Civitavecchia, ultime news inquinamento aria - Il monitoraggio autonomo dell'aria pagato dai cittadini di Tarquinia ha evidenziato livelli d'inquinamento insopportabili per una popolazione già segnata da una situazione sanitaria poco invidiabile. Tra gli aspetti critici rilevati figurano le concentrazioni di polveri sottili. La normativa vigente fissa una soglia massima media annua di 20 microgrammi di polveri per metro cubo d'aria. Il valore rilevato nei 21 giorni di campagna di monitoraggio autonomo nelle postazioni di Tarquinia, Santa Marinella e Civitavecchia è stato mediamente più alto del 50% ed ha raggiunto almeno una volta in ciascuna località l'ulteriore valore soglia di 50 microgrammi per metro cubo.


La relazione peritale ha evidenziato bassi livelli di sostanze marker del traffico veicolare (ossido di azoto e monossido di carbonio), aumentando di fatto la responsabilità a carico delle centrali termoelettriche. Una copia della relazione è stata depositata il 14 luglio al Ministero dell'Ambiente, durante l'audizione della Conferenza dei Servizi che deciderà i limiti emissivi della centrale di Torre Valdaliga Sud; il Comitato dei Cittadini Liberi di Tarquinia era presente a rivendicare che ogni licenza rilasciata per inquinare l'aria che si respira da queste parti deve considerare l'effetto cumulato delle fonti che emettono sostanze tossiche.

La consegna sarà ripetuta ovunque si decida sulla salute degli abitanti dell'Alto Lazio, come nel caso del tracciato autostradale, che sovrapponendosi all'Aurelia lambirà le case di Tarquinia. Chi conosce gli studi dell'Università di Brescia, sa che questa decisione da sola aumenterà l'inquinamento medio per chi vive nei primi 100 metri dal nastro d'asfalto di almeno 5 volte rispetto all'attuale Aurelia, a causa dell'aumento del numero di veicoli che passeranno da 17.000 a oltre 40.000 al giorno, alla maggiore velocità e al fenomeno di risollevamento del particolato.

I risultati del monitoraggio autonomo consentono di mettere di fronte alle proprie responsabilità chi s'occupa della Valutazione d'Impatto Ambientale della A12 e tutti quelli che, come il sindaco di Tarquinia Mazzola, hanno assecondato il sì di Marrazzo all'autostrada di Matteoli. Un sì inspiegabile; solo poco prima Marrazzo s'era dichiarato favorevole a quella messa in sicurezza dell'Aurelia che molti auspicavano, fattibile e poco costosa. Quelli che non riescono a rimuovere in altro modo le proprie responsabilità chiamano “quelli del no” chi si batte per salvaguardare la propria salute; meschinità; a proposito dell'autostrada, nel depositare i risultati del monitoraggio il pensiero sarà per quanti saranno costretti ad averla dentro casa e alla scuola materna costruita lì vicino.


Ernesto Cesarini
Coordinatore del Comitato dei Cittadini Liberi di Tarquinia

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...