Si è svolto il terzo Consiglio Provinciale Acli Viterbo dell'anno 2008.

 

Questo particolare momento ha visto la partecipazione oltre che dei membri eletti in consiglio dall'ultimo congresso provinciale del 17-02-08, anche di numerosi collaboratori, rappresentanti locali, promotori sociali, volontari che operano sul territorio diffondendo quotidianamente gli ideali di cittadinanza attiva propri dell'associazione.

 

 La riunione, preceduta da un incontro dedicato ai nuovi promotori sociali del patronato ACLI  e alle problematiche da questi riscontrate nella lettura del territorio, è stata ricca di interventi e spunti di riflessione da parte dei presenti, spunti che la Presidenza ha fatto propri e che costituiranno la base essenziale dei programmi futuri.

 

I responsabili dei vari settori, (fiscale, previdenziale, turistico, agricolo, di tutela dei consumatori, immigrazione, ecc.) hanno relazionato circa l'attività svolta nel 2008 e la comparazione con il 2007 ha evidenziato una crescita che investe tutta l'organizzazione provinciale e che gli operatori sperano sia il segnale di una corrente rivitalizzante che dia il via a una vera e propria rinascita dell'associazione al livello locale.

 

Il presidente, Signor Renzo Salvatori, ha dato lettura dell'estratto della relazione presentata dal presidente Nazionale Andrea Olivero durante il Consiglio Nazionale svoltosi a Roma nei giorni 4 e 5 luglio. Una relazione importante, piena di riflessioni acute, segnata da un tono assolutamente lucido e determinato nella quale il presidente ha toccato argomenti di portata nazionale e internazionale (grande risalto ai censimenti etnici e all'orario di lavoro massimo consentito) dichiarando apertamente la posizione delle Acli e l'intenzione ferma di “fare azione” sulla politica del nostro paese.

 

La riunione si è conclusa  con estrema soddisfazione dei membri della presidenza per la partecipazione e la qualità delle discussioni affrontate.

 

La presidenza Provinciale ha informato i Consiglieri riguardo gli obiettivi per il futuro più prossimo, obiettivi perfettamente in linea con le priorità espresse dalle Acli al livello regionale e nazionale, che sono principalmente due:

 

 1. creare una rete di osservatori permanenti sul territorio in grado di leggere e monitorare le condizioni e le difficoltà riscontrate dai soggetti sociali.

 

2. dare il via a delle iniziative rivolte alla famiglie che oltre a offrire servizi favoriscano la tutela e il riconoscimento della famiglia stessa come soggetto e attore politico-sociale.

 

Sara Guerrini

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Sociale

ALCUNE PAROLE NELLA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L'OMOFOBIA, LESBOFOBIA, BIFOBIA E TRANSFOBIA

Il pregiudizio e la persecuzione di cui tanti esseri umani continuano ad essere vittima per la loro...

Italia, apartheid: lettera aperta alle forze politiche democratiche

Gentilissime e gentilissimi dirigenti e rappresentanti delle forze politiche democratiche presenti...

Scossa di terremoto Roma, epicentro della scossa di terremoto vicino Roma

UTLIME NOTIZIE SCOSSA DI TERREMOTO ROMA – Terremoto di magnitudo 3.3 alle ore 5.03 a Roma. La...

Il Professor Fabrizio di Giulio ed il suo ultimo libro, L'OCEANO DENTRO

Un libro ricco di riflessioni sull’agire dell’animo umano è l’ultimo lavoro del Professor...

Addio al Professor Fabrizio di Giulio, il grande neuropsichiatra che parlava al cuore

Ci ha lasciato, all'età di 98 anni il Professor Fabrizio Di Giulio, famoso neuropsichiatra e...

Toscana, a Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop

A Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop, nell’area situata tra via Brodolini e...

25 Aprile 2020, Festa della Liberazione: popolo senza memoria è un popolo senza futuro

  ORTE (Viterbo) Per la prima volta, i cittadini festeggeranno il 25 Aprile nelle...

TRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONE DEL CENTRO DI RICERCA PER LA PACE

Nella foto Alfio Pannega con Osvaldo ErcoliTRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONEIn un fazzoletto di...