PORTO TOLLE-ROVIGO (UNONOTIZIE.IT)

 

SCANDALO AL SOLE!!!  

La riconversione a carbone della centrale di Porto Tolle è ambientalmente incompatibile con il territorio del Delta del Po, la legge istitutiva del Parco (L.R.36/1997) è molto chiara ed esplicita in merito al divieto di utilizzare (negli impianti per la produzione di energia situati nei comuni del Parco) combustibili più inquinanti del gas metano.

Siccome questo darà sicuramente adito a motivati ricorsi, che già abbiamo annunciato, ecco all'improvviso comparire, vigliaccamente, un atto (che sarebbe un complimento chiamare da prima Repubblica) per tentare di modificare le regole facendo in modo che tutto questo non rappresenti più un ostacolo.

L'Enel cosa ha pensato ? Cosa hanno pensato le grandi società del carbone sporco? Cosa hanno pensato alcuni politicanti?

Per scoraggiare quei cittadini che tutelano la loro stessa vita, tutto d'un tratto spunta una proposta di legge al limite dell'indecenza. 

 

Camera dei Deputati - XVI legislatura - Progetto di legge numero 2271 -Norma blocca-ricorsi su grandi opere

Infrastrutture / Norma blocca-ricorsi su grandi opere.

Un bavaglio alle associazioni ambientaliste, ai comitati e ai cittadini che non potranno più fare ricorso contro opere pubbliche.

Perché, in caso di "malafede" o di insuccesso giudiziario, saranno condannati a pagare le spese processuali e a risarcire i danni.

E nei danni è compreso anche il ritardo dei cantieri o la mancata realizzazione dell'opera, che siano di una centrale elettrica, di un autostrada o di una discarica.

Lo prevede la Proposta di legge presentata alla Camera da un gruppo di deputati del PdL, primo firmatario l'on. Michele Scandroglio (PDL).

Una lunga premessa e un solo articolo per modificare l'art.18 della legge 349/86 (istituzione del Ministero dell'Ambiente e normativa in materia di danno ambientale), che riguarda la responsabilità processuale delle associazioni e quindi la loro titolarità ad agire in giudizio.

Tra i firmatari della legge anche il viterbese On. Giulio Marini, che si è sempre dichiarato contro il carbone, votando addirittura documenti e mozioni contro la centrale a carbone di Civitavecchia che, come per Porto Tolle, sarà molto inquinante e pericolosa, per la salute di tutti, anche dell'Onorevole Marini.

Comitato Cittadini Liberi (Porto Tolle)

http://www.camera.it/_dati/leg16/lavori/schedela/trovaschedacamera_wai.asp?pdl=2271&ns=2

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minacciano un territorio ricco di biodiversità ed archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territorio in pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...

COORDINAMENTO NO TRIV REPLICA A UIL: Crisi sanitaria in Basilicata e royalties petrolifere

Lo scorso 8 Aprile, sulle pagine de “Il Quotidiano del Sud”, a cura di Eugenio Furia, è...

[RI]COSTRUIRE L’ITALIA animati da solidarietà democratica, appello NO-TRIV

“Tutti sanno che nulla potrà tornare come prima, ma è adesso che dobbiamo, insieme, darci da...