Si sono mobilitati domenica mattina a Civitavecchia intorno alle 9.30 per una manifestazione promossa da Pier Luigi Goglia su internet e soprattutto su Facebook i molti cittadini appartenenti al comitato "Nessun dorma". L'appuntamento fissato allo Chalet degli eventi ha riunito un cospicuo gruppo di partecipanti, tra cui anche bambini, che con striscioni e palloncini si sono poi mossi fin dentro il orto storico dove si sono fermati per ascoltare diversi interventi.  Ad accompagnare il corteo è stato lo slogan "In marcia per un'aria migliore" che attraverso una marcia pacifica e apartitica ha voluto sensibilizzare la cittadinanza sul problema dell'inquinamento causato dai fumi delle navi in sosta al porto.

Il comitato "Nessun dorma" è nato qualche settimana fa proprio per affrontare il problema e dopo la grande partecipazione popolare all'assemblea pubblica di pochi giorni fa, all'aula Pucci, ha ottenuto un grande risultato: una delegazione di cittadini potrà infatti incontrare il prossimo 26 settembre, il presidente dell’Autorità Portuale Pasqualino Monti per fare il punto della situazione.   

Una situazione che è sicuramente preoccupante se si considerano le segnalazioni dei cittadini di Civitavecchia nello scorso mese di agosto. 22 denunce e due diffide verso altrettante compagnie di navigazione, colpevoli di emettere troppi fumi dalle ciminiere delle navi, soprattutto traghetti e navi da crociera ormeggiate in un porto che è anche collocato troppo vicino alla città e al centro abitato.

Non è un caso che il problema stia diventando sempre più urgente nello scalo laziale, nel 2011 infatti, secondo i dati Cemar, Civitavecchia supererà di poco Barcellona nel movimento passeggeri raggiungendo i 2,4 milioni. Siamo di fronte ad un porto crocieristico tra i più forti d’Europa e con il traffico traghetti più alto d’Italia.


A ciò si aggiunge un controllo delle emissioni scarsamente efficace: nei dintorni delle banchine non è presente alcuna centralina di rilevamento, se non quella della centrale Enel di Torre Valdaliga Nord che si trova però in un'area troppo distante dalle attività portuali e opposta a quella interessata dai venti principali che portano i fumi delle navi.

La misura su cui si dovrebbe puntare maggiormente sono i controlli: il decreto 205/2007 che attua la direttiva 2005/33/CE impone infatti dal primo gennaio 2010 per le navi ormeggiate nei porti l'impiego di combustibile con una percentuale di zolfo massimo dello 0,1% (btz). La Guardia Costiera ha il compito di far rispettare gli obblighi di legge ma è occupata a compiere operazioni ben più importanti: quelle di salvaguardia della sicurezza in mare. Basterebbero tecnologie, strumenti di rilevamento moderni e in postazioni adeguate per permettere alla Capitaneria di monitorare le emissioni senza difficoltà.

E' necessario affiancare una riflessione comune sulle vie che lo sviluppo deve seguire a Civitavecchia per non essere sinonimo di inquinamento: come ammodernare uno scalo a ridosso della città?

Come creare nuove zone di stoccaggio se si rischia di realizzare un terminal container a ridosso del municipio?

Insomma il problema delle emissioni delle navi in approdo e partenza apre un ampio ventaglio di temi che vanno al di là di quello, seppur immediato e urgente, dell’inquinamento.


Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

AMBIENTE, MAPPA DELL'ITALIA INQUINATA / cosa vuol dire convivere con l’inquinamento

Uno studio appena pubblicato dall’Istituto superiore di sanità (Iss) analizza lo stato di salute...

CENTRALE ENEL TVN CIVITAVECCHIA / il forum ambientalista smaschera i furbetti del carbone

Ultime news - unonotizie.it - Giovedì scorso la città di Civitavecchia è stata nuovamente...

CORRUZIONE, MAFIA E AMBIENTE / Ministro Costa: no alle mani della mafia sull'ambiente

Ultime news - UnoNotizie-.it - “La mafia punta a fare business con l’ambiente, un settore che...

CLIMA, ALLARME SICCITA' / Italia a secco con 15 mld metri cubi di acqua in meno

Ultime news - unonotizie.it - L’ Italia è a secco dopo che il trimestre invernale 2019 ha fatto...

SARDEGNA, INQUINAMENTO PLASTICA / a Porto Cervo trovato capodoglio morto, nel ventre un feto e 22 kg di plastica

Ultime news - unonotizie.it - Un capodoglio è stato trovato morto a Porto Cervo, in Sardegna,...

CITTA' E CLIMA, LA CLASSIFICA / Imperia ha il clima migliore in Italia, Pavia il peggiore

Ultime news - UnoNotizie.it - Imperia, Catania e Pescara, con sei città del Sud e delle Isole...

XYLELLA / Coldiretti al Premier Conte: "Fermare disastro colposo Xylella"

Ultime news - unoNotizie.it - Servono interventi immediati per contrastare il disastro colposo...

INCENDI / dall'inizio del 2019 un incendio al giorno per caldo e siccità

Ultime news - UnoNotizie.it - Per effetto del caldo e della siccità quasi un incendio al giorno è...