Anche quest’anno ricorre la giornata della memoria per le vittime di Capaci, a 18 anni dalla strage, che vide la morte di Giovanni Falcone, della moglie, Francesca Morbillo e degli agenti della scorta del magistrato.
Fitto il calendario degli appuntamenti all’insegna della memoria, che vede il coinvolgimento delle istituzioni e soprattutto di tanti giovani impegnati in numerose attività.

L’avvio ufficiale della giornata è stato dato ieri dall’arrivo, alle 8,00, delle navi della legalità al porto di Palermo, denominate Giovanni e Paolo, rispettivamente partite da Civitavecchia e Napoli, con a bordo migliaia di studenti provenienti da tutta Italia accompagnati dal procuratore nazionale antimafia, Piero Grasso.

Il culmine della giornata della memoria è stato, come ogni anno, l’incontro tra le istituzioni e i giovani nell’aula bunker dell’Ucciardone. Ha partecipato, oltre a 2.500 giovani, il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini, i ministri dell'Interno e della Giustizia, Roberto Maroni e Angelino Alfano, il procuratore nazionale antimafia, Pietro Grasso e il procuratore di Palermo, Francesco Messineo. “

Non solo la mafia aveva interesse a eliminare Giovanni Falcone - ha affermato Piero Grasso - lui non voleva combattere la mafia e l'illegalità a metà, le voleva eliminare dalle fondamenta. Voleva tagliare le relazioni tra la mafia e gli altri poteri. E su questo le indagini sono ancora attuali. Falcone era il nemico numero uno della mafia, ma era inviso anche a tanti centri di interesse. Era un personaggio scomodo per il suo impegno per il recupero della legalità che urtava gli interessi di troppa gente", ha continuato Grasso. "Falcone e Borsellino - ha aggiunto - sono i miti, i punti di riferimento che mi aiutano nei momenti di sconforto. Falcone non si sarebbe accontentato di ridimensionare la mafia, ma voleva aggredire la specificità che rende la mafia un soggetto che partecipa al potere anche con le sue relazioni esterne".

Il convegno, intitolato “Un patto per la legalita”’ è stato organizzato dalla fondazione Falcone, dalla sorella del giudice assassinato dalla mafia, Maria Falcone.

Tra le tante iniziative, ne segnaliamo una curiosa della Coldiretti, che presente con uno stand in piazza Magione ha offerto succo d’arancia ai bambini presenti nella giornata della legalità. “Una spremuta di mille chili di agrumi siciliani per spiegare agli scolari  l’importanza di mangiare prodotti che vengono seminati e raccolti nell’isola, dove sostenere  l’agricoltura significa innescare un volano che può offrire lavoro e quindi garanzie di legalità”.

- Uno Notizie Palermo (Sicilia) – Ultime news strage di Capaci

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE ? / ultimo articolo su Tarquinia Città di Luigi Daga. Scrive anche della mafia a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...