Si sono mobilitati domenica mattina a Civitavecchia intorno alle 9.30 per una manifestazione promossa da Pier Luigi Goglia su internet e soprattutto su Facebook i molti cittadini appartenenti al comitato "Nessun dorma". L'appuntamento fissato allo Chalet degli eventi ha riunito un cospicuo gruppo di partecipanti, tra cui anche bambini, che con striscioni e palloncini si sono poi mossi fin dentro il orto storico dove si sono fermati per ascoltare diversi interventi.  Ad accompagnare il corteo è stato lo slogan "In marcia per un'aria migliore" che attraverso una marcia pacifica e apartitica ha voluto sensibilizzare la cittadinanza sul problema dell'inquinamento causato dai fumi delle navi in sosta al porto.

Il comitato "Nessun dorma" è nato qualche settimana fa proprio per affrontare il problema e dopo la grande partecipazione popolare all'assemblea pubblica di pochi giorni fa, all'aula Pucci, ha ottenuto un grande risultato: una delegazione di cittadini potrà infatti incontrare il prossimo 26 settembre, il presidente dell’Autorità Portuale Pasqualino Monti per fare il punto della situazione.   

Una situazione che è sicuramente preoccupante se si considerano le segnalazioni dei cittadini di Civitavecchia nello scorso mese di agosto. 22 denunce e due diffide verso altrettante compagnie di navigazione, colpevoli di emettere troppi fumi dalle ciminiere delle navi, soprattutto traghetti e navi da crociera ormeggiate in un porto che è anche collocato troppo vicino alla città e al centro abitato.

Non è un caso che il problema stia diventando sempre più urgente nello scalo laziale, nel 2011 infatti, secondo i dati Cemar, Civitavecchia supererà di poco Barcellona nel movimento passeggeri raggiungendo i 2,4 milioni. Siamo di fronte ad un porto crocieristico tra i più forti d’Europa e con il traffico traghetti più alto d’Italia.


A ciò si aggiunge un controllo delle emissioni scarsamente efficace: nei dintorni delle banchine non è presente alcuna centralina di rilevamento, se non quella della centrale Enel di Torre Valdaliga Nord che si trova però in un'area troppo distante dalle attività portuali e opposta a quella interessata dai venti principali che portano i fumi delle navi.

La misura su cui si dovrebbe puntare maggiormente sono i controlli: il decreto 205/2007 che attua la direttiva 2005/33/CE impone infatti dal primo gennaio 2010 per le navi ormeggiate nei porti l'impiego di combustibile con una percentuale di zolfo massimo dello 0,1% (btz). La Guardia Costiera ha il compito di far rispettare gli obblighi di legge ma è occupata a compiere operazioni ben più importanti: quelle di salvaguardia della sicurezza in mare. Basterebbero tecnologie, strumenti di rilevamento moderni e in postazioni adeguate per permettere alla Capitaneria di monitorare le emissioni senza difficoltà.

E' necessario affiancare una riflessione comune sulle vie che lo sviluppo deve seguire a Civitavecchia per non essere sinonimo di inquinamento: come ammodernare uno scalo a ridosso della città?

Come creare nuove zone di stoccaggio se si rischia di realizzare un terminal container a ridosso del municipio?

Insomma il problema delle emissioni delle navi in approdo e partenza apre un ampio ventaglio di temi che vanno al di là di quello, seppur immediato e urgente, dell’inquinamento.


Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...