Il taglio delle spese pubbliche e l'eliminazione delle province,ultime notizie Roma - Il provvedimento sulla riduzione della spesa pubblica Recentemente varato dal governo annovera tra i tagli maggiori quello alle 107 province italiane. La riduzione degli enti locali avverrà in base a due criteri: l’estensione (probabilmente 3mila km quadrati) e la popolazione (numero di abitanti inferiore a 350 mila).

Il processo di revisione prevede però, entro la fine dell’anno, anche una fase di accorpamento, mediante una procedura che vede il governo trasmettere la propria deliberazione con i criteri esatti al Consiglio delle autonomie locali, istituito in ogni regione, che verrà poi approvato dallo stesso Consiglio entro 40 giorni, ma, alla luce della definizione esatta dei parametri, è possibile stilare una prima lista delle Province che potrebbero essere oggetto di taglio.

Le province a rischio sono in Piemonte Vercelli, Asti, Biella, Verbano-Cusio-Ossola, in Lombardia Lecco e Lodi, in Veneto Rovigo, in Friuli Venezia Giulia Gorizia e Pordenone, in Liguria Imperia, Savona e La Spezia, in Emilia Romagna Piacenza, Rimini, in Toscana Massa Carrara, Pistoia, Livorno, Prato, in Umbria Terni, nelle Marche Macerata, Ascoli Piceno e Fermo, nel Lazio Rieti, in Abruzzo Teramo e Pescara, in Molise Isernia, in Campania Benevento, in Basilicata Matera, in Calabria Crotone e Vibo Valentia, in Sicilia Caltanissetta, Enna e Ragusa, in Sardegna Oristano, Olbia Tempio, Ogliastra, Medio Campidano, Carbonia Iglesias.

A questa lista vanno ad aggiungersi le Province delle 10 Città Metropolitane, che spariranno: Roma, Milano, Torino, Genova, Venezia, Bologna, Firenze, Bari, Napoli, Reggio Calabria.

“E’ stata ridisegnata l’architettura istituzionale dello Stato sul territorio – ha detto il ministro della Funzione Pubblica Filippo Patroni Griffi – L’Italia, con il taglio delle Province, compie una vera e propria svolta nell’assetto dello Stato. Basta con i microfeudi”. Di quell’architettura, ha spiegato Patroni Griffi, fanno parte sistema delle autonomie (Province, Unione dei Comuni e Città metropolitane) e amministrazioni periferiche dello Stato saranno riorganizzate per dare migliori servizi ai cittadini e ridurre costi e sprechi.

“L’Italia, con il taglio delle Province, compie una vera e propria svolta – ha concluso il ministro – nell’assetto dello Stato. Basta con i microfeudi, ora è il momento di una riorganizzazione che deve essere il fulcro per uno Stato nuovo, innovativo, snello e più utile ai cittadini. Per la prima volta nella storia repubblicana si è deciso di ridurre il numero delle Province. Un’operazione che non rappresenta un allontanamento dello Stato dal territorio ma che permetterà di eliminare costosi doppioni”.

E’ peraltro un pezzo di storia italiana quella che sta per essere cancellata dal governo in nome del conseguimento degli obiettivi di finanza pubblica imposti dall’Ue: tra le Province che entro l’anno verranno tagliate con un colpo di decreto ve ne sono molte risalenti all’unità nazionale (1861), e addirittura una, Torino, che è ancora più antica (1859), anzi secondo gli storici la più antica, nata sulla scia di un Regio Decreto dello stesso anno (il cosiddetto decreto Rattazzi) che conferiva al nuovo ente una rappresentanza elettiva e un’amministrazione autonoma.

Risalgono invece all’unità d’Italia (1861, e all’epoca in tutto erano 59) 9 Province: Ascoli Piceno, di Imperia, di Benevento, Caltanissetta, Livorno, Macerata, Massa Carrara, Teramo (all’epoca denominata ‘Abruzzo Ulteriore I’) e Piacenza. E’ invece nata nel 1866 la Provincia di Rovigo. Risale al 1923 La Spezia e al 1927 le Province di Gorizia, Enna (ex Castrogiovanni), Matera, Pescara, Ragusa, Rieti, Savona, Terni e Vercelli. Poco più in là nel tempo Asti (1935). Più recenti Pordenone (1968), Isernia (1970), Oristano (1974). Nel 1992 sono nate infine Biella, Crotone, Lecco, Lodi, Prato, Rimini, Vibo Valentia e Verbano Cusio Ossola.



Fonte: Redazione Il Fatto Quotidiano   
www.ilfattoquotidiano.it/2012/07/06/spending-review-saranno-tagliate-38-province-basta-microfeudi-e-doppioni-costosi/286569/

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Sociale

INTERNET, FAKE NEWS E PRIVACY / appello di Zuckerberg ai governi: "Nuove regole per il web"

ULTIME NEWS - UNONOTIZIE.IT - Servono "nuove regole per proteggere il web dai contenuti pericolosi"...

TRUFFE AGLI ANZIANI / continua l’azione di prevenzione di ANAP Confartigianato contro le truffe agli anziani

Ultime news - unonotizie.it - Continua l’azione di prevenzione di Confartigianato – Gruppo ANAP...

INSTAGRAM / svolta eCommerce per Instagram che sfida Amazon e eBay

Ultime news- UnoNotizie.it - Svolta eCommerce per Instagram che sfida Amazon e eBay permettendo...

LA COMUNCAZIONE SOCIAL NEI COMUNI / l’ANCI ha ospitato l’evento formativo dell’Odg sulla comunicazione social dei comuni

E’ stata l’ANCI (Associazione Nazionale Comuni italiani),   ad ospitare, a Roma,...

EUROSTAT, POVERTA' / gli abitanti del Sud Italia tra i più poveri dellʼUe, record negativo in Calabria

Ultime news - Unonotizie.it - Gli abitanti del Mezzogiorno si confermano fra i più poveri...

POPOLAZIONE, ISTAT / cresce solo il numero degli anziani, 13,8 milioni gli over 65

Ultime news - UnoNotizie.it -  - Prosegue la crescita, in termini assoluti e relativi, della...

SAFER INTERNET DAY / Unicef: online 7 giovani su 10 ma aumentano violenza, cyberbullismo e molestie digitali

Ultime news - unonotizie.it - In occasione del Safer Internet Day, Unicef ricorda i pericoli online...

IL GIORNALISMO NELL'ERA DIGITALE / il sistema dell'informazione nel diluvio dei dati: la nuova sfida per l’etica del giornalismo

In continuità con il primo, di mercoledi 12 Dicembre 2018, s’è svolto, mercoledi 30 Gennaio...