MATERA (UnoNotizie.it)

Da una prima lettura dei Decreti VIA - che autorizzano due mega-centrali termoelettriche a Salandra (Basento Energia | 400 MW) e Pisticci (Sorgenia | 800 MW) - la OLA (Organizzazione Lucana Ambientalista), Coordinamento apartitico territoriale di Associazioni, Comitati, Movimenti e Cittadini, si evidenzia la fretta con cui si è voluto dar via libera alla realizzazione di queste due opere, collegate ad infrastrutture tecnologiche quali gasdotti, elettrodotti ed opere viarie. I due Decreti VIA, oltre ad essere lacunosi, rimandano la “patata bollente” alla Provincia di Matera ed alla Regione Basilicata.

Infatti, per l’autorizzazione VIA alla Società Energia SpA - oggi divenuta Sorgenia SpA del Gruppo CIR di Carlo De Benedetti - rilasciata dal Ministero Ambiente di concerto con il Ministero dei Beni Ambientali e Attività Culturali, sono state ignorate le osservazioni ed i pareri contrari prodotti dal Comune di Pisticci, dal Comitato contro la Centrale in Val Basento, dall’Amministrazione Provinciale di Matera Gruppo Udc, dal Comune di Ferrandina, dal Comitato di opposizione alla costruzione della centrale elettrica, dal Comitato dei Cittadini contro la Centrale, dall’Associazione MP3, dal Comune di Bernalda e dalla Regione Basilicata.

Dalla lettura del Decreto VIA per la mega-centrale di Pisticci si evidenziano due gravi lacune legate alle prescrizioni ministeriali, che subordino la messa in esercizio della centrale termoelettrica alla verifica di ottemperanza da parte del Ministero dell’Ambiente dell’adozione della Regione Basilicata del Piano di Risanamento di Qualità dell’Aria, ai sensi del  Decreto Legislativo 351/1999, anche in relazione alla macro-area. In parole povere, anche in assenza del Piano di Risanamento di Qualità dell’Aria, il Ministero dell’Ambiente ha autorizzato comunque l’opera, prevedendo poteri sostitutivi nel caso la Regione Basilicata non vi provveda entro tempi certi.

Il secondo elemento, che la OLA desume dall'analisi del Decreto VIA, evidenzia una grave superficialità alla base dell’autorizzazione. Il Ministero dell’Ambiente rilascia (vedasi punto 9) parere positivo ad una centrale che insiste su un’area ricadente all’interno del Sito di Bonifica di Interesse Nazionale, ricadente nell’area industriale della Val Basento, per la quale non esistono al momento dati sull’inquinamento, considerando che lo stesso Ministero dell’Ambiente, attraverso la Direzione VIA - diretta dall’ingegnere lucano Bruno Agricola - prescrive alla Regione Basilicata di redigere una campagna d’indagine sullo stato della qualità dei suoli, delle acque sotterranee e l'estensione della contaminazione, da definire d’intesa con il Ministero dell'Ambiente, Direzione Ribo. Il Decreto, però, non specifica chi dovrà provvedere all’eventuale bonifica, dal momento che il Ministero dell’Ambiente ha cancellato i fondi per la bonifica della Val Basento. 

Analogamente, il Decreto VIA per la Centrale di Salandra rimanda al rilascio della certificazione di “avvenuta bonifica” del sito contaminato - da parte dell’Amministrazione Provinciale di Matera - e, come la nostra Organizzazione evidenziava prima, alla redazione ed approvazione da parte della Regione Basilicata del Piano di Risanamento di Qualità dell’Aria ai sensi del Decreto Legislativo 351/1999. E con le elezioni amministrative alle porte la patata bollente rischia di scottare chi la tocca.

 

OLA [Organizzazione Lucana Ambientalista]

website: www.olambientalista.it
blog: www.olambientalista.it/corporateblog.htm

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani smascherano speculazioni urbanistiche edilizie

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...