Intercettazioni, presidente ACLI: "nuove regole contro la corruzione, no riduzione a libertà d'azione di magistrati e giornalisti" - «Il Paese ha bisogno di trasparenza e legalità, non di segretezza». E’ fortemente critico il giudizio delle Associazioni cristiane dei lavoratori italiani sul disegno di legge sulla disciplina delle intercettazioni telefoniche e ambientali approvato dal Senato.


«Di fronte all’emergenza legalità che affligge gravemente il nostro Paese – spiega il presidente delle Acli Andrea Olivero – e che viene portata a conoscenza dell’opinione pubblica proprio grazie alle indagini dei magistrati e alle cronache dei giornalisti, ci saremmo aspettati dalla politica altre risposte: nuove regole contro la corruzione, un potenziamento delle capacità investigative, un’interpretazione più rigorosa del senso dello Stato e della moralità pubblica. Si procede, invece, pervicacemente, malgrado le correzioni delle ultime ore, a ridurre gli spazi di azione di magistrati e giornalisti, per giunta a colpi di maggioranza, anzi “blindando” i testi per coprire i dissidi all’interno della stessa coalizione di Governo».

«Certamente – aggiunge Olivero – il diritto alla riservatezza dei cittadini è importante, le violazioni al segreto istruttorio vanno impedite, i giornalisti possono e devono essere richiamati ad un maggior senso di responsabilità nell’utilizzo delle informazioni di cui vengono in possesso. Per tutelare queste esigenze era ed è possibile trovare soluzioni ragionevoli e condivise. Ma è la corruzione la vera emergenza del Paese, con ricadute gravissime non solo sul piano politico ed economico – l’evasione fiscale, il lavoro sommerso, lo spreco di denaro pubblico, le mafie e le clientele – ma anche sul piano sociale ed educativo: il venir meno del senso dello stato, della legalità, del bene comune».

«Per fare crescere finalmente la democrazia nel nostro Paese – conclude il presidente delle Acli – avremmo allora bisogno di maggiore responsabilità e trasparenza, non certo di maggiore segretezza. E per far questo la libertà d’informazione non è solo un diritto fondamentale della Costituzione ma anche un dovere imprescindibile»



- Uno Notizie Italia - ultime news Roma -

Commenti

Non è possibile che si arrivi a questo punto nel nostro governo.Sono tutti venduti Cosa vuole berlusca ancora ;una legge per avere i teppeti rossi dove cammina, o magari una tassa ai pensionati per mantenere le sue dame o per pagare il nuovo yacht di famiglia. Siamo tutti fessi Fessi sul serio cmq. con chi continua convinto a crederci nelle sue parole, come quelle un messia. No so dovre andremo a finire... se gli italiani non cominciano ad aprire gli occhi ..
commento inviato il 11/06/2010 alle 5:27 da Giovanni  
add
add

Altre News Attualità

Paese che Vai presenta Vitorchiano

Nella foto Sergio Cesarini con Pina giordano a VitorchianoSabato 11 giugno, “Paese che Vai”, la...

TV: San Martino al Cimino a Paese che Vai

Sabato prossimo, 21 maggio, “Paese che Vai”, la seguitissima trasmissione di Cusano Italia TV,...

Tuscia: a Soriano nel Cimino ”Carabinieri: storie di uomini stra…ordinari”

Nella prestigiosa sede del Comune di Soriano nel Cimino (Vt) il giorno 14 maggio 2022, a partire...

A Paese che Vai Sant'Angelo, 'Il paese delle fiabe' e Roccalvecce

Sabato prossimo, 7 maggio, “Paese che Vai”, la seguitissima trasmissione di Cusano Italia TV,...

Viterbo, Villa Lante di Bagnaia: si entra gratis il primo maggio

La spettacolare Villa Lante di Bagnaia, è visitabile ad ingresso gratuito, su...

Primo maggio a Viterbo Sotterranea

Il 1 maggio Viterbo Sotterranea rimane aperta per accogliere tutti i visitatori. In programma...

Vignanello e il Castello Ruspoli a "Paese che Vai

Sabato prossimo, 16 aprile, “Paese che Vai”, la seguitissima trasmissione di Cusano Italia TV,...

A Viterbo Sotterranea in vendita l'interessante libro sull'Arma dei Carabinieri

Il titolo accattivante e originale del libro, “Carabinieri: storie di uomini...