In un recente intervento apparso sul quotidiano "Il messaggero" il 31 agosto 2008 anche la sottosegretaria al Turismo del governo in carica riconosce e dichiara l'irragionevolezza e l'impossibilita' di realizzare a Viterbo il devastante mega-aeroporto per voli low cost del turismo "mordi e fuggi" per Roma.
Viterbo, conclude la sottosegretaria Brambilla, "non possiede affatto" i requisiti.

E nelle settimane precedenti, sia pur a mezza bocca e a collo storto, tanti soggetti della stessa lobby politico-affaristica aeroportuale avevano dovuto ammettere che in effetti il nocivo e distruttivo mega-aeroporto a Viterbo non si puo' realizzare, poiche' per realizzarlo e' inevitabile commettere gravi violazioni di legge, danneggiare gravemente la salute e la sicurezza della popolazione locale, devastare irreversibilmente beni ambientali, culturali, sociali ed economici fondamentali, sperperare follemente ingenti fondi pubblici, ledere legittimi interessi e diritti soggettivi di molte persone e di fatto dell'intera comunita' altolaziale.

Si conferma cosi', ancora una volta, cio' che il movimento che si oppone alla devastante opera ha sempre sostenuto: che lo scellerato mega-aeroporto non puo' e non deve essere realizzato.

Sarebbe bene che il ceto politico ed amministrativo ne prendesse definitivamente atto, desistesse dal voler a tutti i costi realizzare un'opera illegale e folle, ed invece si impegnasse per quelle opere di cui l'Alto Lazio ha veramente bisogno, in primo luogo la difesa e la valorizzazione dei beni ambientali e culturali e delle vocazioni produttive del territorio, e per quanto concerne la mobilita' innanzitutto il miglioramento del trasporto ferroviario.
Viterbo cessi di essere terra di conquista e di saccheggio, colonia rapinata e devastata; e la popolazione dell'Alto Lazio veda finalmente riconosciuto il suo diritto alla salute, a un ambiente vivibile, alla difesa delle straordinarie risorse naturali e storiche del territorio, a un modello di sviluppo corretto, sostenibile e con tecnologie appropriate.

Non solo: si impegnino piuttosto, e con urgenza, i pubblici poteri per la riduzione del trasporto aereo, fortemente corresponsabile del surriscaldamento del clima, la principale emergenza ambientale planetaria.
Ed in primo luogo hic et nunc si riducano immediatamente e drasticamente i voli su Ciampino. Si eviti di realizzare nuovi impianti aeroportuali. Si attuino politiche per la difesa della biosfera, l'unica casa comune che abbiamo.


a cura del Centro di ricerca per la pace di Viterbo

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE ? /l'ultimo articolo su Tarquinia Città di Luigi Daga. Parla anche della mafia a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...

RICORDIAMO PEPPINO IMPASTATO NELL' ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Ricorre l'anniversario della morte di Peppino Impastato, assassinato dalla mafia il 9 maggio...