Previsioni di assunzioni nel 2012 in forte calo nella Tuscia che registra una contrazione del 2,5% rispetto allo scorso anno, collocandosi al quarto posto in Italia nella classifica dei tassi più negativi. È quanto emerge dal Rapporto del Sistema informativo Excelsior di Unioncamere e Ministero del Lavoro in cui vengono rilevate la domanda di lavoro e i fabbisogni professionali e formativi espressi dalle imprese dell’industria e dei servizi.

“Conosciamo bene le difficoltà occupazionali della nostra provincia – dichiara Ferindo Palombella, presidente della Camera di Commercio di Viterbo –e già nel corso della presentazione del Rapporto sull’Economia della Tuscia Viterbese avevamo evidenziato alcune criticità rilevate tra gli imprenditori, i quali ancor di più in questa fase sono costretti giorno per giorno a rivedere i loro piani di crescita e gli investimenti”.

“Al tempo stesso dobbiamo guardare con fiducia a quei segnali positivi che si stanno sempre più palesando. A partire dall’approvazione da parte del Cipe dei lavori per l’Autostrada Tirrenica lungo la tratta costiera del nostro territorio. Così come ci sono i presupposti per arrivare a una soluzione sostenibile e condivisa con gli attori locali per il completamento in tempi ragionevoli della Trasversale Orte-Civitavecchia”.

Inoltre l’attività svolta nell’ultimo decennio per la promozione dell’enogastronomia, dell’artigianato artistico e del turismo comincia a dare i suoi frutti e può  rappresentare una leva per lo sviluppo. Ma tutto ciò potrebbe non bastare se si continua a elevare la pressione fiscale, se non viene incentivato l’ingresso nel mondo del lavoro, se si continuano a compiere tagli lineari agli enti penalizzando i servizi ai cittadini e alle imprese, se non si introducono modalità premianti per quanti si sono dimostrati virtuosi”.

Analizzando nel dettaglio i dati della provincia di Viterbo nel 2012 del Rapporto Excelsior la quota di imprese che prevede di ricorrere ad assunzioni di personale scende al 12,9% rispetto 25,4% del 2011, una percentuale particolarmente bassa, sulla quale ha pesato in maniera decisiva il clima carico di incognite in cui si è svolta l’indagine.

Tra queste imprese, il 26,1% delle assunzioni sono da attribuire ad aspettative di crescita della domanda, mentre per il 27,4% i nuovi ingressi saranno finalizzati a sostituire dipendenti in uscita o assenti. Il 22,3% delle richieste di personale sono volte a coprire picchi di lavorazioni stagionali e solo l’8,3% rispondono alle necessità di espandere le vendite.

Quanto ai movimenti di forza lavoro del 2012 per la provincia di Viterbo si prevedono 1.770 entrate (erano 3.220 nel 2011) e 2.660 uscite (erano 3.670 nel 2011) con un saldo negativo di 890 unità. È il comparto industriale, e in particolare il settore delle costruzioni, a soffrire di più l’attuale situazione di crisi. Nel dettaglio l’industria prevede di avere 500 entrate e 1.050 uscite con una saldo negativo di 550 unità, e la maggior parte di queste uscite proviene dalle costruzioni che presenta un saldo negativo di 320 unità.

Va meglio nel comparto dei servizi che con 1.270 entrate e 1.610 uscite presenta un saldo negativo di 340 unità. Sono il settore del commercio al dettaglio e all’ingrosso, quello dei trasporti e dei servizi avanzati a beneficiare dei tassi di variazione maggiori.

Elevato il turn-over per il settore turistico-alberghiero che presenta un tasso di entrata del 16,7% e un tasso di uscita del 17,5%.

Rispetto alla tipologia di assunzioni il 71,3% è non stagionale, intendendo per “non stagionali” il totale delle assunzioni con l’esclusione di quelle a tempo determinato destinate a svolgere attività e lavorazioni di carattere stagionale. Tra queste si prevede che il 29,6% avrà un contratto a tempo indeterminato, l’8,2% un contratto di apprendistato, mentre tra i contratti a tempo determinato troviamo il 5,9% finalizzato alla prova di nuovo personale, il 4,9% per sostituzione temporanea, il 19,9% per la copertura di picchi di attività.

