Civitavecchia, un osservatorio ambientale per tutelare ambiente e salute dalla centrale a carbone Enel di Torrevaldaliga Nord - Con Determinazione della Regione Lazio B1757 del 25.03.2010 è stato istituito l’Osservatorio Ambientale previsto quale prescrizione nel decreto V.I.A. n°680/2003 relativo alla centrale a carbone di Torrevaldaliga nord.
La Regione Lazio, inoltre,  ha proceduto nella nomina dei componenti dell’osservatorio che sarà attivato entro il mese di Maggio 2010 ed avrà lo scopo di analizzare lo stato ambientale del comprensorio attraverso l’analisi dei livelli complessivi degli inquinanti dell’area provocato dalle diverse fonti e studiarne le ricadute sulle popolazione; monitorare i parametri di qualità dell’ambiente derivanti dall’esercizio della centrale; gestire gli eventuali fenomeni di criticità ambientale derivanti dall’esercizio della centrale; ricercare soluzioni tecnologiche per l’ulteriore abbattimento degli inquinanti ed infine, ma non per importanza, informare i cittadini sui risultati degli studi e delle misure effettuate.

Un risultato non scontato, ottenuto grazie alla costante azione portata avanti sin dal 2008 dalla Procura di Civitavecchia, che vogliamo ringraziare pubblicamente, e che non solo rende merito alle tante delle denunce dei comitati, ma soprattutto rende palese ancora di più, semmai ce ne fosse bisogno, l’illegittimità del Consorzio per la gestione dell’Osservatorio istituito dai Sindaci del comprensorio, su spinta del Sindaco Moscherini, nel 2009.
Apprezziamo particolarmente che sia stato sottolineato che il funzionamento dell’Osservatorio debba avvenire senza fondi ENEL, che la partecipazione  dei rappresentanti delle varie istituzioni sarà a carico di quest’ultime, al fine di evitare che i fondi erogati dal controllato, ovvero l’ENEL, possano influenzare i controllori e che a tal fine ci sono già fondi a disposizione presso il Ministero dell’Ambiente.

Inquieta, invece, e non poco, che i Sindaci della corte di Moscherini, in un azione congiunta, nonostante formale richiesta inoltrata dalla Direzione Regionale Ambiente, non abbiano provveduto alla designazione di propri componenti in seno all’Osservatorio, quasi a lasciar trasparire che piuttosto che le attività di monitoraggio ambientale e sanitario sulle ricadute della centrale su territorio e popolazione, il vero fine perseguito fosse la gestione dei fondi previsti nella convezione per il funzionamento dello stesso.
Diventa ora improrogabile che il carrozzone sin qui rappresentato dal Consorzio per la Gestione dell’ Osservatorio venga immediatamente sciolto e che finalmente venga spiegato ai cittadini come si sono stati impegnati i fondi ad esso destinati.
Nell’auspicare che l’istituzione dell’Osservatorio comporti finalmente l’avvio di concreti e stringenti  controlli sugli effetti ambientali e sanitari della centrale, come da anni i comitati stanno chiedendo, ci auguriamo che l’azione della Procura prosegua anche nel verificare l’ottemperanza concreta delle tante altre prescrizioni inevase dall’ENEL, una per tutte l’interramento degli elettrodotti e la realizzazione del cosiddetto “Parco dei Serbatori”, ovvero il bosco di 40 ettari che dovrebbe sorgere in aree limitrofe alla centrale.

I cittadini continueranno nella loro azione di denuncia delle tante carenze ed omissioni amministrative ed autorizzative e chiederanno ai competenti organi di controllo, quali ad esempio la Corte dei Conti, di verificare la correttezza delle modalità e finalità di utilizzo dei fondi ENEL destinati all’Osservatorio.
E questa volta i Sindaci,  loro malgrado, dovranno fornire risposte convincenti!

nocoketarquinia@yahoo.it
noalcarbone@gmail.com


- Uno Notizie Lazio - ultime news Civitavecchia -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Un libro di Antonello Durante per capire il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...