Il caso della clinica degli orrori di Cosenza si trasforma in una puntata di CSI e quello di Ascoli Piceno in un film dell’orrore. Ospizi e case di cura lager, tra sporcizia maltrattamenti e misteriose scomparse.


Si è da poco celebrato il sessantacinquesimo anniversario della shoa e già oggi ritornano davanti ai nostri occhi crude immagini di un moderno lager. Non più famelici volti di uomini e donne ridotti a larve umane, ma disabili e anziani ridotti in schiavitù e abbandonati a loro stessi tra sporcizia e indifferenza.

Nello stesso giorno due squadre di carabinieri si apprestano ad indagare sugli ennesimi casi di case di cura lager. Entrambi già noti alle forze dell’ordine e alla giustizia tornano a calcare la scena ancora una volta e con scoperte sempre più macabre.

Nelle Marche, ad Ascoli Piceno, i carabinieri, infatti, avevano già fatto visita nel 2000 all’ospizio “Casa di Giobbe”, un nome degno delle pene a cui venivano sottoposti gli ospiti, e già nella precedente inchiesta la casa di cura era stata chiusa per maltrattamenti e il proprietario diffidato a proseguire l’attività.

Dopo dieci anni da quel blitz i carabinieri si sono trovati di fronte uno spettacolo raccapricciante, donne e uomini tra i 70 e i 90 anni rinchiusi in stanze sovraffollate adagiati sui letti bagnati dalle proprie urine e tutto intorno sporco di feci.

Una struttura sanitaria, che doveva ospitare ed assistere anziani e disabili, trasformata in un moderno lager da uomini senza scrupoli. 


Ancor più orrendo, in Calabria, il caso di Cosenza. La clinica Giovanni XXIII ritorna sulle prime pagine dei giornali riportandoci alla mente quelle immagini che un anno fa hanno fatto il giro di tutti i tg, tra sporcizia, maltrattamenti, fame e scandali economici ora la clinica degli orrori fa di nuovo parlare di sé.

Un anno fa, nell’ultima inchiesta che aveva coinvolto la casa di cura, erano state scoperte una sessantina di tombe senza nome in uso alla casa di riposo, tombe nelle quali probabilmente sono stati sepolti per sempre i segreti della clinica degli orrori.

I carabinieri ne avevano aperte due dove avevano trovato quattro feretri in ogni loculo, anziché due, ma senza nessun nome o data.
Un mistero irrisolto, seppellimenti mai dichiarati e scomparse quanto mai misteriose quelle avvenute nella clinica in 18 anni.


Una squadra dei Ris si è recata nel cimitero di Serra d’ Aiello (Cosenza),  questo il nome del paese dove ha sede l’ istituto Papa Giovanni XXIII, la casa di cura degli orrori, per riesumare tutti i cadaveri e cercare attraverso l’esame del DNA di dare un nome a tutti quei corpi straziati in vita e anche nella morte.

Nel piccolo cimitero si allestirà una sorta di ospedale da campo dove i Ris e i medici legali esamineranno ogni cadavere disseppellito per cercare di capire le cause di queste morti e per dare finalmente un nome ai defunti e magari una tomba su cui i parenti possano da ultimo piangere i loro cari, e siamo sicuri che piangeranno, non tanto per i loro cari quanto per la loro incuria.

In questi giorni si cominceranno a riesumare i cadaveri e c’è da scommettere che il piccolo paese e il suo cimitero si trasformeranno in un set cinematografico degno della più avvincente puntata di CSI, con tutti gli occhi dei telespettatori e dei giornalisti puntati sopra, e chissà cosa scopriranno di nuovo!

Speriamo che qualcuno paghi per tanta crudeltà.


Anche “Chi l’ha visto”, su Rai tre, si era occupato della scomparsa di due “ospiti” della clinica misteriosamente scomparsi.
Ai parenti che chiedevano spiegazioni era stato risposto che erano andati via con le loro gambe, una beffa, perché i due le gambe non potevano usarle perché paralitici, infatti le tracce dei due pazienti non andavano oltre il giardino della clinica.


Due casi diversi quello di Cosenza e quello di Ascoli, ma simili, entrambi uniti dall’aver trasformato delle strutture che dovevano ospitare e accudire disabili e anziani, di cui i familiari non potevano occuparsi, in due moderni lager.

Ma ciò che viene spontaneo domandarsi è come mai certi casi siano venuti alla luce solo dopo tanto tempo. Ci si chiede come abbiano fatto i parenti che andavano a trovare i loro cari  a non fare caso all’indecenza in cui questi vivevano. O forse non andavano mai a far visita a quei poveri derelitti abbandonati a se stessi.

