Un “autorevole e tempestivo intervento riguardo alla vicenda delle semine illegali di mais transgenico effettuate, nei mesi scorsi in Provincia di Pordenone” è stato chiesto dalle 27 organizzazioni aderenti alla “Task Force per un’Italia libera da Ogm”, in una lettera inviata ai ministri della Giustizia Alfano, dell’Interno Maroni, dell’Ambiente Prestigiacomo, delle Politiche agricole Galan, della Salute Fazio e al presidente e all’assessore regionale alle Risorse agricole del Friuli-Venezia Giulia, Tondo e Violino.


“A fronte di una situazione di palese violazione delle norme vigenti, che consente di addebitare a danno dei responsabili, peraltro rei confessi, diverse ipotesi di reato, anche di tipo associativo”, Acli, Adoc, Adusbef , Aiab, Amab, Campagna Amica, Cia, Città del Vino, Cna alimentare, Codacons, Coldiretti, Crocevia, Fai, Federconsumatori, Federparchi, Focsiv, Fondazione Univerde, Greenaccord, Greenpeace, Lega Pesca, Legacoop Agroalimentare, Legambiente, Movimento difesa del cittadino, Slow Food, Unci, Vas e Wwf) chiedono “alle Autorità in indirizzo di assumere, ciascuna in base alle proprie competenze, e con estrema urgenza tutte le iniziative necessarie per:  procedere alla immediata distruzione delle coltivazioni transgeniche già individuate;  eseguire le analisi necessarie per individuare altre coltivazioni illegali e verificare eventuali contaminazioni da parte delle piante transgeniche;  verificare la correttezza dell’operato della Procura della Repubblica di Pordenone;  perseguire i responsabili delle semine illegali;  annunciare la costituzione di parte civile delle amministrazioni con competenza diretta in materia di OGM, in caso di rinvio  a giudizio dei responsabili”.

Nella lettera, nella quale si ripercorre la vicenda, dalla semina illegale di mais Ogm all’acquisizione della certezza in base alle analisi effettuate, “che almeno due campi, posti sotto sequestro nel comune di Fanna e di Vivaro,  sono costituiti da piante transgeniche (mais Ogm - MON810) e che non si può escludere la presenza di altre coltivazioni geneticamente modificate sono state realizzate in aree circostanti”, la Task force” ricorda che “in Italia, ai sensi dell’articolo 1, comma 2 del decreto legislativo 24 aprile 2001, n. 212, non è consentito procedere alla messa in coltura di sementi transgeniche in assenza delle previste autorizzazioni di legge” e che “l’articolo 1, comma 5 del suddetto decreto legislativo 212/2001 dispone che:  “Chi mette in coltura prodotti sementieri di varietà geneticamente modificate senza l'autorizzazione di cui al comma 2, è punito con la pena dell'arresto da sei mesi a tre anni o dell'ammenda fino a 100 milioni di lire. La stessa sanzione si applica in caso di revoca o sospensione dell'autorizzazione”.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE ? /l'ultimo articolo su Tarquinia Città di Luigi Daga. Parla anche della mafia a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...

RICORDIAMO PEPPINO IMPASTATO NELL' ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Ricorre l'anniversario della morte di Peppino Impastato, assassinato dalla mafia il 9 maggio...