Il fenomeno dell’erosione costiera, come lei ben saprà, è un fenomeno in progressione lungo tutto il litorale della Regione Lazio, contro il quale diversi programmi di intervento regionali sono stati in parte già portati a termini, mentre tanti altri devono ancora entrare nella loro fase operativa e concludersi.
Le scrivo la presente, per rinnovare l’attenzione lungo il tratto costiero antistante sia la Riserva Naturale delle Saline di Tarquinia, lungo i suoi quasi 3 km di spiaggia, sia per indicarle, con mia preoccupazione, altri nuovi tratti costieri, che in questi ultimi mesi, sono stati gravemente colpiti dal fenomeno dell’erosione costiera.

Infatti gravi sono ora i tratti costieri antistanti la Ex Base C.A.L.E., oggi sede della Prociv Tarquinia,
dove intere strutture sono andate distrutte, e dove ormai il mare è arrivato a coprire la strada di collegamento interna che porta sia all’Oasi Naturale, sia al Borgo delle Saline.
Ma ad essere a rischio, sono anche alcuni monumenti storici, presenti lungo la costa, uno su tutti, il monumentale Porto Clementino, che ormai in balia del mare, viene distrutto pezzo per pezzo, monumento simbolo e memoria di tremila anni di storia, dagli etruschi ad oggi.

Visto, che, in questa direzione, la giunta regionale, insieme al suo vivo interessamento, a seguito della tragedia di Ventotene, aveva espresso la volontà di costituire, la “Cabina di Regia del Mare”, insediatasi il 25 novembre scorso, organismo, che oltre ad operare sull’ampliamento dell’offerta turistica, definendo le linee guida sullo sviluppo della “portualità”, opererà per una programmazione di interventi mirati ed efficaci per fronteggiare l’erosione delle coste, colgo l’occasione, di comunicarle, nonché rinnovare, sullo stato di emergenza, lungo il litorale del Comune di Tarquinia, perché se ne possa discutere, soprattutto, in sede di questo neo-organismo appena costituitosi.

A riguardo, sulla situazione del fenomeno dell’erosione costiera, lungo il nostro litorale, all’indirizzo youtube “Tarquinia Erosione Costa tratto dalle Saline a Tarquinia Lido”, è possibile vedere lo stato dell’arte.

Concludo, condividendo, la mission di questa Cabina di Regia del Mare, quella ciò di considerare la “costa”, una risorsa ed un patrimonio, per il quale è necessario, ridefinire un “nuovo modello di sviluppo e gestione”, che punti sulla “sostenibilità”, perché l’ambiente costa, è la principale materia prima, di quella industria, chiamata turismo.
In attesa di un vostro interessamento, sugli interventi in corso di programmazione, vedi le Saline di Tarquinia, porgo distinti saluti.  

Tarquinia 27/11/2010                                                                                                     

In fede
Alessio Gambetti, Popolo della Libertà (Tarquinia)

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...