Intercettazioni, presidente ACLI: "nuove regole contro la corruzione, no riduzione a libertà d'azione di magistrati e giornalisti" - «Il Paese ha bisogno di trasparenza e legalità, non di segretezza». E’ fortemente critico il giudizio delle Associazioni cristiane dei lavoratori italiani sul disegno di legge sulla disciplina delle intercettazioni telefoniche e ambientali approvato dal Senato.


«Di fronte all’emergenza legalità che affligge gravemente il nostro Paese – spiega il presidente delle Acli Andrea Olivero – e che viene portata a conoscenza dell’opinione pubblica proprio grazie alle indagini dei magistrati e alle cronache dei giornalisti, ci saremmo aspettati dalla politica altre risposte: nuove regole contro la corruzione, un potenziamento delle capacità investigative, un’interpretazione più rigorosa del senso dello Stato e della moralità pubblica. Si procede, invece, pervicacemente, malgrado le correzioni delle ultime ore, a ridurre gli spazi di azione di magistrati e giornalisti, per giunta a colpi di maggioranza, anzi “blindando” i testi per coprire i dissidi all’interno della stessa coalizione di Governo».

«Certamente – aggiunge Olivero – il diritto alla riservatezza dei cittadini è importante, le violazioni al segreto istruttorio vanno impedite, i giornalisti possono e devono essere richiamati ad un maggior senso di responsabilità nell’utilizzo delle informazioni di cui vengono in possesso. Per tutelare queste esigenze era ed è possibile trovare soluzioni ragionevoli e condivise. Ma è la corruzione la vera emergenza del Paese, con ricadute gravissime non solo sul piano politico ed economico – l’evasione fiscale, il lavoro sommerso, lo spreco di denaro pubblico, le mafie e le clientele – ma anche sul piano sociale ed educativo: il venir meno del senso dello stato, della legalità, del bene comune».

«Per fare crescere finalmente la democrazia nel nostro Paese – conclude il presidente delle Acli – avremmo allora bisogno di maggiore responsabilità e trasparenza, non certo di maggiore segretezza. E per far questo la libertà d’informazione non è solo un diritto fondamentale della Costituzione ma anche un dovere imprescindibile»



- Uno Notizie Italia - ultime news Roma -

Commenti

Non è possibile che si arrivi a questo punto nel nostro governo.Sono tutti venduti Cosa vuole berlusca ancora ;una legge per avere i teppeti rossi dove cammina, o magari una tassa ai pensionati per mantenere le sue dame o per pagare il nuovo yacht di famiglia. Siamo tutti fessi Fessi sul serio cmq. con chi continua convinto a crederci nelle sue parole, come quelle un messia. No so dovre andremo a finire... se gli italiani non cominciano ad aprire gli occhi ..
commento inviato il 11/06/2010 alle 5:27 da Giovanni  
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE ? /l'ultimo articolo su Tarquinia Città di Luigi Daga. Parla anche della mafia a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...

RICORDIAMO PEPPINO IMPASTATO NELL' ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Ricorre l'anniversario della morte di Peppino Impastato, assassinato dalla mafia il 9 maggio...