ROMA (UNONOTIZIE.IT)

La LAV chiede al senatore D’Alì, Presidente della Commissione ambiente del Senato, di revocare immediatamente al senatore Orsi il mandato di relatore del testo unico che si propone di stravolgere la normativa vigente sulla tutela degli animali selvatici e sulla regolamentazione della caccia. 

Se il testo licenziato dal senatore Orsi venisse approvato così com’è, infatti, quelli che ad oggi sono gravissimi atti di bracconaggio ed inaccettabili violazioni alle normative europee, di fatto sarebbero resi legali: non vi sarebbe più alcun limite né controllo alla detenzione di uccelli usati come richiami nella caccia da appostamento; nei campi addestramento per i cani sarebbe possibile sparare per 12 mesi all’anno; i cacciatori potrebbero sparare a cani e gatti non custoditi; l’uso del fucile sarebbe consentito già al compimento del 16° anno di età, prospettando uno scenario in cui ragazzi minorenni si aggirano nei pressi delle abitazioni e delle strade armati di micidiali fucili con gittata fino a 2 Km di distanza! 

 “Non possiamo tollerare che il Sen. Orsi, un appassionato dichiarato della pratica venatoria, possa demolire la legge sulla tutela degli animali selvatici al solo scopo di soddisfare la propria sanguinaria passionedichiara Massimo Vitturi, responsabile LAV, settore caccia e fauna selvaticachiediamo che il Senatore D’Alì, Presidente della Commissione Ambiente del Senato, revochi immediatamente il mandato al suo compagno di partito, investendo del delicato compito istituzionale di relatore una persona che non sia arroccata sulle posizioni più estremiste del mondo venatorio e che tenga in debita considerazione le richieste del 74% degli italiani, che vorrebbe la chiusura definitiva della caccia!” 

Il senatore Franco Orsi, attuale relatore, infatti, si è più volte vantato di aver sottratto terreno ai parchi regionali consegnandolo ai cacciatori, quand’era assessore regionale in Liguria. 

Sarebbe logico pensare che una Commissione Parlamentare che si occupa di ambiente, si prodighi nel licenziare atti allo scopo di garantire la tutela della natura, della flora e della fauna. – conclude Massimo VitturiMa il condizionale è d’obbligo in un Paese, come il nostro, dove i cacciatori, nascosti dietro al paradossale concetto di “tutori dell’ambiente”, sostengono che l’unico modo per difendere la natura consiste nell’uccidere gli animali che la popolano”. 

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

FARNESE / la Riserva del Lamone, dove flora e fauna vivono ancora incontaminate

La Riserva del Lamone è situata in provincia di Viterbo, nel Comune di Farnese, nel cuore della...

ALBERI DI NATALE / i finti alberi di Natale inquinano la nostra bella terra

Ultime news - Unonotizie.it - ALBERI DI NATALE / gli alberi di Natale finti inquinano molto di...

AGRICOLTURA, PESTICIDI / oltre l'80% della superficie agricola europea contaminata da pesticidi

Ultime news agricoltura - Unonotizie.it - Uno o più tipi di pesticidi sono stati rilevati in oltre...

AMBIENTE, MAPPA DELL'ITALIA INQUINATA / cosa vuol dire convivere con l’inquinamento

Uno studio pubblicato dall’Istituto superiore di sanità (Iss) analizza lo stato di salute della...

TARQUINIA, INCENERITORE RIFIUTI / contrari ad impianto ad alto impatto su ambiente e salute

In merito alla procedura autorizzativa del progetto di inceneritore di rifiuti da realizzarsi nel...

CENTRALE ENEL TVN CIVITAVECCHIA / il forum ambientalista smaschera i furbetti del carbone

Ultime news - unonotizie.it - Giovedì scorso la città di Civitavecchia è stata nuovamente...

CORRUZIONE, MAFIA E AMBIENTE / Ministro Costa: no alle mani della mafia sull'ambiente

Ultime news - UnoNotizie-.it - “La mafia punta a fare business con l’ambiente, un settore che...

CLIMA, ALLARME SICCITA' / Italia a secco con 15 mld metri cubi di acqua in meno

Ultime news - unonotizie.it - L’ Italia è a secco dopo che il trimestre invernale 2019 ha fatto...