La green economy entra nelle scuole marchigiane, razie al bando regionale “Scuola Laboratorio Ambiente” che per l’anno scolastico 2010 – 11 invita studenti e insegnanti a realizzare progetti che abbiano come tema la diversità biologica e le criticità poste dalla mobilità negli spazi urbani, rurali e naturali.


“Il bando – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Sandro Donati - redatto con il concorso degli insegnanti, nell’ambito del protocollo di intesa che da quattro anni continua a segnare il proficuo cammino interistituzionale tra il nostro assessorato e l’Ufficio scolastico regionale per le Marche nel campo dell’educazione ambientale e alla sostenibilità, invita le comunità scolastiche a progettare laboratori didattico educativi  per acquisire e diffondere le sensibilità, le conoscenze e le competenze necessarie a salvaguardare e potenziare la diversità biologico-naturalistica e a immaginare e sperimentare una green mobility, tale da soddisfare le esigenze di spostamento e di fruizione senza compromettere habitat, vivibilità, salute”.

Anche la scuola, dunque, nell’anno della biodiversità, concorre all’immagine delle Marche come regione leader in Italia per la green economy: un settore posto al centro del programma del nuovo governo regionale come diverso rapporto tra ambiente e produttività.

Finalità generale è l’educazione alla cittadinanza attiva e responsabile per la costruzione della città ecologica e solidale.

Obiettivo specifico dei progetti è la realizzazione di laboratori educativi/creativi come percorsi di autoconsapevolezza per progettare nuove soluzioni, sperimentarle già nel proprio quotidiano, nel proprio gruppo sociale, nella propria città, per scoprire il valore delle diversità sia sul piano ecologico ed economico (ricchezza delle specie vegetali ed animali, quale maggiore garanzia di sopravvivenza della vita nel pianeta), sia sul piano socio-culturale (conoscenza delle peculiarità del proprio territorio, senso di appartenenza alla propria comunità, non come contrapposizione ma in quanto chiave di lettura scientifica delle tante diversità che danno valore e mettono in dialogo religioni, civiltà e culture).

Gli argomenti da affrontare potranno essere: ricerca, scoperta e tutela della ricchezza biologica del proprio territorio, cambiamenti climatici, inquinamenti, pianificazione urbana, veicoli ecologici, percorsi pedonali e ciclabili, mobilità scolastica, trasporto pubblico, consumi e alimentazione a “chilometri zero”, sicurezza, salute, arte, natura.

Il progetto tende a coinvolgere l’intera comunità scolastica, comprese le famiglie, e la comunità sociale esterna più ampia (istituzioni, enti, associazioni, agenzie formative, centri di educazione ambientale), creando sinergie e garantendo qualità ed efficacia all’educazione globale.

Le azioni previste dal progetto dovranno avere un forte carattere di concretezza con lo scopo di

favorire coerenti comportamenti, visibili e verificabili. Effetti attesi dalla partecipazione al progetto sono sia la presa di coscienza dei problemi, sia la progettazione e sperimentazione di soluzioni praticabili e comunicate alla cittadinanza: la scuola per la città.

“Questa iniziativa – conclude Donati – dall’anno in cui è stata sottoscritta l’intesa con l’Ufficio scolastico, ha visto salire la partecipazione e il conseguente impegno finanziario della Regione: dai 40 istituti che hanno beneficiato del sostegno nel primo anno, si è arrivati agli oltre 100 nell’ultimo. Per il prossimo anno scolastico il budget si conferma al livello dell’anno scorso quanto al sostegno ai progetti scolastici (circa 140 mila euro,  per contributi tra 500 e 3 mila euro ai  vincitori), ma  destina una maggiore quota (circa 5 mila euro) alla socializzazione e divulgazione dei metodi e risultati, prevedendo l’organizzazione di due seminari rivolti agli insegnanti”.

Il bando, consultabile sul sito regionale www.infea.marche.it settore download, scade il 25 ottobre prossimo.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...