ANCONA (UnoNotizie.it)

La valutazione di impatto ambientale (VIA) è un’attività amministrativa che ha come finalità la tutela dell'ambiente, degli ecosistemi naturali e del patrimonio culturale. Per garantirne l’efficacia e l’attuazione, la normativa prevede che certi progetti siano sottoposti ad una valutazione preventiva ispirata al principio della sostenibilità che si identifica come interesse pubblico. Quindi nell’ambito delle attività della pubblica amministrazione dove si effettua una scelta comparativa di interessi pubblici e privati, gli interessi alla tutela dell'ambiente e del patrimonio culturale devono essere oggetto di prioritaria considerazione.

Su questi temi si confronteranno, giovedì 7 maggio (ore 10) presso la Sala Verde di Palazzo Leopardi in un seminario sulle modalità di recepimento e attuazione della normativa, la Regione Marche, le Regioni Emilia Romagna ed Umbria e il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare.
Gli interventi dei partecipanti saranno focalizzati  su alcuni punti specifici:
- stato dell’arte in merito al recepimento regionale del D.lgs. 152/06 e ss.mm.ii - parte II;  aspetti procedurali e documentali della verifica di assoggettabilità e della VIA; coordinamento e integrazione della VIA con le altre le autorizzazioni, intese, concessioni, licenze, pareri, nulla osta e assensi comunque denominati in materia ambientale, necessari per la realizzazione e l'esercizio dell'opera o intervento;
- gestione e coordinamento delle procedure di VIA relative ad opere ed interventi con impatti interregionali.

Nel corso del seminario, rivolto alle autorità competenti alla valutazione di impatto ambientale regionali e provinciali e ai soggetti pubblici e privati che intervengono a vario titolo nel procedimento di VIA, sono previste le relazioni del Ministero dell’Ambiente, della Regione Marche (dirigente P.F. Valutazioni e autorizzazioni ambientali), dei dirigenti regionali di Emilia Romagna e Umbria. Sono state inoltre invitate a partecipare le Regioni Lazio, Toscana e Abruzzo.

Infatti, per raggiungere pienamente le finalità della procedura di VIA, diventa essenziale il coordinamento delle specifiche disposizioni delle Regioni, in particolare per quanto riguarda le opere e gli interventi con impatti interregionali.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani smascherano speculazioni urbanistiche edilizie

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...