GIOIA TAURO - REGGIO CALABRIA (UnoNotizie.it)

La Giunta Regionale della Calabria con a capo il suo Presidente Agazio Loiero e con il benestare dei Commissari Prefettizi dei tre Comuni  della Piana: Gioia Tauro, Rosarno e San Ferdinando hanno deciso che nell’area portuale verrà installato il più grande rigassificatore d’Italia.

Per l’ennesima volta si procede imponendo decisioni calate dall’alto che avranno ripercussioni perenni sul territorio, esponendo a rischi e pericoli i cittadini della PIANA, ai quali addirittura viene fatto credere di poter contribuire a decidere quando invece è già tutto stabilito e già firmato. Che senso ha chiedere un parere ai cittadini quando Loiero ha già firmato l’accordo?

Se sol si considera che nei pochissimi porti del mondo in cui vi sono rigassificatori, all’arrivo delle navi metaniere vi è un blocco totale del traffico marittimo, come potrà la realizzazione del più grande rigassificatore d’Italia conciliarsi e non arrecare danno all’attività principale di trashipment e ai pescatori?
Il rischio è che l’impianto di rigassificazione possa dare il colpo di grazia ad un Porto già in difficoltà per la spietata concorrenza di altri siti. Inoltre chi ci assicura che al primo anche  piccolo incidente le maggiori compagnie di navigazione che oggi preferiscono Gioia Tauro non si orientino su altri approdi più sicuri?

Il tutto si sta concretizzando senza considerare il rischio enorme a cui una tale struttura - contenente 12 miliardi di metri cubi di gas (tenendo presente che l’esplosione di una normale bombola di gas da 10 kg usate in famiglia rade al suolo un palazzo di 5 piani) -  esporrà i cittadini residenti, per la possibilità del verificarsi da un momento all’altro del sisma e/o maremoto di fine o inizio secolo che da sempre si verifica nella nostra zona considerata ad altissimo rischio sismico. 

A questo punto è chiaro che è proprio il governo regionale di “centro sinistra” vuole il rigassificatore a Gioia Tauro a tutti i costi. In Calabria si constata che a tale andazzo si sono adeguati anche i tradizionali partiti di sinistra, un tempo anche di “lotta” oggi solo di governo, che dall’interno della Giunta invero non hanno impedito tale scempio. Sul punto mai una critica all’operato del Presidente mai una minaccia di caduta di governo.

Questo tipo di politica calabrese sempre uguale e trasversale nel corso degli anni ha devastato la Piana di Gioia Tauro facendola diventare terra di conquista a vantaggio di multinazionali nordiste e addirittura estere. Al Porto le maggiori aziende sono del Nord Italia, all’inceneritore ci sono i francesi della multinazionale “Veolia”, a Rizziconi nella centrale Turbogas gli svizzeri. E per completare il saccheggio del territorio e dell’ambiente, con un po’ di nostalgia per il passato, si potrebbe pensare che per completare l’opera  mancano solo i saraceni. Mentre la piana langue nella disoccupazione e nel precariato più alto d’Italia.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani smascherano speculazioni urbanistiche edilizie

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...