GIORNATA MONDIALE CONTRO L'INCENERIMENTO DEI RIFIUTI / prevenzione, riduzione, riavvio al riutilizzo, riciclo. Queste le parole d’ordinde dell'Europa. Ultime notizie - Roma - La Giornata mondiale contro l’incenerimento quest’anno cade nel momento in cui tutti gli Stati Membri della Comunità Europea si apprestano a recepire obbligatoriamente la Direttiva Rifiuti entro il 12 dicembre.

Sembra, per converso, che la Giunta Regionale del Lazio ritenga di ignorare l’appartenenza del nostro Paese alla Comunità Europea rischiando ancora una volta di esporre i cittadini ai risarcimenti dei danni da procedura di infrazione per inosservanza delle disposizioni comunitarie.

Ci sembra evidente che con il nuovo Piano regionale di gestione dei rifiuti, ancora una volta sulla falsariga di quanti l’hanno preceduta, punti a favorire l’incenerimento.

Aldilà delle fantasiose previsioni, infatti, che al 2011 si raggiunga tra organico e secco il 60% di differenziazione,  nella dura realtà quello che emerge è che mezzo milione di tonnellate di rifiuti andrebbero bruciati.

La termodistruzione di materiali, ancora utilizzabili nel ciclo delle merci, non può che rendere comprensibile a tutti l’insostenibilità’ambientale ed economica di tale politica, da considerare anche sotto il profilo dei rischi sanitari per addetti e popolazioni che questo trattamento dei rifiuti sembra possa arrecare. Il prezzo da pagare per i cittadini in termini sociali oltre che economici, non può nemmeno lontanamente essere compensato  dalla limitata produzione di energia che si vorrebbe ricavata. 

A tal proposito ricordiamo che questa Giornata registra una presa di posizione dei medici della Provincia di Latina che tramite il loro Ordine proprio ieri hanno reso pubblico un documento contro l’incenerimento dei rifiuti  “Gli inquinanti emessi dagli inceneritori esplicano i loro effetti nocivi sulla salute o perché vengono inalati, o per contatto cutaneo, o perché, ricadendo, inquinano i prodotti dell'agricoltura, contaminando la catena alimentare; non a caso il decreto legislativo 228 del 18/5/2000 stabilisce che non sono idonee ad ospitare inceneritori le zone agricole”. Continuano i medici “In definitiva questi rischi sono assolutamente ingiustificati, in quanto esistono tecniche di gestione dei rifiuti alternative alla combustione già ampiamente sperimentate e prive di effetti nocivi”.

“Le Amministrazioni non possono  più far finta di niente, è necessaria una svolta politica e culturale ormai improcrastinabile – dichiara Vanessa Ranieri  Presidente WWF Lazio – Dobbiamo puntare ad una riduzione della produzione dei rifiuti e al loro riuso. Una raccolta differenziata ben fatta combinata con isole ecologiche e con l’introduzione della tariffa puntuale, un’impiantistica di filiera per compostaggio e  centri di riciclo come quelli (pochi) già esistenti nella nostra regione ci metterebbero sulla strada del riciclo totale, l’unica veramente sostenibile da ogni punto di vista così come ci chiede la Comunità Europea.”

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

FRANCIA TURISMO SOSTENIBILE NEL SEGNO DELL’ACQUA

E’ stata presentata a Roma, all’Ambasciata di Francia, alla presenza dell’Ambasciatore...

Il libro di Antonello Durante ci spiega il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

TUSCIA, FARNESE / la Riserva del Lamone, dove flora e fauna vivono incontaminate

La Riserva del Lamone è situata in provincia di Viterbo, nel Comune di Farnese, nel cuore della...

REPORT, RAI3, Lunedì alle 21:20. Noccioleti, fitofarmaci e aumento dei tumori

Nella zona del viterbese tra Nepi e il lago di Vico il 90 per cento del patrimonio arboreo è...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...