«Bisogna spengere in fretta quelle fiamme - ha incitato Aleksej Yablokov, membro dell'accademia delle scienze - il vento può portarle sino a Mosca e avrebbero conseguenze disastrose. Forse persino peggiori di quelle dell'86».

Ma oggi come allora l'approccio da parte di chi ha la responsabilità di ciò che sta accadendo è quello di minimizzare, tranquillizzare, mettere a tacere le informazioni fuori dal coro.

Niet Problema era il leit motiv di 24 anni  fa dell'allora comitato centrale dell'Urss; niet problema è quello che dice oggi il presidente Vladimir Putin. Tutto sotto controllo, ripetono le autorità di Briansk, l'area dove stanno andando a fuoco i boschi di betulle carichi di radioattività. Il portavoce del ministero delle situazioni di emergenza, Irina Iégorouchkina, ha dichiarato infatti che gli esperti di Mosca non hanno rilevato nessun aumento del livello di radioattività nella zona di Briansk, regione alla frontiera della Bielorussia e dell'Ucraina che fa parte delle aree più contaminate dall'incidente di Cernobyl.

E sull'assoluta mancanza di rischi ha insistito ieri anche il responsabile del ministero Vladislav Bolov, ribadendo che un controllo delle zone contaminate da Chernobyl, effettuata questa settimana, aveva provato che i fuochi non propagavano alcuna radiazione. Contraddicendo quanto affermato dal ministro delle situazioni di emergenza Sergueï Choïgou che aveva riconosciuto, la settimana scorsa, il pericolo che rappresentavano gli incendi nelle regioni contaminate- che hanno raggiunto circa 4.000 ettari secondo quanto rivelano dal servizio federale russo- e contraddicendo anche quanto asserito da Andrei Sirin, direttore dell'Istituto per le foreste, che dopo le denunce di Greenpeace ha ammesso che «certamente questa regione (parlando di Bryank, ndr), queste foreste necessitano di una particolare protezione dagli incendi perché le fiamme sprigionano la radioattività che poi si può diffondere con il fumo su aree ancora più vaste».

E oltre al problema già serio delle foreste radioattive in fiamme, c'è un'altra preoccupazione  altrettanto grave e che allo stesso modo viene taciuta  o  minimizzata: gli incendi che minacciano le centrali nucleari. Dopo aver faticosamente domato gli incendi che minacciavano  il centro nucleare di Sarov, 500 chilometri a est di Mosca, adesso le fiamme stanno lambendo un altro impianto atomico a Snezhinsk, questa volta più lontano, trovandosi a 1.500 chilometri, e sempre nella stessa direzione. E sempre con la stessa entità di rischio.

Lucia Venturi

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE ? /l'ultimo articolo su Tarquinia Città di Luigi Daga. Parla anche della mafia a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...

RICORDIAMO PEPPINO IMPASTATO NELL' ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Ricorre l'anniversario della morte di Peppino Impastato, assassinato dalla mafia il 9 maggio...