ROMA (UnoNotizie.it) Mentre il presidente del consiglio Silvio Berlusconi dichiara di voler ricorrere all’esercito per riportare il nucleare in Italia, Greenpeace diffonde nelle ultime notizie i risultati del sondaggio sul ritorno del nucleare svolto riguardo al rinnovo del Parlamento Europeo tra i candidati alle elezioni europee.

Su questo tema l’associazione ha verificato finora un colpevole silenzio da parte di chi potrebbe invece opporsi alla militarizzazione delle decisioni sul nucleare: con la sua indagine ha ottenuto che i partiti venissero allo scoperto.

“La maggioranza degli italiani è preoccupata e consapevole che il nucleare è una scelta sbagliata e nonostante questo il governo intende imporlo con la forza militare. -  spiega Andrea Lepore, campagna Clima di Greenpeace - Ciascun candidato alle elezioni europee e amministrative ha quindi il dovere di esplicitare prima delle elezioni se si oppone al ritorno del nucleare senza nascondersi dietro strategici silenzi”.

Nelle scorse due settimane l’associazione ha posto a 60 candidati alle elezioni di giugno, selezionati equamente all’interno di sei liste (PD, IDV, PDL, SL, UDC, Lega Nord), due quesiti riguardanti la realizzazione in Italia di impianti nucleari EPR e di uno o più siti di deposito delle scorie radioattive sul territorio italiano. E chiede ai candidati che non lo hanno ancora fatto di esprimersi contro il nucleare.

I RISULTATI - Delle sei liste selezionate, solo due si sono dimostrate compatte nel dichiarare la loro contrarietà al nucleare in Italia: l’IDV e Sinistra e Libertà, seguite dal PD con sette candidati su 10 che hanno dichiarato la loro opposizione alla costruzione dei nuovi EPR in Italia.

Nessun candidato dell’UdC e del PdL ha per ora preso posizione contro gli impianti EPR e i siti di deposito di scorie nucleari in Italia, come ha invece fatto uno dei dieci candidati selezionati della Lega Nord. Sono pervenute anche dichiarazioni spontanee contro il nucleare dalla lista Rifondazione-PDCI, che non era inclusa nel sondaggio in quanto già dichiarata antinucleare.

Secondo le notizie riportate in un recente sondaggio di Eurispes all’inizio di maggio ha dimostrato che la maggioranza degli italiani è contraria al ritorno al nucleare.

In un documento congiunto, discusso giovedì scorso dalla Conferenza dei presidenti delle Regioni, gli assessori all’Ambiente delle Regioni italiane affermano che le norme contenute nel ddl 1195 “incidono profondamente, irragionevolmente e illegittimamente sulle competenze delle Regioni”  in maniera contraria a quanto previsto dalla Costituzione.

“Con il ddl 1195 il governo progetta di militarizzare l’apertura di nuovi impianti nucleari e lo smaltimento delle scorie radioattive. Le forze politiche e i singoli candidati che non si oppongono subito e con fermezza al nucleare stanno di fatto accettando i piani ‘sovietici’ del governo” conclude Lepore.


             


- Uno notizie ultime notizie ambiente elezioni europee parlamento europeo candidati IDV, UDC, PD, LEGA NORD, PDL, SL -

 

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani smascherano speculazioni urbanistiche edilizie

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...