E' Il mese di settembre è quello dove piu’ frequenti sono le occasioni di svago gastronomiche con mercatini, fiere e sagre che sono frequentate almeno una volta da tre italiani su quattro in vacanza, secondo un sondaggio condotto dal sito coldiretti.it. e divulgato nel primo week end di settembre. Una vera e propria riscoperta delle tradizioni che è il frutto dell'esigenza di ristabilire un rapporto più diretto con il cibo, la cultura e le tradizioni territoriali, soprattutto in questo periodo quando si moltiplicano le iniziative di valorizzazione dei prodotti locali con feste organizzate in tutta Italia, nei piccoli e grandi centri.

Spettacoli, giochi e rievocazioni storiche sono gli ingredienti principali delle feste locali dove però a fare la parte del leone sono i prodotti tipici locali e stagionali, preparati secondo le usanze tipiche del territorio. Un piacere a costi contenuti come conferma il fatto che la metà dei frequentatori spende con l’occasione una cifra compresa tra i 10 ed i 30 euro a persona per gustare o acquistare prodotti dell’enogastronomia.  Il 30 per cento non supera i 10 euro di spesa a persona, il 13 per cento non spende un euro ed il 7 per cento piu’ di 30 euro, secondo il sondaggio Coldiretti.

Si tratta di valori che contribuiscono comunque ad alimentare il motore della vacanza enogastronomica che con 5 miliardi di fatturato stimato per il 2010 è l'unico segmento in costante e continua crescita nel panorama dell'offerta turistica nazionale Il successo di sagre, feste e mercati di paese, nei confronti delle famiglie, ma anche di gruppi di giovani, è favorito dal fatto che l'Italia è l’unico paese al mondo che puo' contare anche sulla leadership europea nella produzione biologica e nell'offerta di prodotti tipici con ben 210 denominazioni di origine riconosciute a livello comunitario e 4.511 specialita' tradizionali censite dalle regioni, mentre sono 498 i vini a denominazione di origine controllata (Doc), controllata e garantita (Docg) e a indicazione geografica tipica (320 vini Doc, 41 Docg e 137 Igt).

Il mese di settembre è tradizionalmente il piu’ ricco per varietà e numero di sagre anche se in questo mese la maggior parte di esse sono dedicate alla vendemmia, all'uva e al vino con il 35 per cento dei festeggiamenti. Tra gli altri prodotti, i più rappresentativi, tanto da meritare una specifica festa in loro onore, sono la frutta e verdura celebrate nel 22 per cento dei casi e i funghi (11 per cento). Nel 8 per cento dei casi a essere onorati sono la carne e i suoi derivati e la stessa percentuale di sagre è dedicata a pasta, pane e polenta. Non mancano momenti di festa per i formaggi (6 per cento), per il miele e i dolci (5 per cento) ed anche per curiosità come rane e lumache (5 per cento).

Come per i ristoranti ed i negozi turistici anche per le sagre è in agguato il rischio tarocco e occorre fare attenzione che il prodotto promosso faccia parte della realtà produttiva della località (ad esempio mai ad una sagra del pesce di mare in montagna o a quella dei funghi al mare). Moltissimi sono gli appuntamenti da Nord a Sud per il primo fine settimana di settembre. A Bergamo si svolge la Fiera di S.Alessandro (presso Fiera di Bergamo) mentre al Terminillo (Rieti) a Pian de' Valli c’è il mercato degli agricoltori di campagna amica e a Filiano (Potenza) si svolge la 38esima edizione della “Sagra del pecorino di Filiano Dop”, il più longevo evento gastronomico lucano. Iniziative sono in programma anche a  Lido degli  Estensi (Ferrara) con “Terra & Mare”, mostra mercato con vendita dei prodotti agricoli di stagione, animazioni, degustazioni, a Boves  (Cuneo)  nella frazione di Rivoira mostra prodotti ortofrutticoli dal titolo “Ai piedi della Bisalta” e a Mattinata (Foggia) con l’evento ‘CultRurale’ nell’ambito del quale si svolgerà l’iniziativa ‘Mangia che ti passa….invito a scena’, dove saranno serviti il pane ‘Generoso’, prodotto esclusivamente con il pregiato grano ‘Cappelli’,  condito con olio estravergine d'oliva delle aziende Aprol e Rinaldi e assaggi di legumi con verdure miste, formaggi e mozzarelle, vino e dolci.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Turismo

Etruria: benvenuti al Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

TUSCIA: CIVITA DI BAGNOREGIO CANDIDATA UNESCO

Negli ultimi sette anni si sono registrati numeri in aumento di visitatori italiani e stranieri;...

Altare prima del trono: nacque a Sovana Gregorio VII, Papa che cambiò la storia

L'altare prima del trono: a Sovana Gregorio VII, il Papa che cambiò il corso della storia...

Tuscia, turismo all'aperto: emozionanti visite guidate a Viterbo e Civita di Bagnoregio

Rilancio del turismo e nuove idee che possano contribuire fattivamente a questo obiettivo. In...

Viterbo, visite guidate. Cosa vedere in un giorno: prosegue “VITERBO SOTTOSOPRA”

Rilancio del turismo e nuove idee che possano contribuire fattivamente a questo obiettivo. Nella...

Alto Adige, estate all’aria aperta sulle Dolomiti

Dopo l’emergenza Covid-19 tutti sentiamo la necessità di ossigenare mente e corpo e di...

PALAZZO FARNESE A CAPRAROLA, COSA VEDERE CON LE VISITE GUIDATE

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

Orchestra Italiana del Cinema: video e nuovo hahstag “Tutti Amiamo L’Italia

L’Orchestra Italiana del Cinema pubblica un suggestivo video di ottimismo e speranza lanciando il...