Quanti studenti e insegnanti sono “amici” fra di loro sui social network ed in particolare Facebook? Migliaia, milioni anche perché sino ad oggi pochi ci avevano visto qualcosa di male. Evidentemente in Germania, in particolare nel land della Renania-Palatinato, non la pensano così, tant’è che è arrivato il primo divieto di contatto tra docenti e alunni sui social network. E si tratta di un divieto drastico.

Il ministero della Pubblica Istruzione ha comunicato alle scuole regole ferree sul punto, come evidenziato da un portavoce del ministero proprio ieri a Magonza.
Il provvedimento è stato ritenuto necessario anche per separare la missione educativa della scuola rispetto al modello di business di Facebook – anche perché una valutazione di dati personali per scopi commerciali non è compatibile con la funzione scolastica.  Per scambiare informazioni e dati ci sono alternative, come evidenziato dal ministero.

Altri land vogliono regolamentare il contatto tra insegnanti e studenti. Il Baden-Württemberg vuole limitare l'uso dei social network per le scuole. La Sassonia ha dichiarato in estate che sta lavorando anche su normative pertinenti.

Si tratta di una decisione dura ma forse determinata dalla scarsa regolamentazione in materia che ha portato ad un’anarchia nei rapporti docenti-studenti ed al rischio per quest’ultimi di perdere la cognizione del ruolo dei propri insegnanti.

Come associazione, abbiamo sempre difeso la libera circolazione di idee e il diritto di utilizzare la rete per meglio veicolarle, ma è ovvio che  nel caso dell’insegnamento e dell’educazione dei più giovani è necessario quantomeno un codice etico per gli insegnanti che impedisca ogni tipo di  abuso che possa discendere da un uso distorto e non appropriato dei social network.
                                                                                                                                                                                        
Giovanni D’Agata


Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

I Rinaldoniani progenitori degli Etruschi, se ne parla a Viterbo Sotterranea

Cosa avvenne nel remoto passato in quel territorio dell’Italia centrale che oggi chiamiamo...

Martedì Grasso, ultimo giorno di Carnevale: eventi e golosità nella Viterbo Sotterranea

Martedì Grasso: cultura e golosità nella Viterbo Sotterranea con incredibili scherzi e...

Viterbo Sotterranea questa sera alle ore 19 a Studio Aperto su Italia Uno

Nella foto, durante le riprese, il fondatore di Viterbo Sotterranea  Sergio CesariniQuesta...

LA MAFIA CHE AVANZA / ad Ostia, Tarquinia, Montalto di Castro e Viterbo crescono riciclaggio e infiltrazioni mafiose

Ultime news - Unonotizie.it - Le infiltrazioni mafiose nel Lazio sono un fenomeno in continua...

DOBBIAMO MOLLARE ? / rileggiamo l'ultimo articolo scritto dall'encomiabile Luigi Daga sul periodico Tarquinia Città

A seguire l'articolo scritto 10 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

''LA MAFIA A VITERBO, UNA CITTA' SOTTO ASSEDIO'' / libro, da rileggere, di Daniele Camilli

Libri: La Mafia a Viterbo, una città sotto assedio. Ultime notizie Viterbo - UnoNotizie.it -...

San Faustino, il 15 febbraio festa dei single a Viterbo Sotterranea

San Faustino è la festa di tutti i single, in contrapposizione con San Valentino, la...

TARQUINIA, SAN GIORGIO SOS / la storia distrutta nel silenzio di sindaco e Soprintendenza

Quello che potrebbe essere l’insediamento dell’antica Rapinium, sorta nei pressi della...