"Dobbiamo evitare di esporre l’intero Paese ai rischi di disastri ambientali". Queste le parole di Mikhail Gorbaciov, in risposta al recente tentativo da parte del presidente kazako Nararbajev di rispolverare il progetto russo che voleva deviare il corso dei fiumi siberiani.
"Verso la fine degli anni ’80 - dichiara Gorbaciov - sotto la giusta pressione dell’opinione pubblica nascente, avevo bloccato questi progetti faraonici di deviazione dei grandi fiumi siberiani. Oggi il contesto ambientale non è cambiato molto".

Il piano riproposto da Nararbajev era stato elaborato dagli scienziati russi già a partire dagli anni ’30 sotto il regime di Stalin, poi ripreso negli anni ’80 e fermato da Gorbaciov. E il leader kazako ora ci riprova, cogliendo l’occasione dell’incontro col presidente russo, Dmitri Medvedev, per la firma di una serie accordi di cooperazione. Sua l’ipotesi bizzarra secondo la quali i fiumi Ob, Enisej e Lena sfocerebbero inutilmente nell’Artico, mentre le terre del sud della Russia e dell’Asia Centrale potrebbero beneficiare di queste risorse idriche per risolvere i problemi di raccolto, diminuito a dismisura a causa della siccità di quest’estate.

"Il presidente kazako dimostra di avere una pessima conoscenza dei problemi ambientali e delle possibili soluzioni", dichiara Elio Pacilio, presidente di Green Cross Italia. "Sembra essere all’oscuro - prosegue Pacilio – delle cause dei processi di desertificazione accentuati dai cambiamenti climatici e vuole proporre uno scambio insostenibile acqua - energia fossile che non potrà che accentuare anche i potenziali conflitti legati all’utilizzo delle risorse idriche".
Anche la Literaturnaja Gazeta scriveva negli anni ’80 che “non si interferisce con la natura fino a questo punto”. E della stessa opinione sono ancora oggi i gruppi ambientalisti. Green Cross Italia appoggia il suo presidente fondatore Gorbaciov sostenendo che l’ipotesi di Nazarbaiev porterebbe a una vera e propria catastrofe ecologica.

"Bisogna convincere questi nuovi “apprendisti stregoni” - continua il presidente dell’ong - ad abbandonare queste idee pericolose per l’ambiente e per gli uomini, siano esse in Asia, Sudamerica o altrove. Sono necessarie una nuova Glasnost e una nuova Perestroika per l’ambiente globale".
"Ancora una volta – conclude Pacilio – la soluzione è nella cooperazione e nella collaborazione tra Paesi e cittadini".


Fonte: Green Cross Italia
anna.moccia@greencross.it
www.greencross.it

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Un libro di Antonello Durante per capire il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...