La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei beni segnalati dalla Lista Rossa di Italia Nostra. Il monumento è stato segnalato come bene meritevole di tutela e di valorizzazione dalla sezione di Italia Nostra del Litorale Romano per essere non solo salvaguardata ma recuperata ad una pubblica fruizione. La Torre è di proprietà della Regione Lazio e il 14 ottobre 2019 è stato sottoscritto un Protocollo d’intesa che ne assegna per dieci anni la gestione all’Arma dei Carabinieri, in vista della valorizzazione del sito. 

Davanti alla torre si trova la stele in memoria del carabiniere Salvo D’Acquisto, che si è immolato per salvare numerosi civili destinati alla fucilazione per rappresaglia. In questo luogo Salvo D’Acquisto morì fucilato da un plotone d’esecuzione tedesco il 23 settembre 1943. 

Detta anche Torre Perla, la Torre di Palidoro, si trova in prossimità della spiaggia, accanto alla foce del Rio Palidoro, all’interno del sistema dunale di Passoscuro/Palidoro, nella Riserva Naturale Statale del Litorale Romano. 

Come tante altre torri costruite a partire dal Medioevo sulla costa tirrenica, nacque come presidio di avvistamento a difesa dalle incursioni dal mare.  Al di sotto della struttura, sono stati rinvenuti i resti di un villa marittima di epoca romana facente parte di un vasto complesso esteso fino alla Villa cosiddetta di Pompeo a Marina di San Nicola. 

L’iniziativa mirata al recupero e alla tutela della Torre di Palidoro rientra nella campagna “Giornata Virtuale dei Beni in pericolo: La Lista Rossa”, che si sta svolgendo in queste ore sui social, ideata per stimolare processi virtuosi che coinvolgano le comunità a partire dal recupero e dalla valorizzazione del patrimonio, anche con la possibilità di ricadute economiche e sull’occupazione.

In questi giorni in cui si stanno programmando investimenti ed interventi per la ripresa dopo la crisi da Covid19, Italia Nostra propone, sull’intero territorio nazionale, di mettere il patrimonio culturale al centro di ogni ipotesi di sviluppo per la crescita del benessere etico e civile dei cittadini italiani, favorendo nelle comunità locali quel senso di appartenenza ai luoghi e ai valori espressi dai siti identitari.

“Il monumento - sottolinea la sezione di Italia Nostra Litorale Romano - è in stato di abbandono, meriterebbe invece di essere tutelato. Potrebbe diventare una ‘Porta della Riserva’ e ospitare materiali museali dedicati alla figura di Salvo d’Acquisto e materiali illustrativi delle ricchezze naturalistiche e archeologiche. Preoccupa ad oggi – prosegue l’associazione -  il destino della campagna di Palidoro, bellissimo esempio di paesaggio della bonifica, di proprietà della Regione Lazio, che ha varato un Regolamento per l’alienazione. Attualmente i terreni sono dati in concessione ad agricoltori. Il timore è che - conclude la sezione locale di Italia Nostra – i terreni possano essere ceduti a chi ne farebbe uso diverso da quello agricolo, con modifiche ed eliminazione dei vincoli esistenti con strumenti quali riperimetrazioni, varianti, deroghe, già applicati in passato nei territori della Riserva del Litorale”. 

Già dal 2017 Italia Nostra Litorale Romano ha elaborato un progetto - a cura dell’architetto paesaggista Nicola Canessa - messo a disposizione dell’Arma dei Carabinieri, che aveva manifestato l’interesse a realizzarvi un’area espositiva dedicata a Salvo d’Acquisto. 

La proposta di Italia Nostra prevede che, accanto alla documentazione relativa alla figura di Salvo d’Acquisto, la Torre ospiti materiali espositivi dedicati alle ricchezze naturalistiche e archeologiche dell’area, secondo quanto prevede lo stesso Piano di Gestione della Riserva nella Relazione Generale. 

Al punto 7.2.11, IX “Unità di Gestione Dune di Passoscuro – Palidoro – Fosso Cupino” si scrive infatti che il progetto di recupero deve essere “orientato a creare un’Oasi comprendente le delicate aree naturalistiche e le aree archeologiche”.

 


Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani smascherano speculazioni urbanistiche edilizie

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...

COORDINAMENTO NO TRIV REPLICA A UIL: Crisi sanitaria in Basilicata e royalties petrolifere

Lo scorso 8 Aprile, sulle pagine de “Il Quotidiano del Sud”, a cura di Eugenio Furia, è...