HORN ISLAND, Missisipi – Oggi Greenpeace, impegnata nel Golfo del Messico con una spedizione a bordo dell’Arctic Sunrise, ha scoperto petrolio proveniente dal disastro della Deepwater Horizon sulle spiagge dell’Isola di Horn, al largo della costa del Missisipi, a pochi metri dai siti protetti di nidificazione di tartarughe.

Il coordinatore scientifico Adam Walters, scavando piccolo buchi sulla spiaggia, ha scoperto strati di sabbia impregnata di petrolio poco sotto la superficie. Il catrame è stato trovato sulle spiagge di entrambi i versanti dell’isola, a pochi metri da siti protetti di nidificazione di tartarughe. Il petrolio ritrovato su quest’isola mostra che l’area è ben lontana dall’essere stata ripulita dalla marea nera, che continua a minacciare gli habitat costieri del Mississipi.

«È scandaloso, – commenta Giorgia Monti responsabile della campagna Mare di Greenpeace Italia - la BP continua a raccontarci che il petrolio è stato completamente ripulito. L’isola di Horn rappresenta un habitat particolarmente importante per uccelli e tartarughe marine, che la BP rischia di danneggiare irreparabilmente, nel tentativo di ripulire l’area. Metodi di pulizia particolarmente invasivi, come l’utilizzo di ruspe, aggiunti al petrolio e ai disperdenti chimici, rischiano di spingere questi ecosistemi particolarmente sensibili sull’orlo del collasso».

«Ciò che vediamo sulle coste del Golfo è giusto la parte di catrame spiaggiato. Una gran quantità non arriverà mai sulle coste - continua il coordinatore scientifico Adam Walters - e non sarà mai ripulita. Questo petrolio dissolto o mescolato ad acqua è quello che sta causando e causerà danni significativi e non misurabili all’ecosistema acquatico del Golfo».

Questo lavoro di ricerca di Greenpeace sull’isola di Horn è parte di una spedizione di tre mesi nel Golfo del Messico per valutare gli impatti della marea nera. L’Arctic Sunrise è stata messa a disposizione di ricercatori indipendenti per analizzare e studiare gli impatti del petrolio e dei disperdenti sull’ecosistema del Golfo.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...