine l'ampia disponibilità degli uffici tecnici per la documentazione e invio delle osservazioni, soprattutto per la categoria degli espropriati, che per primi avrebbero dovuto saperlo.

Il comune di Tarquinia ha lasciato che i residenti, ed in  primis gli iscritti nell'elenco degli espropri, gli agricoltori, rimanessero soli davanti a questo enorme problema. Alcune aziende Agricole, residenti, associazioni ambientaliste hanno inviato le osservazioni alle autorità competenti e al comune di Tarquinia, che speriamo si desti da questo immotivato ed irragionevole silenzio, anche rispetto alle innumerevoli domande a cui sarebbe doveroso dare una risposta.

Nei prossimi giorni saranno presentate le osservazioni in una assemblea pubblica, il tracciato definitivo dell'autostrada Tirrenica, spacca maremma, e tutte le ragioni del NO ALL'AUTOSTRADA E SI ALLA MESSA IN SICUREZZA DELLA SS AURELIA.



Fonte: Marzia Marzoli 
Forum Ambientalista

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani smascherano speculazioni urbanistiche edilizie

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...