Enel e le emissioni di Tvn, ultime notizie Civitavecchia - Le recenti rassicurazioni di Enel a proposito del rispetto degli standard ambientali lasciano dubbi nel movimento No Coke dell’Alto Lazio a proposito del caso della centrale di Torre Valdaliga Nord a Civitavecchia.

Con la stessa strategia Enel aveva rassicurato cittadini e movimenti ambientalisti sul caso della centrale di Polesine Camerini, i cui vertici aziendali sono stati condannati proprio per l’inquinamento prodotto da quell’impianto. La stessa Enel spergiurava circa l’innocuità della centrale di Brindisi, il cui inquinamento ha costretto il Sindaco del luogo ad emettere un’ordinanza di divieto di coltivazione per l’area limitrofa. Si potrebbero ricordare anche i recenti studi condotti da Greenpeace elaborando gli stessi dati Enel, da cui risulta che il carbone produce, a livello nazionale, un morto al giorno.

Ma senza scomodare quanto accade negli altri territori o le risultanze degli studi generici effettuati su modelli matematici, basta anche solo ricordare, a proposito della centrale di Tvn, che in sede di Riesame dell’Autorizzazione Integrata Ambientale, l’Enel ha chiesto la deroga ai valori previsti nelle linee guida per le migliori tecnologie disponibili (Bref) cui si deve fare riferimento per i limiti emissivi d’impianti quali la centrale a carbone, per il monossido di carbonio. Dette linee guida prevedono, per impianti con tecnologia simile ed uguale combustibile, un’emissione al camino di Co stimabile tra i 30 e i 50 mg/Nm3; L’Enel ha chiesto, ed ottenuto, una deroga a 129 mg/Nm3 definendo tale volume di emissioni “un effetto collaterale sotto il quale non si potrebbero far funzionare gli impianti”.

E’ appena il caso di sottolineare che l’Agenzia Europea per l’Ambiente, sulla base di numerosi studi di altissimo livello, ha reso noto che l’esposizione outdoor anche a bassi livelli di ossido di carbonio provoca un aumento dei ricoveri ospedalieri per scompenso cardiaco, di angina ed infarto cardiaco, di attacchi ischemici transitori ed ictus cerebrali, d’infezioni respiratorie e di visite per malattie dell’apparato respiratorio (in particolare la brocopneumopatia cronica ostruttiva, Bpco).

Questi gravi effetti sulla salute persistono anche a livelli molto bassi di CO ed indicano che non esiste una soglia sotto la quale respirare questo gas tossico non crea problemi all’essere umano. Un aumento di 1mg/nm3 di monossido di carbonio corrisponde ad un aumento dell’1% della mortalità totale in particolare per malattie cardiovascolari.

Si potrebbe anche evidenziare che in sede di Rinnovo della medesima Autorizzazione l’Enel, avvalendosi del segreto industriale, ha chiesto di tenere riservata la scheda inerente “Dati e notizie sull’impianto attuale” ovvero le informazioni circa “il consumo di materie prime, il consumo di risorse idriche, la produzione e il consumo di energia, i combustibili utilizzati, le fonti di emissione in atmosfera di tipo convogliato e non convogliato e la tipologia quali/quantitativa di quest’ultime, gli scarichi idrici, le emissioni in acqua, la produzione di rifiuti e le relative aree di stoccaggio, le aree di stoccaggio di materie prime, i prodotti ed intermedi, il rumore, gli odori, le altre tipologie di inquinamento e le linee di impatto ambientale”.

Potremmo continuare a parlare della gestione del materiale pulverulento (Carbone, gesso, calcare) o della gestione dei rifiuti, per la quale è in corso un procedimento giudiziario con undici indagati. E allora di quali standard ambientali parla Enel e, sopratutto, come può affermare che non c’è alcun allarme per la salute se gli ultimi studi pubblicati nel report annuale dell’Osservatorio Ambientale della Regione Lazio, si parla chiaramente, con diversificazione tra uomini e donne, di un eccesso mortalità nel territorio per tumori maligni (in particolare per tumore del polmone, della
pleura, per tumore del fegato, del rene) nonché per infezioni acute delle vie respiratorie e per malattia dell’apparato genito-urinario?

Pur essendo vero, che le emissioni di Tvn rispettano i limiti di legge, peraltro derogati, si tratta comunque di emissioni gravemente nocive per la salute e causa dell’incremento della mortalità nella popolazione residente.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minacciano un territorio ricco di biodiversità ed archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territorio in pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...

COORDINAMENTO NO TRIV REPLICA A UIL: Crisi sanitaria in Basilicata e royalties petrolifere

Lo scorso 8 Aprile, sulle pagine de “Il Quotidiano del Sud”, a cura di Eugenio Furia, è...

[RI]COSTRUIRE L’ITALIA animati da solidarietà democratica, appello NO-TRIV

“Tutti sanno che nulla potrà tornare come prima, ma è adesso che dobbiamo, insieme, darci da...