Per le imprese il 20,3% delle assunzioni non stagionali è considerato di difficile reperimento soprattutto nelle costruzioni e nel commercio, sia per il ridotto numero di candidati che per la loro inadeguatezza a svolgere una determinata mansione.
Il 28,7% circa del totale delle assunzioni ha invece un carattere stagionale, con una concentrazione massima pari al 70% nelle attività degli alberghi e ristoranti e dei servizi turistici, dove stagionalità è una caratteristica insita nell’attività svolta.

Quanto alle assunzioni di personale immigrato queste vanno da un minimo di 240 ad un massimo di 330 unità e si concentrano in particolare nelle costruzioni nel quale è previsto l’ingresso di personale immigrato in una percentuale che va dal 32,7% al 51,6% del totale delle assunzioni non stagionali.

Le assunzioni della provincia di Viterbo per gruppo professionali che sono così suddivise: 0,2% dirigenti, 3,1% professioni intellettuali, 9,1% professioni tecniche, 9,8% impiegati, 32,1% nelle professioni qualificate nelle attività commerciali e nei servizi, 24,6% operai specializzati, 7,8% nei conduttori di impianti e 13,4% nelle professioni non qualificate. La struttura del sistema produttivo locale infatti è di tipo tradizionale e le maggiori assunzioni riguardano professioni low skills come dimostra anche il titolo di studio richiesto della imprese.

La laurea è richiesta per il 7,6% delle assunzioni, il livello secondario e post secondario per 35,3%, la qualifica professionale il 23,2% e per addirittura il 33,9% della assunzioni non è richiesta nessuna formazione specifica.

Quanto all’età, nel complesso per il 10,1% delle assunzioni si richiede fino a 24 anni, per il 25,6% un’età che va dai 25 ai 29 anni e per il 26,7% tra i 30 e i 44 anni mentre per il 34,0% l’età è indifferente. Considerando che per una quota rilevante di figure l’età non è ritenuta un requisito importante, 34%, gli spazi per i giovani sono in realtà più ampi di quelli indicati.

Un discorso analogo si può fare per le donne: per il 17,8% delle assunzioni le imprese considerano le donne più adatte a esercitare le professioni richieste mentre per il 47% è richiesto un uomo, mentre per il 35,2% delle assunzioni non esiste preferenza di genere.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Sociale

ALCUNE PAROLE NELLA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L'OMOFOBIA, LESBOFOBIA, BIFOBIA E TRANSFOBIA

Il pregiudizio e la persecuzione di cui tanti esseri umani continuano ad essere vittima per la loro...

Italia, apartheid: lettera aperta alle forze politiche democratiche

Gentilissime e gentilissimi dirigenti e rappresentanti delle forze politiche democratiche presenti...

Scossa di terremoto Roma, epicentro della scossa di terremoto vicino Roma

UTLIME NOTIZIE SCOSSA DI TERREMOTO ROMA – Terremoto di magnitudo 3.3 alle ore 5.03 a Roma. La...

Il Professor Fabrizio di Giulio ed il suo ultimo libro, L'OCEANO DENTRO

Un libro ricco di riflessioni sull’agire dell’animo umano è l’ultimo lavoro del Professor...

Addio al Professor Fabrizio di Giulio, il grande neuropsichiatra che parlava al cuore

Ci ha lasciato, all'età di 98 anni il Professor Fabrizio Di Giulio, famoso neuropsichiatra e...

Toscana, a Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop

A Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop, nell’area situata tra via Brodolini e...

25 Aprile 2020, Festa della Liberazione: popolo senza memoria è un popolo senza futuro

  ORTE (Viterbo) Per la prima volta, i cittadini festeggeranno il 25 Aprile nelle...

TRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONE DEL CENTRO DI RICERCA PER LA PACE

Nella foto Alfio Pannega con Osvaldo ErcoliTRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONEIn un fazzoletto di...