Ultime news - Unonotizie.it - Lavoratori fissi in calo, operai in crescita, così come i lavoratori dipendenti in somministrazione e di lavoratori intermittenti; al Nord si guadagna fino a 10 mila euro in più rispetto a Sud ed il part-time orizzontale è il più scelto dalle donne.

Sono alcuni dei dati emersi dall’Osservatorio Inps sui lavoratori dipendenti 2017.

IN CALO IL LAVORO A TEMPO INDETERMINATO – “I dipendenti nel settore privato (quelli che hanno avuto almeno una giornata lavorativa nell’anno), spiega l’Istituto, sono cresciuti nel 2017 (+4,1%) solo grazie al boom dei lavoratori a termine che sono passati dai 2.718.875 del 2016 a 3.479.439 (+27,9%) nel 2017. Quelli a tempo indeterminato hanno avuto una flessione dell’1,7% passando da 11.598.482 a 11.406.556. Le giornate medie retribuite nell’anno per i lavoratori a termine sono lievemente cresciute, da 144 a 148. Nel 2017, si legge nell’Osservatorio, i lavoratori dipendenti del settore privato (esclusi operai agricoli e domestici) con almeno una giornata retribuita nell’anno sono stati 15.306.007 (+4,1% sul 2016), con un salario medio di 21.535 euro e una media di 243 giornate retribuite. Prevalente la componente degli operai che con 8.509.445 lavoratori (+5,6%) rappresenta il 55,6% del totale. Il numero medio di lavoratori dipendenti (quelli con almeno un giorno di lavoro al mese) è stato pari a 12,76 milioni (+3,3%)”.

CRESCONO GLI OPERAI – “I lavoratori con qualifica operaia, si legge ancora, sono il 55,6% del totale mentre il 36,9% è impiegato, il 3,4% apprendista, il 3% quadro e lo 0,8% dirigente. Gli apprendisti crescono del 12,4% anche grazie alla conclusione delle agevolazioni contributive previste per le assunzioni a tempo indeterminato. La retribuzione media annua nel 2017, pari a 21.535 euro nel complesso, risulta molto differenziata sia per qualifica che per età e genere. Per gli operai la retribuzione media è pari a 15.977 euro (circa 70,4 euro per ognuna delle 227 giornate retribuite) mentre quella degli impiegati è di 24.793 euro medi. Per i quadri si sfiorano i 63.000 euro l’anno mentre per i dirigenti si superano i 142.653 euro (con in media di 297 giornate retribuite). Per gli apprendisti la retribuzione media nell’anno è stata di 11.686 euro per 215 giornate retribuite. Risultano in aumento, in modo consistente, i lavoratori più giovani (under 25 con almeno un giorno di lavoro nel settore privato passati da 1.180.000 a 1.363.000) anche se con un numero di giornate retribuite lievemente in calo (da 84 a 78). Tra i settori una quota ancora significativa è quella del settore manifatturiero (3.770.529 lavoratori, +1,4%) con il 24,6% del totale seguito dal commercio con il 15,1% del totale”.

LAVORO IN SOMMINISTRAZIONE – Sempre dall’Osservatorio, nel focus sui lavoratori in somministrazione, emerge come “nel 2017 i lavoratori dipendenti in somministrazione con almeno una giornata retribuita nell’anno sono stati 778.007, in forte crescita rispetto al 2016 (+25,2%). La retribuzione media è stata pari a 8.313 euro (116 giornate retribuite in media). Prevalente la componente degli operai che con 578.396 lavoratori rappresenta il 74,3% del totale contro il 24% degli impiegati e l’1,7% per le altre qualifiche. I lavoratori dipendenti in somministrazione con contratto a tempo determinato nel 2017 erano 727.338 (93,5% sul totale), con una retribuzione media annua di 7.650 euro e 108 giornate medie retribuite; il 5,5% ha un contratto di somministrazione a tempo indeterminato con retribuzione media annua di 20.344 euro e 265 di giornate medie retribuite. Nel 2017 il numero medio di lavoratori dipendenti in somministrazione è stato pari a 364.544 (+24,4% rispetto al 2016)”.

LAVORO INTERMITTENTE – “Boom dei lavoratori intermittenti nel 2017 soprattutto con la cancellazione dei voucher: nell’anno – sottolinea l’Inps nel focus sui lavoratori intermittenti, contenuto nell’Osservatorio. Il numero di lavoratori dipendenti intermittenti con almeno una giornata retribuita nell’anno è stato pari a 534.698 con una crescita dell’80,9% rispetto al 2016 interrompendo un trend negativo iniziato nel 2013.  A livello territoriale circa i due terzi dei lavoratori intermittenti lavorano nelle regioni del Nord. Nell’ultimo anno il Sud è la zona che presenta il maggior incremento rispetto al 2016 (+120,1%)”.

