MILANO ( UnoNotizie.it ) I commessi di uno dei più centrali negozi Geox d’Italia, in via Dante a Milano, hanno trovato all’apertura le vetrine decorate con enormi riproduzioni fotografiche degli incendi e delle fiamme che aggrediscono l’Amazzonia e, di fronte all’entrata, una scarpa lunga due metri dalla cui suola esce un denso fumo. Greenpeace ha colpito ancora.

“Dopo tre anni di ricerche internazionali abbiamo pubblicato l’inchiesta ‘Amazzonia, che macello!’. Abbiamo scoperto quali sono i marchi che con le loro cieche politiche di acquisto potrebbero essere la causa della distruzione dell’ultimo polmone del Pianeta – spiega Chiara Campione, responsabile campagna foreste di Greenpeace – Geox è fra questi, acquistando pelle dalla conceria italiana Gruppo Mastrotto. Quest’ultima si rifornisce di pelle brasiliana da uno dei super macellai che distruggono l’Amazzonia: Bertin. Abbiamo chiesto a Geox quali misure intende prendere per far sì che le scarpe che produce, oltre a far respirare i piedi, non soffochino l’Amazzonia e il nostro clima. Non abbiamo mai ricevuto risposta”.

Greenpeace ha dimostrato come, dagli allevamenti nel cuore dell’Amazzonia, dove il lavoro schiavile e l’invasione delle terre indigene sono la norma, i bovini arrivano nei macelli controllate da tre grandi aziende: Bertin, JBS e Marfrig che vendono carne e pelle in tutto il mondo. In quest’inchiesta emergono i nomi di marchi come Geox, Chateau d’Ax, Kraft e Cremonini.

Nella giornata mondiale dell’ambiente, nelle ultime notizie, Greenpeace denuncia che l’Amazzonia, il più grande polmone del Pianeta, il nostro futuro, viene distrutta al ritmo di un ettaro ogni 18 secondi a causa delle nostre scarpe, borse, divani, della carne in scatola e molto altro ancora. Per questo, grazie a Greenpeace, migliaia di persone in tutto il mondo stanno scrivendo alle aziende coinvolte chiedendo una soluzione.

“Greenpeace aspetta – specifica Chiara Campione- di incontrare i vertici di Geox per chiedere, come stanno già facendo migliaia di consumatori, di non acquistare da allevamenti e aziende che sono legate alla distruzione dell’Amazzonia e sostenere un’immediata moratoria sulla deforestazione di questo importante patrimonio”.

La deforestazione causa un quinto delle emissioni globali del nostro pianeta. E mentre, ai negoziati internazionali di Bonn, viene valutata la proposta di includere i crediti derivanti dal REDD (Riduzione delle Emissioni da Deforestazione e Degradazione delle Foreste) all’interno dei meccanismi per il commercio delle emissioni la foresta amazzonica viene distrutta anche a causa dell’industria della pelle e della mancanza di responsabilità dei governi del mondo.

 

 

 

- Uno notizie ultime notizie ambiente Milano -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani smascherano speculazioni urbanistiche edilizie

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...