RIO DE JANEIRO -BRASILE (UNONOTIZIE.IT)

Greenpeace ha inviato oggi un messaggio forte e chiaro ai leader dei 20 paesi più ricchi del mondo che si riuniscono a Londra, in occasione del G20, per discutere della crisi finanziaria.

 

In Brasile, secondo le ultime notizie, 15 attivisti dal ponte della baia di Guanabara a Rio de Janeiro hanno srotolato uno striscione di 50 metri con il messaggio “Leader del mondo: Prima il clima e le persone!”.

 

Al G20 di Londra si incontreranno per la prima volta il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il Presidente della Repubblica Popolare Cinese Hu Jintao le più grandi potenze economiche e, allo stesso tempo, i due maggiori paesi emettitori a livello globale.

 

“Vogliamo mandare questo messaggio direttamente da Rio de Janeiro, sede del Vertice Mondiale sull’Ambiente e Sviluppo nel 1992, per ricordare ai leader del G20, riuniti a Londra che questa è un’occasione unica per risolvere due crisi gemelle: la recessione economica e  l’accelerazione dei cambiamenti climatici.

 

I leader del G20 non possono perdere questa opportunità” dichiara  Paulo Adario, Coordinatore di Greenpeace Amazzonia.
 
La travolgente onda di speranza, creata al Vertice di Rio, che tutte le nazioni del mondo avrebbero lavorato insieme per salvare il pianeta è svanita.

 

Dopo 17 anni di promesse disattese dai governi di tutto il mondo, i cambiamenti climatici hanno raggiunto un livello preoccupante e  pericoloso. Abbiamo il dovere di costruire un’economia verde, creare nuovi posti di lavoro, promuovere la crescita sostenibile  e fermare i cambiamenti climatici.

Mentre i Paesi industrializzati devono impegnarsi a ridurre le emissioni di gas serra del 40% entro il 2020, rispetto ai livelli del 1990, anche i Paesi in via di sviluppo devono assumersi le proprie responsabilità nel fermare i cambiamenti climatici.

 

Brasile e Indonesia, ad esempio, sono ai primi posti tra i Paesi emettitori a causa della distruzione delle foreste.

L’Istituto Brasiliano per la Ricerca Spaziale (INPE), che ha il compito di monitorare la deforestazione, ha verificato che dei 70 milioni di ettari di foresta amazzonica già distrutta, circa 29 milioni sono andati persi dal 1992, l’anno del Vertice di Rio. Il fenomeno ha causato il mancato assorbimento di circa 8 miliardi di tonnellate di CO2. Un valore superiore alle emissioni di Stati Uniti e Cina nel 2000, cioè 6,5 e 5,1 miliardi di tonnellate, rispettivamente.

“Fermare la deforestazione in Amazzonia è il più importante contributo che il Brasile possa dare al Pianeta per fermare i cambiamenti climatici” - sostiene Chiara Campione, responsabile della campagna Foreste di Greenpeace Italia. “E’ necessario che il Brasile si impegni subito per la creazione di un meccanismo di finanziamento internazionale che abbia lo scopo di fermare entro il 2020 la deforestazione ovunque.”

Intanto a Bonn sono in corso i negoziati tra 129 Paesi che culmineranno a dicembre 2009, nella Conferenza di Copenhagen, dove dovrà essere raggiunto un accordo per proteggere le ultime foreste e salvare il Pianeta dai cambiamenti climatici.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minacciano un territorio ricco di biodiversità ed archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territorio in pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...

COORDINAMENTO NO TRIV REPLICA A UIL: Crisi sanitaria in Basilicata e royalties petrolifere

Lo scorso 8 Aprile, sulle pagine de “Il Quotidiano del Sud”, a cura di Eugenio Furia, è...

[RI]COSTRUIRE L’ITALIA animati da solidarietà democratica, appello NO-TRIV

“Tutti sanno che nulla potrà tornare come prima, ma è adesso che dobbiamo, insieme, darci da...