Emergenza arsenico nell'acqua, ultime notizie Lazio - I portavoce regionali del M5S Silvia Blasi e Devid Porrello hanno presentato nei giorni scorsi un’interrogazione al presidente Zingaretti e all’assessore all’Ambiente Refrigeri per conoscere lo stato di attuazione degli interventi in merito all’emergenza arsenico. In particolare con l’interrogazione si vuole capire se nella costruzione degli impianti siano state applicate le migliore tecnologie disponibili nella rimozione dell’arsenico, nel ridurre l’impatto ambientale, nel limitare i residui prodotti dalla lavorazione e se siano state prese in considerazione strategie alternative alla realizzazione degli impianti stessi. Inoltre si vuole conoscere se questi siano dotati di una garanzia d’uso almeno ventennale visto l’alto costo degli impianti e della relativa manutenzione.


Data la situazione abbastanza eterogenea nella gestione del servizio idrico sul territorio regionale, nello stato di attuazione degli interventi e nell’informativa ai cittadini, è importante sapere, nel rispetto dei contenuti del Dlgs 31/2001, se è stato previsto dalla regione un sistema di un approvvigionamento idrico alternativo per la popolazione con particolare attenzione per categorie sensibili come le scuole, gli ospedali e le carceri e quale sia l’informativa ai cittadini sul rischio sanitario e sulla concentrazione di arsenico nelle acque.


E’ chiaro che l’emergenza arsenico è stata palesemente sottovalutata da tutti gli enti amministrativi del territorio in quanto gli interventi per limitare il contenuto di questo elemento pericoloso per la salute sono iniziati per la maggior parte allo scadere dell’ultima deroga. Molti impianti non entreranno in funzione prima di giugno 2013 con grave disagio della popolazione sotto tutti i punti di vista, compreso quello economico visto che le bollette dell’acqua saranno pagate appieno.


Per questo il M5S ha votato a favore di un ordine del giorno presentato dal consigliere Sabatini in cui si impegna la Giunta ad individuare azioni di sostegno finanziario per le imprese e gli esercizi commerciali con destinazione di produzione e somministrazione di alimenti e bevande.


Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...