DIVARIO NORD SUD SUI SALARI – Dai dati dell’Osservatorio si evince come: “al Nord si guadagni fino a 10 mila euro in più rispetto al Sud. La media annua di retribuzione per i lavoratori dipendenti è di 21.535 euro (per 243 ore lavorate). Un importo che se al Nord ovest è di 25.211 euro (256 ore lavorate), cala fino a 15.853 euro (con 220 ore lavorate). E, ancora, se al Nord Est la retribuzione (per 250 ore lavorate) è di 22.616 euro, tale importo scende a 20.897 euro al Centro (241 ore lavorate) fino alle isole dove si arriva a 15.826 euro (221 ore lavorate)”.  L’Istituto sottolinea come con riferimento all’attività economica dell’azienda presso cui i lavoratori sono occupati, nel 2017 una quota ancora significativa di lavoratori dipendenti è impiegata nel settore manifatturiero per un totale di 3.770.529 lavoratori (24,6%). Seguono i settori del commercio (15,1%) e del noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese (11,2%) e delle attività dei servizi di alloggio e di ristorazione (10,6%). Per quanto riguarda le retribuzioni medie il settore delle Attività finanziarie e assicurative presenta il valore più elevato (47.506 euro). Retribuzioni superiori alla media si riscontrano anche nei settori Estrazione di minerali da cave e miniere e Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata dove è molto presente manodopera specializzata e dove è anche elevato il numero medio di giornate retribuite nell’anno. Retribuzioni medie più basse si trovano in settori, come quello alberghiero, in cui è forte la presenza di lavoratori con contratti di breve durata. Il settore Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento evidenzia il più basso numero medio di giornate retribuite nel 2017 pari a 163”.

PART-TIME – Infine l’osservatorio mette in luce Il part-time, principale forma di lavoro a tempo parziale, è il preferito dalle donne che rappresentano quasi il 70% di coloro che lo scelgono.  Dai dati, emerge che il part-time orizzontale “nel 2017 ha raggiunto la cifra di 3.235.309 lavoratori medi con un incremento rispetto all’anno precedente pari al 5,6%. Più bassi sono i livelli del part-time verticale con 157.287 lavoratori medi nel 2017 e del part-time di tipo misto (orizzontale e verticale) con 252.191 lavoratori medi, questa ultima forma di lavoro a tempo parziale presenta incrementi percentuali consistenti rispetto all’anno precedente (+10,4%). La composizione per genere evidenzia che il part-time è una peculiarità prevalentemente femminile: nelle tre forme di part-time, orizzontale verticale e misto, la componente femminile nel 2017 rappresenta rispettivamente il 67,1%, il 66,3% e il 70,7%”.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

TARQUINIA, SCOMPARE INSEDIAMENTO ETRUSCO PRESSO SAN GIORGIO / perchè Sovraintendenza e Carabinieri non intervengono?

A San Giorgio si muovono i mezzi da scavo per le opere di urbanizzazione della lottizzazione...

MAFIA SULL'ALTO LAZIO / su Viterbo e costa Tirrenica crescenti tentacoli di mafia, camorra e ‘ndrangheta

Si è riunito a Civitavecchia il Comitato Direttivo regionale dell’Associazione per la lotta...

SEMINARIO DI VITERBO, INCONTRO /Comunicazione Fonte di Vita nel rapporto di coppia e nel rapporto genitori figli

Ultime news Viterbo UnoNotizie.it -   L'Associazione “Emmausviterbo” propone un...

TARQUINIA, ALLARME MAFIA / Salviamo Tarquinia e l'area archeologica di San Giorgio dalle mafie del cemento armato

Ci ho pensato su alcuni giorni, poi ho deciso di rendere pubblica una notizia che non potevo tenere...

MAFIA, PAOLO BORSELLINO / una fiaccolata attraverserà Viterbo per ricordare il magistrato nell'anniversario della morte

Ultime news - UnoNotizie.it - Venerdì 19 luglio, come ogni anno, Viterbo si...

CAMORRA / a Roma nuovo blitz contro i Casamonica, 23 arresti per estorsione, usura, intestazione fittizia di beni, spaccio di stupefacenti

ultime news unonotizie.it  - Nuovi blitz dei carabinieri contro presunti appartenenti al...

REDDITO DI CITTADINANZA / Ministero: 806mila domande, quasi una su tre da Sicilia e Campania

Ultime news - unonotizie.it - Sono 806.878 le domande di reddito di cittadinanza arrivate all'Inps...

CARENZA MEDICI / in Italia 19mila medici stranieri: "aprire i concorsi del Servizio sanitario nazionale"

Ultime news - unonotizie.it - Nel 2025 ci sarà carenza di 60mila specialisti. E' l'allarme...