1 DICEMBRE, GIORNATA MONDIALE PER LA LOTTA ALL'AIDS. Ultime notizie - Roma - La malattia ha ucciso più di 25 milioni di persone dai primi anni Ottanta. I dati del “Fondo Globale per la lotta all’aids, la tubercolosi e la malaria” indicano l’Africa subsahariana come l’area più drammaticamente colpita. Qui vivono infatti 22 milioni di persone contagiate dal virus hiv. L’associazione di solidarietà e cooperazione internazionale LVIA lavora in 11 paesi dell’Africa sub-sahariana. Tra questi, in Burundi, dove ha avviato nel 2007 un progetto di lotta all’aids.

La provincia di Ruyigi, dove opera la LVIA, è tra le più povere del Burundi. Al di fuori dei pochi centri urbani, non vi è alcun servizio di assistenza e prevenzione. Le uniche strutture presenti sono i Centri di Salute, semplici dispensari che fungono da punto di riferimento per qualunque tipo di necessità e che non sono in grado di fornire nessun servizio legato all’aids.

Grazie al programma avviato dalla LVIA, dieci di questi Centri sono stati dotati di attrezzatura medica, medicinali e test per l’individuazione dell’hiv. Il personale medico dei Centri di Salute ha ricevuto una formazione tecnica sulle pratiche di prevenzione e cura della malattia, e viene continuamente supportato con sessioni semestrali di formazione e assistenza. Queste strutture oggi rappresentano il primo fondamentale gradino nell’individuazione e trattamento dei casi di aids.

Il programma promosso dalla LVIA sta effettivamente limitando la trasmissione dell’hiv, concentrando gli sforzi sulla prevenzione della trasmissione del virus da madre a bambino. Le donne incinte sieropositive che aderiscono a questo protocollo, sono sottoposte a trattamento con antiretrovirale dalla 28° settimana di gestazione, e 5 giorni prima del parto un servizio di navetta gratuito garantisce il trasferimento in ambulanza all’ospedale di Ruyigi, affinché possano partorire in buone condizioni e limitare il rischio di trasmissione del virus al proprio bambino.

Il programma continua a supportare le mamme anche dopo il parto. I centri, ad esempio, distribuiscono del latte e dei kit nutrizionali multi-vitaminici per permettere alle mamme sieropositive di evitare l’allattamento, che provocherebbe il contagio del neonato. Inoltre, alle donne e ai bambini sieropositivi viene garantito un supporto medico e psicologico, accompagnato dalla sensibilizzazione della comunità che, attraverso una corretta informazione, viene educata ad evitare l’isolamento dei malati.
Questo progetto è stato accolto molto positivamente, tanto che la Direzione Sanitaria ha chiesto di poter estendere il programma a tutta la Provincia di Ruyigi.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Questa notte alle 01,30 idealmente a Viterbo Sotterranea grazie al Tg2

Tutti insieme a Viterbo Sotterranea grazie alle telecamere del Tg2, Sì Viaggiare, Diari...

Crisi economica coronavirus, sos dal Borgo Ragazzi Don Bosco di Roma

CRISI SOCIALE, BORGO RAGAZZI DON BOSCO CONTINUA IL SERVIZIO per i PIù DEBOLI ma lancia...

Coronavirus, consigli di Jobsora: come impostare il lavoro a distanza

Per la maggior parte, il lavoro a distanza è adatto a programmatori, copywriter, web designer,...

EMERGENZA COVID-19, aiuto di ENGIE Italia: a 93 ospedali energia gratis

  ENGIE, che assicura energia pulita a case, aziende e città, leader nei servizi per...

Coronavirus: M5S Lazio, dirottiamo fondi di bilancio 2020 su emergenza

t Roma, 1 aprile, ultime news Regione Lazio – “Stiamo vivendo un momento di emergenza che...

I Rinaldoniani progenitori degli Etruschi, se ne parla a Viterbo Sotterranea

Cosa avvenne nel remoto passato in quel territorio dell’Italia centrale che oggi chiamiamo...

Martedì Grasso, ultimo giorno di Carnevale: eventi e golosità nella Viterbo Sotterranea

Martedì Grasso: cultura e golosità nella Viterbo Sotterranea con incredibili scherzi e...

Viterbo Sotterranea questa sera alle ore 19 a Studio Aperto su Italia Uno

Nella foto, durante le riprese, il fondatore di Viterbo Sotterranea  Sergio CesariniQuesta...