E pensare che una volta gli anziani erano considerati saggi e per questo erano amati e rispettati da tutta la società, oggi invece sono solo un peso.

Irene Galati

- Uno Notizie Italia - Roma -

Commenti

E´ assolutamente vergognoso ,c´e´ voluto il question time in consiglio regionale per scoprire chi ha voluto l´eliminazione dell´ assegno di cura in Umbria ,la triade dei sindacati con qualche sospetto in piu´ nei confronti della cisl. Altrimenti non si comprende la veemenza e l´enfasi con la quale il segretario generale della Cisl umbria Ulderico Sbarra difende quel guscio vuoto del fondo regionale per la non autosufficienza ,guscio vuoto che al momento non ha prodotto alcun risultato e difficilmente porterà vantaggi . Appena 4 milioni ,forse, nel 2010 contro i 115 in 4 anni sbandierati dal´Assessore alle politiche sociali Stufara . Sono stati ricompresi nel computo anche gli stanziamenti destinati all´ adi ,assistenza domiciliare integrata,(l´ospedale a casa del paziente) che poco centra con i servizi alle persone non autosufficienti e rappresenta la fetta piu´ cospicua dei finanziamenti. L´assegno
commento inviato il 29/01/2010 alle 9:01 da Francesco Conti  
ESTENDERE L´ASSEGNO DI CURA A TUTTI I GRAVI NON AUTOSUFFICIENTI DELLA TOSCANA ,UMBRIA E LAZIO. La regione Toscana ha deliberato l´ erogazione di un assegno di cura a favore delle famiglie che si occupano direttamente dei propri congiunti malati di sla. Scelta giusta e mi auguro di rapida attuazione, ma tutti gli altri Le decine di migliaia di non autosufficienti della Toscana sia anziani che giovani sono forse meno degni di tutela Ovviamente la risposta e´ no Ma evidentemente la Regione Toscana non condivide. L´assegno di cura e´ uno strumento di supporto alle famiglie che ospitano persone non autonome , consente di consegure il benessere del disabile e risparmi straordinari per lo Stato e Regione. Nelle strutture di ricovero e cura i costi per un non autosufficiente in condizioni di media gravita´ sfiorano i 2500 euro mensili, la Regione contribuisce in media con 1400-1500 euro al mese. Un malato di sla in residenza puo´ costare fino
commento inviato il 01/02/2010 alle 8:14 da Rita Sabbatini  
add
add

Altre News Salute

MADAGASCAR, EPIDEMIA DI MORBILLO / 1.200 morti per il morbillo in Madagascar, da ottobre oltre 115.000 contagi

uLTIME NEWS - UNONOTIZIE.IT - E' salito a più di 1.200 morti il bilancio dell'epidemia di morbillo...

ALLERGIE AI FARMACI/ da lattosio a glutine, in quasi tutti i farmaci un ingrediente che causa allergia

Ultime news - unonotizie.it - Quasi tutti i farmaci contengono, oltre al principio attivo, qualche...

VACCINI / presidi: da lunedì niente asilo per i bimbi senza certificato

Ultime news - UnoNotizie.it - "Lunedì prossimo, per chi non si presenterà a scuola con il...

DONAZIONE ORGANI / le donne italiane sono le più generose d'Europa, prime per donazione di organi

ULTIME NEWS - UNOnOTIZIE.IT - Le donne italiane sono le prime donatrici di organi per trapianti da...

VACCINI / Salvini scrive al Ministro della Salute Grillo: "Sì ai bambini non vaccinati a scuola fino a 6 anni"

Ultime news - Unonotizie.it - Il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini ha scritto una...

SALUTE, AIDS / vaccino italiano abbatte il 90% del virus dell'Aids inattaccabile dalla sola terapia

ULTIME NEWS - UNONOTIZIE.IT - La somministrazione del vaccino terapeutico italiano Tat contro...

INFLUENZA / 39 morti da inizio stagione e 191 casi gravi, queste settimane picco epidemico stagionale dell'influenza

Ultime news - Unonotizie.it - Salgono a 39 le persone decedute da ottobre ad oggi a causa...

INFLUENZA / 2,8 milioni di italiani a letto con l'influenza, ecco i rimedi contadini contro i malanni di stagione

Ultime news - UnoNotizie.it - Con 2,8 milioni di italiani già finiti a letto con l’influenza e...