Ultime news - UnoNotizie.it - Obiettivo dell’incontro, fare il punto di situazione sullo stato di implementazione delle iniziative scaturite dal recente summit Nato di Varsavia e sulle tematiche del fianco Sud della Nato, in vista della ministeriale Nato del 15 e 16 febbraio e del prossimo mini vertice dell’Alleanza che si svolgerà nel primo semestre dell’anno.

Temi sui quali il Ministro Pinotti si è confrontata con gli omologhi di Francia, Jean-Yves Le Drian, Spagna, Maria Dolores de Cospedal Garcia e Portogallo, Josè Alberto Azeredo Lopes. Al termine della “quadrilaterale”, che si è svolta nel Palazzo della Borsa, i Ministri hanno firmato una lettera congiunta che sarà consegnata al Segretario Generale della Nato, Jens Stoltenberg.

I quattro ministri, condividendo una visione a 360 gradi delle sfide dell’Alleanza, si sono soffermati sui nuovi scenari di sicurezza che impongono un processo di adattamento dell’Alleanza per consentirle di affrontare adeguatamente le minacce future da qualsiasi fronte esse provengano.

Per l’Italia, come ha sottolineato il Ministro Pinotti, alla base di tale processo di adeguamento i principi di coesione, solidarietà ed unità d’intenti devono rappresentare comunque il cuore delle modalità di azione della Nato.

Quella di Oporto è la terza riunione “quadrilaterale”. Prima c’erano stati gli appuntamenti di Venezia e Tolone. Un’occasione di confronto con “formula mediterranea” che come ha sottolineato il Ministro Pinotti al termine della riunione, va mantenuta per allineare le convergenze sui temi di interesse comune.

“Durante il vertice del Galles siamo riusciti a portare il nostro punto di vista, cioè che le minacce per l’Alleanza vanno considerate non solo da est ma anche da sud” ha spiegato il Ministro che ha aggiunto “quando si parla di minacce da sud si parla di minacce a 360 gradi, difficili da combattere perché il terrorismo usa armi non convenzionali, ma è importante che un’Alleanza come la Nato dia un suo apporto al contrasto di questa minaccia”.

Per quanto concerne le iniziative Nato sul fianco sud, l’Italia ha ribadito l’importanza di assicurare risorse finanziarie e umane adeguate. A tal proposito è quanto mai prioritaria l’attivazione del Regional Hub presso il Comando Congiunto di Napoli – Joint Force Command Naples – ed assicurargli le risorse necessarie al operare in sinergia con gli altri attori regionali coinvolti, UE in primis.

Sul tavolo infine l’esigenza di implementare una strategia condivisa nell’ambito di una cooperazione Nato - Unione Europea nell’area mediterranea, che favorisca un efficiente utilizzo delle risorse comuni. “Ora – ha detto il Ministro – questo coordinamento tra UE e Nato deve diventare concreto, pragmatico, pratico oltre che strategico”.

L’Italia in occasione del CAE Difesa dello scorso aprile aveva avanzato una proposta per la costituzione di un meccanismo di coordinamento Nato - Ue nel Mediterraneo, e la Dichiarazione Congiunta firmata durante il vertice Nato di Varsavia ha aperto la strada alla individuazione di aree di lavoro comune per le due organizzazioni.

“Ora - ha spiegato il Ministro Pinotti - occorre rendere ancora più efficace la cooperazione Nato - Ue rendendo istituzionale il meccanismo di coordinamento”.

Sul piano operativo, basilare anche accrescere ulteriormente l’attuale sinergia tra le Operazioni “Sea Guardian” e “Sophia” mediante un impego complementare nell’ambito dell’intero bacino mediterraneo.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Questa notte alle 01,30 idealmente a Viterbo Sotterranea grazie al Tg2

Tutti insieme a Viterbo Sotterranea grazie alle telecamere del Tg2, Sì Viaggiare, Diari...

Crisi economica coronavirus, sos dal Borgo Ragazzi Don Bosco di Roma

CRISI SOCIALE, BORGO RAGAZZI DON BOSCO CONTINUA IL SERVIZIO per i PIù DEBOLI ma lancia...

Coronavirus, consigli di Jobsora: come impostare il lavoro a distanza

Per la maggior parte, il lavoro a distanza è adatto a programmatori, copywriter, web designer,...

EMERGENZA COVID-19, aiuto di ENGIE Italia: a 93 ospedali energia gratis

  ENGIE, che assicura energia pulita a case, aziende e città, leader nei servizi per...

Coronavirus: M5S Lazio, dirottiamo fondi di bilancio 2020 su emergenza

t Roma, 1 aprile, ultime news Regione Lazio – “Stiamo vivendo un momento di emergenza che...

I Rinaldoniani progenitori degli Etruschi, se ne parla a Viterbo Sotterranea

Cosa avvenne nel remoto passato in quel territorio dell’Italia centrale che oggi chiamiamo...

Martedì Grasso, ultimo giorno di Carnevale: eventi e golosità nella Viterbo Sotterranea

Martedì Grasso: cultura e golosità nella Viterbo Sotterranea con incredibili scherzi e...

Viterbo Sotterranea questa sera alle ore 19 a Studio Aperto su Italia Uno

Nella foto, durante le riprese, il fondatore di Viterbo Sotterranea  Sergio CesariniQuesta...