POTENZA (UnoNotizie.it)

La OLA (Organizzazione Lucana Ambientalista) - Coordinamento apartitico territoriale di Associazioni, Comitati, Movimenti e Cittadini - esprime forti perplessità, oltre che la propria contrarietà, in merito all’intesa che sarebbe stata stipulata tra il Dipartimento Agricoltura della Regione Basilicata ed il Gruppo Amadori, intenzionato ad allocare in Basilicata una mega-porcilaia che si vorrebbe insediare nell’area Basentana, in provincia di Matera.

 

La OLA evidenzia il grande impatto ambientale - diretto ed indiretto - che questa tipologia di insediamento intensivo comporta. La Amadori prevede, infatti, di produrre 100.000 maiali all’anno con una filiera basata sulla macellazione e produzione in loco di mangimi, (non sappiamo se Ogm), con un'occupazione di un'ottantina di unità.

 

La OLA fa rilevare come in proposito, già in passato, vi siano state esperienze disastrose. La Cip Zoo, nell’area industriale di Potenza, cosa ha lasciato in eredità ? 

 

Disoccupazione, capannoni all’amianto ed un’area che attende ancora di essere bonificata. Questi grandi allevamenti intesivi producono devastanti impatti ambientali sulle falde idriche e sul suolo e sono insostenibili anche dal punto di vista economico, per il fatto di fare "terra bruciata" delle più sostenibili e meno inquinanti aziende locali assoldate al ruolo di "ingrassatori", mentre le produzioni tipiche e biologiche - sulle quali la stessa Regione ha investito - non solo in immagine, rischiano il fallimento.

 

La OLA invita, pertanto, l’Assessore Regionale Viti a soprassedere dal perseguire questo ennesimo atto di colonizzazione ai danni della Basilicata, il cui territorio continua, purtroppo, ad essere svenduto - da questa classe politica - alle grandi lobby economiche, che fanno pagare ai cittadini lucani residenti gli effetti dell’inquinamento ed i danni alla salute, nonché produrre come effetto di ritorno lo spopolamento programmato della regione.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...