Si è riunito presso l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, Fao, un gruppo di esperti indipendenti al fine di stilare una serie di proposte per la limitazione del commercio internazionale di alcune specie acquatiche, nell’ambito della Convenzione sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche minacciate d'estinzione (Cites).

Istituita per proteggere le specie selvagge che maggiormente e direttamente sono state danneggiate dagli effetti negativi della commercializzazione, la Convenzione Cites ha istituito un elenco che prevede vari gradi di controllo che vanno dall’imposizione di misure restrittive del commercio (se incluse nell’Appendice II del Cites) al bando totale di ogni attività commerciale (Appendice I).

Le proposte presentate dai vari componenti del Cites, che saranno esaminate nel corso della XV Conferenza del Cites (Doha, Qatar, 13-25 marzo 2010), chiedono alla Convenzione di controllare il commercio internazionale di certe specie di squali e di coralli, e di bandire del tutto il commercio internazionale del tonno rosso (Thunnus thynnus).

Formato da 22 esperti internazionali di 15 Paesi differenti, il gruppo consultivo, è stato convocato per valutare le proposte in accordanza con i criteri stabiliti dalla Convenzione e per formulare raccomandazioni indipendenti ed imparziali basate su criteri scientifici presentati per ogni singola proposta.

In seguito a un’analisi approfondita durata sei giorni e utilizzando i criteri Cites, il team di esperti ha deciso di includere le seguenti specie nell’Appendice II del Cites: lo squalo longimanus (Carcharhinus longimanus), lo smeriglio (Lamna nasus), lo squalo martello merlato (Sphyrna lewini). Inoltre, per rafforzare la protezione dello squalo martello si è proposta l’inclusione di altre due specie di “aspetto simile”, il pesce martello maggiore, (Sphyrna mokarran) ed il pesce martello (Sphyrna zygaena).

Per le restanti specie in considerazione, lo Squalus acanthias conosciuto comunemente come spinarolo, e tutte le specie della famiglia corallina delle Coralliidae, gli esperti hanno stabilito che non vi fossero abbastanza prove secondo i criteri Cites, per una loro inclusione nell’Appendice II. In ogni caso una cattiva gestione
di queste specie in alcune zone di distribuzione è motivo di “seria preoccupazione” sollecitando azioni di controllo per evitare che i tassi di sfruttamento superino livelli accettabili.

Il rapporto completo del gruppo consultivo d’esperti sarà disponibile entro il mese prossimo e sarà pubblicato sulla pagina web del Dipartimento pesca ed acquicoltura della Fao.


- Uno Notizie, agricoltura e pesca -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Agroalimentare

ALLARME XYLELLA / Xylella vira verso Matera, nuovi casi a Taranto

Non solo verso Nord, la Xylella vira a Ovest a pochi chilometri da Matera con i nuovi casi di...

DAZI, SOS PASTORI / anche il pecorino italiano nella lista nera di Donald Trump

Dopo aver detto addio a un milione di pecore negli ultimi dieci anni le greggi italiane devono...

VINITALY / da etichetta fieno a vino scomponibile tutte le novità di Vinitaly 2019

Ultime news - unonotizie.it - Dall’etichetta fatta di fieno che salva gli alberi al vino...

CALDO, 6 ITALIANI SU 10 AL LAVORO NELL'ORTO / da Coldiretti i dieci passi per fare un orto perfetto

ULTIME NEWS - UNONOTIZIE.IT - Con l’arrivo del caldo 6 italiani su 10 (62%) sono tornati...

VIA DELLA SETA / la Cina vieta pere, mele e uva Made in Italy

Ultime news - unonotizie.it - Mele, pere e uva da tavola Made in Italy sono vietate in Cina che non...

CLIMA / Coldiretti: 14 miliardi di danni all’agricoltura nell’ultimo decennio per anomalie climatiche

ULTIME NEWS - UNONOTIZIE.IT - La grave siccità nelle campagne del nord provocata da precipitazioni...

BIOLOGICO / aumento del 10% delle vendite al dettaglio nel 2018 per gli alimenti biologici

Ultime news - unonotizie.it - Con un aumento del 10% delle vendite al dettaglio nel 2018 gli...

INQUINAMENTO E SMOG / allarme Coldiretti: senza pioggia città inquinate e siccità nei campi

Ultime news - UnoNotizie.it - Se la mancanza di pioggia nelle città ha causato l’innalzamento...