TARQUINIA-VITERBO (Uno Notizie.it)

Riceviamo e volentieri pubblichiamo:

Ho letto con stupore le cronache dei giornali provinciali nei quali si riferisce dell'arresto di Gianfranco Leardini legato ad un suo presunto spaccio di droghe leggere ad altri ragazzi minorenni.

La notizia ha sconvolto chi conosce Gianfranco e le sue qualità personali che non possono essere tutte infangate da errori di gioventù che in questo caso diventano un vero e proprio dramma per la famiglia.

Si mostrano le sue foto come fosse un criminale mentre quelli veri continuano ad oltraggiare il nostro territorio.

Appetiti mafiosi si scatenano ed il fatto viene minimizzato dalle notizie.

Strani passaggi di proprietà, acquisti di immobili, strutture commerciali, aziende, effettuati da persone che, notoriamente non avrebbero tutta la disponibilità di denaro occorrente.

Fioccano le filiali di banche.

Sul territorio di Viterbo vengono segnalate numerose presenze di elementi di spicco di organizzazioni meridionali di stampo mafioso. Tutto questo va in secondo piano mentre le foto di Gianfranco che è figlio di Tarquinia e perciò nostro figlio viene marchiato a vita per comportamenti comuni alla stragrande maggioranza dei giovani di oggi e che vanno affrontati senza l'uso della galera.

I ragazzi sanno distinguere uno spacciatore da un altro che commette errori di gioventù che nella maggior parte dei casi vengono assorbiti dalla maturità e dall'amore della famiglia che in assordante solitudine lo segue. Il problema è anche una legge, la Fini-Giovanardi, che porta ogni giorno in carcere decine di giovani, davanti le prefetture centinaia di consumatori di marijuana a cui vengono richiesti improbabili test sull’urina o peggio, ritirate e sospese le patenti di guida.

Mesi in cui l’opposizione del centro sinistra (del PD e dell’Italia dei Valori) è stata in silenzio nel migliore dei casi, ma spesso ha sollecitato e cavalcato le “pulizie etniche” nei centri cittadini e la lotta alla droga in modo indistinto e attraverso l’uso del fallimentare strumento del proibizionismo. Si sente l’assenza della sinistra in parlamento quella stessa sinistra che aveva nel biennio 2006-2008 tentato di introdurre elementi almeno di depenalizzazione dei reati relativi al consumo delle droghe e introdotto una battaglia di verità e libertà sull’uso della canapa e dei suoi derivati, sia nella coltivazione individuale che nelle terapie anti-dolore. Fu proprio il moderatismo bacchettone di gran parte del centro sinistra a soffocare quei tentativi lasciando la strada libera alla definitiva applicazione della legge Fini-Giovanardi e alla conseguente repressione indiscriminata che oggi colpisce anche Gianfranco.  

Giovanni Leoni

Nella foto i giudici Falcone e Borsellino

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Lettere

ANTONIO MEDORI / Nessun problema economico e nessun rapporto con affiliati del clan dei Santapaola

Il sottoscritto Antonio Medori, in seguito ad articoli pubblicati nei giorni scorsi riguardanti...

LAZIO, TUSCIA / XVI Mini Festival, iscrizioni agli sgoccioli

Viterbo ultime news www.UnoNotizie.it - Ci sarà  tempo, ancora, qualche altro giorno...

LAZIO, MONTEROSI / Per la Befana della gioia i volontari hanno consegnato sorrisi e doni

Monterosi ultime news www.UnoNotizie.it - Ancora una volta la Befana della Gioia ha portato a...

LAZIO, SALDI VITERBO / Primo giorno di saldi, i commercianti: oltre le previsioni

Viterbo ultime news www.UnoNotizie.it - "Il primo giorno di saldi, che sembrano, da una prima...

LAZIO, TARQUINIA MEMORIA / Bella iniziativa scolastica per ripercorrere l'ultimo secolo del territorio

  Tarquinia ultime notizie www.UnoNotizie.it - La mattina del 6 dicembre, nell’aula...

TUSCIA: PROBLEMI DEL TERRITORIO / A Tuscania molte proposte slittate

Tuscania ultime news www.UnoNotizie.it - Molti (persino un ministro del precedente governo) sono...

UMBERTO CINALLI ELETTO COORDINATORE COMUNALE SEL VITERBO / Cinalli succede a Enrico Mezzetti

UMBERTO CINALLI ELETTO COORDINATORE COMUNALE SEL VITERBO. Cinalli succede a Enrico...

LETTERE ALLA REDAZIONE / Contro il crimine nucleare una lettera aperta

  Al Presidente della Repubblica Italiana Al Presidente della Commissione Europea e per...