Contattaci Associazioni
iscriviti alla newsletter iscriviti alla newsletter diventa fan di unonotizie su facebook diventa fan
cerca   
home | attualità | cultura | salute | AMBIENTE | agroalimentare | turismo | sociale | spettacolo | scienza-tech | sport | mistero | eventi
ULTIME NOTIZIENORD ITALIA |CENTRO ITALIA |SUD ITALIA |LAZIO |TUSCIA
BRESCIA / 03-12-2011

CACCIA, VIDEO SHOCK SU YOUTUBE / Brescia, Colle San Zeno: clima da guerra, strage di uccelli migratori

LIPU: “PORRE FINE A QUESTA VERGOGNA NAZIONALE”



CACCIA, VIDEO SHOCK SU YOUTUBE: clima da guerra nel bresciano e strage di uccelli migratori. Ultime notizie Brescia - UnoNotizie.it -  Decine di cacciatori che sparano a tutto quello che vola, una strage di uccelli migratori che sta suscitando vergogna e indignazione nel popolo di Internet. E’ la LIPU-BirdLife Italia a diffondere oggi un video girato dai volontari del CABS (Commettee against bird slaughter Italia) Committee Against Bird Slaughter ITALIA Committee Against Bird Slaughter ITALIA.

Una strage vergognosa, effettuata in alcune giornate di ottobre sul valico di Colle San Zeno, nel bresciano, luogo molto frequentato, proprio in quel periodo, dagli uccelli migratori. Nel filmato compare un vero e proprio fronte di fuoco che accoglie i migratori di passaggio sul valico, persone che come impazzite sparano a tutto quello che si muove, in spregio alle leggi che distinguono le specie cacciabili da quelle non cacciabili e fissano i limiti personali di capi abbattibili.  

Nei giorni scorsi – dichiara la LIPU - abbiamo chiesto al neo ministro Clini di prendere sul serio i tanti problemi causati dalla caccia in Italia, sia sotto il profilo del bracconaggio sia per quanto riguarda quella tremenda “zona grigia” a metà tra caccia legale e bracconaggio, di cui il video girato dai volontari del Cabs nelle valli bresciane rappresenta un terribile esempio.   “Siamo di frontedichiara Fulvio Mamone Capria, presidente LIPU - non solo ad una situazione clamorosa e plurima violazione del diritto ma anche ad un’offesa al senso comune, una vera e propria vergogna nazionale resa possibile e talvolta addirittura coperta da certe amministrazioni quantomeno tolleranti. “Ma la misura è ormai colmaprosegue Mamone Capria - Abbiamo dunque trasmesso immediatamente il video ai vertici di BirdLife International e continueremo a farlo girare, contemporaneamente ad una forte azione perché non solo la società civile ma la politica, le amministrazioni centrali e locali, le forze di polizia e la magistratura intervengano con decisione. Basta illegalità conclude il presidente LIPU - basta deroghe, basta caccia ai piccoli uccelli migratori”onchè da quelli affissi in corrispondenza di incroci pericolosi.







torna a Ultime notizie ambiente Torna a: Ultime notizie ambiente invia ad un amico Invia ad un amico stampa Stampa
commentiCommenti
io ero uno dei volontari presenti, rivedere queste immagini mi fa star male, penso all´orrore di quelle domeniche specialmente quella del 16 ottobre, e alle migliaia di animali innocenti che cadevano dal cielo, fatti fuori per puro divertimento e come si vede nel filmato sbattuti per terra per farli morire..il tutto regolamentato dalla legge, grazie regione lombardia per quello che fai per la nostra natura e per l´ambiente si perche´ i prati dove si è svolta la mattanza restano pieni di pallini di piombo, e il posto oltre che dai bracconieri è frequentato anche da moltissimi turistisperiamo che le firme che si stanno raccogliendo sul sito del CABS riescano a fermare la barbarie... mi auguro che il ministro Clini a differenza dei nostri lumbard,(segnatamente: formigoni, calderoli, gelmini) abbia UN MINIMO di cuore
commento inviato il 26/11/2011 alle 9:47 da angela  










Questa sera TV











autorizzazione n°7/08 Registro Stampa Tribunale di Viterbo
Iscrizione Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) al numero 18164
direttore responsabile Sergio Cesarini
P.Iva 01927070563
© Copyright 2014 Euriade s.r.l.
archivio notizie | video archivio | siti utili | sitemap | Livescore | Poggio Conte | UnoNotizie.com