ROMA (UnoNotizie.it)

"Stiamo vivendo una crisi economica che molti studiosi definiscono “epocale” – ha dichiarato il Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Sandro Bondi, all’apertura del convegno Pensare la crisi apertosi oggi a Villa Medici con la partecipazione di numerosi intellettuali francesi e italiani - E non è un caso che tutti noi abbiamo la sensazione che stia davvero finendo un’epoca. E davanti a questo cambiamento siamo sgomenti e angosciati perché quella che deve venire è per ora indescrivibile e non sappiamo se sarà migliore o peggiore”. “l’Occidente – ha proseguito il Ministro - in parte ha perso la rotta; prefigurando uno sviluppo non adeguato alla sua civiltà.

Ci siamo trovati d’un tratto nell’atmosfera profetizzata e descritta da Oliver Stone nel celebre film, “Wall Street" e che pensavamo di aver superato dopo l’abbuffata edonistica degli anni Ottanta. Cosa c’era e cosa c’è che non funziona in questo modo di concepire lo sviluppo economico e sociale? Innanzitutto, un elemento: non c’è più l’uomo. L’uomo, se c’è, non conta. Ed è per questo che occorre ricongiungere ciò che è stato violentemente ed ideologicamente separato: ricongiungere l’idea di benessere economico con il destino umano e spirituale dell’uomo. Sono convinto infatti che lo sviluppo materiale non possa essere separato da quello spirituale.

L’economia infatti non può che essere intesa come lavoro e partecipazione comunitaria dei beni e delle conoscenze fra tutti gli uomini”. “In un tempo cosiddetto “secolarizzato” – ha ricordato in conclusione il Ministro - abbiamo visto in Abruzzo all’opera un popolo “religioso” nel senso vero del termine. Abbiamo ammirato e ancora ammiriamo un popolo di cittadini responsabili e capaci di agire da sé, in un impeto di carità che sconvolge gli schemi predefiniti e assume i tratti di una sussidiarietà creativa e libertaria.
Tutti hanno fatto la loro parte. Proprio nel mezzo di questa tragedia collettiva, davanti ai nostri occhi si è dischiuso un nuovo mondo, che sembra l’incunabolo e la “profezia” di ciò che potrebbe e dovrebbe essere il futuro nostro mondo sociale, un mondo sostenuto da una fitta rete di responsabilità diffuse e di doveri sentiti non come un peso ma come una libertà da parte di tutti gli uomini e le donne”.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Sociale

ALCUNE PAROLE NELLA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L'OMOFOBIA, LESBOFOBIA, BIFOBIA E TRANSFOBIA

Il pregiudizio e la persecuzione di cui tanti esseri umani continuano ad essere vittima per la loro...

Italia, apartheid: lettera aperta alle forze politiche democratiche

Gentilissime e gentilissimi dirigenti e rappresentanti delle forze politiche democratiche presenti...

Scossa di terremoto Roma, epicentro della scossa di terremoto vicino Roma

UTLIME NOTIZIE SCOSSA DI TERREMOTO ROMA – Terremoto di magnitudo 3.3 alle ore 5.03 a Roma. La...

Il Professor Fabrizio di Giulio ed il suo ultimo libro, L'OCEANO DENTRO

Un libro ricco di riflessioni sull’agire dell’animo umano è l’ultimo lavoro del Professor...

Addio al Professor Fabrizio di Giulio, il grande neuropsichiatra che parlava al cuore

Ci ha lasciato, all'età di 98 anni il Professor Fabrizio Di Giulio, famoso neuropsichiatra e...

Toscana, a Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop

A Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop, nell’area situata tra via Brodolini e...

25 Aprile 2020, Festa della Liberazione: popolo senza memoria è un popolo senza futuro

  ORTE (Viterbo) Per la prima volta, i cittadini festeggeranno il 25 Aprile nelle...

TRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONE DEL CENTRO DI RICERCA PER LA PACE

Nella foto Alfio Pannega con Osvaldo ErcoliTRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONEIn un fazzoletto di...