VICENZA (UnoNotizie.it)

Il camper di “Slegalitalia” partito da Tarquinia è giunto al presidio "No dal Molin" a Vicenza dove c'è festa. È un giorno importante, oggi viene acquistato collettivamente il terreno del presidio, vicino alla base americana che i vicentini non vogliono e noi con loro.

I “Dal Molin” rivendicano fondamentali diritti costituzionali, mortificati da cosche politiche e lobby economiche. “Slegalitalia” è nata in Maremma, dove i cittadini reagiscono alla violenza della centrale a carbone di Civitavecchia.

Due volte violenta: primo perché basata su una valutazione d'impatto taroccata e secondo perché la lobby del carbone ripete continuamente l'idiozia del "carbone pulito", mentre in verità a Civitavecchia la combustione del polverino di carbone produrrà letali nanopolveri in abbondanza e oltre 10.000.000 di tonnellate di CO2 ogni anno, in aggiunta ai 10.000.000 attualmente emessi dalle altre centrali del polo energetico dell'Alto Lazio.

Poic'è dell'altro, ci sono i rifiuti che verranno bruciati nella stessa centrale, c'è la discarica che dovrà sopperire in gran parte alla chiusura di quella romana di Malagrotta, c'è il probabile inceneritore dove finiranno anche le ceneri del carbone per la combustione secondaria, c'è l'autostrada, che passerà dentro il centro abitato di Tarquinia e massacrerà terreni agricoli fertilissimi da Capalbio a Tarquinia, c'è la centrale nucleare di Montalto di Castro.

Ma resistiamo. Come i Dal Molin. Ci accomunano lo stile non violento, per questo efficace, e le denunce, con cui i signori del potere cercano d'intimidire chi difende la salute e il territorio, cioè il presente e il futuro, e mette a nudo i loro affari.

Denunce per diffamazione piuttosto che per la “violenza privata” di aver attaccato un adesivo al palo del semaforo. Il primo processo ad uno di noi inizierà il prossimo 21 maggio. Sarà per diffamazione, perché nel 2003 l’allora sindaco di Civitavecchia, disse sì alla centrale a carbone di Torre Valadaliga Nord dopo aver manifestato a lungo la propria contrarietà a quell’impianto.

Il 5 aprile 2007 una cittadina di Tarquinia, in diretta da Anno Zero, raccontò che a fine mandato il sindaco del sì al carbone era stato nominato nel Consiglio di Amministrazione di Enel.

La nomina c’era stata ma non si trattava di Enel bensì di Acquirente Unico, società controllata dal Gestore dei Servizi Elettrici.

Un errore marginale. Paradossalmente i cittadini che s’impegnano a difendere i diritti imprescindibili alla salute e al lavoro rimangono soli ad invocare la legalità e diventano le vittime designate di un sistema corrotto.

E allora “Slegalitalia”!.  

Comitato dei Cittadini Liberi di Tarquinia  

www.slegalitalia.eu

nocoketarquinia.splinder.com

cittadiniliberi.blogspot.com

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani smascherano speculazioni urbanistiche edilizie

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...