CRISI SOCIALE, BORGO RAGAZZI DON BOSCO CONTINUA IL SERVIZIO per i PIù DEBOLI ma lancia un appello: “senza fondi rischiamo di non farcela”

In un’Italia in piena crisi sanitaria da Coronavirus, c’è già chi fa i conti con l’emergenza sociale che ne sta scaturendo. A Roma sono migliaia i giovani e le famiglie che, già vivendo una situazione precaria prima della crisi, rischiano di vedersi negato quel poco di sostegno che derivava dalla società civile. Poveri sempre più poveri, giovani e donne che vivono ancora di più le violenze domestiche, madri sole che non riescono a sbarcare il lunario e garantire una corretta istruzione.

 

In questo tempo difficile, mentre è stato necessario chiudere le consuete attività educative e di accoglienza, l’opera salesiana Borgo Ragazzi don Bosco, da 72 anni al servizio di giovani e famiglie in condizioni di disagio sociale, continua la sua opera di assistenza con circa 300 interventi psico-socio-educativi al giorno sul territorio romano.

Continuiamo a sostenere i giovani a distanza, con la nostra missione di accoglienza e di vicinanza. Reinventandoci, mettendoci il cuore e i mezzi tecnologici che abbiamo a disposizione, lavorando spesso gratuitamente ma mettendo sempre al centro loro: i giovani che don Bosco tanto amava.” dice don Daniele Merlini, Direttore. Che però lancia un allarme e un appello.  “Non ricevendo più molti dei pagamenti previsti, stiamo andando avanti con tutte le nostre forze garantendo anche molte ore di volontariato ma, da soli, non possiamo farcela. Siamo preoccupati per i giovani e le famiglie più povere che, come in ogni momento di crisi, sono i primi a subire le peggiori conseguenze.
Chiediamo quindi, a chi può, di sostenerci con un contributo, anche piccolo, per continuare a nutrire il futuro di questi nostri fratelli più poveri
.

 

Borgo Ragazzi ha deciso di avviare una raccolta fondi chiedendo un contributo anche piccolo a chi ne ha possibilità. Le coordinate bancarie sono:

 

Borgo ragazzi Don Bosco

Intesa San Paolo

IBAN: IT73J0306909606100000148570 

 

In questo modo Borgo Ragazzi Don Bosco potrà proseguire la propria opera e fare in modo che le situazioni più complicate non degenerino in tragedia. “Siamo disorientati, confusi ma anche sostenuti dalla certezza che se lavoriamo insieme, la ricostruzione sociale che ci aspetta nel prossimo futuro, sia libera dall’accumulo di quelle macerie provenienti da situazioni di disagio e devianza che stanno esplodendo in questo periodo.”

Per donare:

Borgo ragazzi Don Bosco

Intesa San Paolo

IBAN: IT73J0306909606100000148570

 

Per contatti:

Angela Garreffa – Area Comunicazione

Mob. 3493640883

angela.garreffa@libero.it

 

 

 

 

 


Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Sociale

ALCUNE PAROLE NELLA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L'OMOFOBIA, LESBOFOBIA, BIFOBIA E TRANSFOBIA

Il pregiudizio e la persecuzione di cui tanti esseri umani continuano ad essere vittima per la loro...

Italia, apartheid: lettera aperta alle forze politiche democratiche

Gentilissime e gentilissimi dirigenti e rappresentanti delle forze politiche democratiche presenti...

Scossa di terremoto Roma, epicentro della scossa di terremoto vicino Roma

UTLIME NOTIZIE SCOSSA DI TERREMOTO ROMA – Terremoto di magnitudo 3.3 alle ore 5.03 a Roma. La...

Il Professor Fabrizio di Giulio ed il suo ultimo libro, L'OCEANO DENTRO

Un libro ricco di riflessioni sull’agire dell’animo umano è l’ultimo lavoro del Professor...

Addio al Professor Fabrizio di Giulio, il grande neuropsichiatra che parlava al cuore

Ci ha lasciato, all'età di 98 anni il Professor Fabrizio Di Giulio, famoso neuropsichiatra e...

Toscana, a Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop

A Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop, nell’area situata tra via Brodolini e...

25 Aprile 2020, Festa della Liberazione: popolo senza memoria è un popolo senza futuro

  ORTE (Viterbo) Per la prima volta, i cittadini festeggeranno il 25 Aprile nelle...

TRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONE DEL CENTRO DI RICERCA PER LA PACE

Nella foto Alfio Pannega con Osvaldo ErcoliTRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONEIn un fazzoletto di...