Raccolta differenziata dei rifiuti.
Lazio, ultime notizie Tarquinia, Viterbo - UnoNotizie.it - Igenio non è il servizio porta a porta, ma è più semplicemente la soluzione che la ditta appaltatrice ha predisposto per il servizio di raccolta differenziata a Tarquinia, al posto del servizio capillare Porta a Porta.

L’assioma felice, sul servizio di IGENIO, che consentirà di arrivare al 65% di risultato in termini di raccolta differenziata è una previsione alquanto demagogica.
Numeri alla mano, se nel 2010 Tarquinia ha raggiunto a fatica il 25% di raccolta differenziata, come potrà fare questo salto al 65%, solo con IGENIO, visto che sostituisce soltanto le vecchie campane?
Solo con le chiacchiere.

Igenio non è un Porta a Porta, è piuttosto un sostituto del metodo delle campane e dei secchioni, senza migliorare nulla, se non il disservizio di lasciare l’utente senza i contenitori, visto che IGENIO và a spasso per quasi 12 ore.
Sono una residente del centro storico e ascolto la gente, mica storie, specialmente la carta e la plastica, così come il vetro, non creano cattivi odori, dunque l’utente deve pur trovare il contenitore a disposizione, sempre, non soltanto la mattina, per non parlare della chiavetta, che dovrebbe, si fare i controlli sul quantitativo dei rifiuti (sperando che non si utiizzino i secchioni di Tarquinia lido) ma cose migliori che complicare la vita, agli anziani specialmente.
Ma andiamo oltre, che le abitudini si possono cambiare eccome, magari con un incentivo, quale? Per esempio quello della riduzione della tassa, la T.I.A. (tariffa d’igiene ambientale) che invece ogni anno aumenta
IGENIO arriva e la riduzione sulla raccolta differenziata, disposta dal regolamento sui rifiuti dov’è? Il regolamento ancora consente la riduzione del compostaggio domestico a chi possiede almeno 25 MQ di giardino, quando da anni una sentenza del TAR lo ha superato. In Italia, il servizio di IGENIO viene utilizzato anche per ridurre la tassa, qui no!

Il comune di Tarquinia è indifendibile, ha creato un sistema che aumenta i costi della gestione dei rifiuti e non ha creato nulla per ridurli, come dimostra la raccolta dell’ ”UMIDO”, che di fatto il nostro comune conferisce a parte, quindi con un costo alto di smaltimento e inquinamento.
Ad Aprile 2011, il consiglio comunale ha deciso una modifica del capitolato di appalto a favore della ditta appaltatrice, per inserire IGENIO al posto della raccolta differenziata Porta a Porta, (di fatto non lo è) per chiedere a compensazione del maggior costo, ( per quale vantaggio?) la riduzione di 1 giorno di raccolta sul resto del territorio (6 giorni invece che 7).
Ancora numeri ufficiali del comune di Tarquinia dal piano finanziario 2011:Nel 2010 la voce spesa per la raccolta differenziata era di Euro 16.500,00 ( ad oggi nessun documento spiega il maggior  costo dei materiali da riciclare) nel 2011 diventa addirittura di Euro 118.000,00, per via dell’UMIDO prodotto pari a 700 Tonnellate, smaltirlo costa, eccome.

Tarquinia senza la raccolta di compostaggio domestico, (in Italia viene ritirato senza costi di smaltimento ) non riuscirà mai a diminuire i costi e l’inquinamento dovuto al conferimento a Tuscania della parte chiamata “UMIDO”.
Ricordo inoltre che l’impianto che Tarquinia ha scelto per lo smaltimento, è per Tuscania un allarme ambientale, come denuncia il comitato di Tuscania, prossimamente invita tutti ad un incontro pubblico sul problema.
Se fosse stato compostaggio domestico, quindi compost da utilizzare come fertilizzante in agricoltura, avremmo potuto essere fieri, di tutto il lavoro degli utenti, di secchi e secchielli, buste e bustine, invece no.

Caro assessore mi autodenuncio, mi vergogno di conferire umido inquinante e faccio compostaggio alla vecchia maniera, raccolgo la carne e il pane per i cani, la verdura per le galline, e mi faccio l’ovetto fresco alla faccia dell’umido!

Gli altri sono orrori, della cattiva gestione dei rifiuti, che non riducono l’impatto sulle bollette, che ogni anno fanno lievitare i costi dei piani finanziari dei rifiuti. Ancora?.

Questi sono contenuti importanti, non è campagna elettorale, quella sicuramente l’ha fatta l’assessore Sandro Celli 5 anni fa, quando i nostri ricorsi della TIA, erano utilizzati, contro l’operato di Giulivi, con arringhe  impetuose in consiglio comunale, annunciando cambiamenti mai avvenuti.


Marzia Marzoli

Commenti

questo articolo non ha alcun senso. questa è un ottima iniziativa e come tale va rispettata. prima nessuno utilizzava le campane ed ora anche se molti non ne hanno voglia,dovranno adattarsi a questa cosa buona e giusta
commento inviato il 23/01/2012 alle 3:40 da Marco marchioli  
add
add

Altre News Ambiente

FARNESE / la Riserva del Lamone, dove flora e fauna vivono ancora incontaminate

La Riserva del Lamone è situata in provincia di Viterbo, nel Comune di Farnese, nel cuore della...

ALBERI DI NATALE / i finti alberi di Natale inquinano la nostra bella terra

Ultime news - Unonotizie.it - ALBERI DI NATALE / gli alberi di Natale finti inquinano molto di...

AGRICOLTURA, PESTICIDI / oltre l'80% della superficie agricola europea contaminata da pesticidi

Ultime news agricoltura - Unonotizie.it - Uno o più tipi di pesticidi sono stati rilevati in oltre...

AMBIENTE, MAPPA DELL'ITALIA INQUINATA / cosa vuol dire convivere con l’inquinamento

Uno studio pubblicato dall’Istituto superiore di sanità (Iss) analizza lo stato di salute della...

TARQUINIA, INCENERITORE RIFIUTI / contrari ad impianto ad alto impatto su ambiente e salute

In merito alla procedura autorizzativa del progetto di inceneritore di rifiuti da realizzarsi nel...

CENTRALE ENEL TVN CIVITAVECCHIA / il forum ambientalista smaschera i furbetti del carbone

Ultime news - unonotizie.it - Giovedì scorso la città di Civitavecchia è stata nuovamente...

CORRUZIONE, MAFIA E AMBIENTE / Ministro Costa: no alle mani della mafia sull'ambiente

Ultime news - UnoNotizie-.it - “La mafia punta a fare business con l’ambiente, un settore che...

CLIMA, ALLARME SICCITA' / Italia a secco con 15 mld metri cubi di acqua in meno

Ultime news - unonotizie.it - L’ Italia è a secco dopo che il trimestre invernale 2019 ha fatto...