PROTESTA CONTRO ENEL E CONFINDUSTRIA / Greenpeace distribuisce mozzarelle di ''bufale nucleari''. Ultime notizie ambiente Italia - Roma -
Attivisti di Greenpeace hanno distribuito mozzarelle di bufala fuori dalla sede di Confindustria per protestare contro le "bufale nucleari" di Enel. Oggi, infatti, si tiene l'incontro conclusivo con le imprese (Supply Chain Meeting) a cui Enel ha promesso un coinvolgimento nella "rinascita nucleare" italiana.

"Enel e Confindustria devono smetterla - afferma Alessandro Giannì, direttore delle Campagne di Greenpeace Italia - di prendere in giro le aziende italiane e i cittadini, continuando a propagandare un progetto industriale come quello dell'EPR, che è un fallimento su tutta la linea. Nel documento elaborato per conto del governo francese sullo stato dell'industria nucleare di quel Paese, non c'è mai nessun riferimento all'Italia, almeno nella parte resa pubblica. In Francia si parla apertamente di un altro "caso Concorde", il super aereo rivelatosi un fallimento, troppo costoso e non sicuro".

Lo scorso ottobre il partner americano di EDF - l'azienda statunitense Constellation Energy - ha rinunciato a coperture pubbliche per 7,5 miliardi di dollari. Si tratta delle garanzie pubbliche stanziate nel 2007 da Bush e sbloccate dal Presidente Obama a garanzia dell'80% dei costi dell'investimento. Il valore del piano finanziario del primo EPR negli Usa - cancellato lo scorso ottobre - era in euro di circa 7 miliardi. "Altro che i 4 propagandati da Enel, un'altra "bufala nucleare": i costi sono quasi doppi e così - aggiunge Giannì - anche il costo industriale dell'elettricità che per il nucleare deriva in gran parte dal costo di investimento".

Il progetto del primo EPR negli Usa è stato cancellato nonostante le garanzie pubbliche per i finanziamenti. In Finlandia il costruttore francese Areva e l'azienda elettrica finlandese TVO si fanno reciprocamente cause per miliardi di euro accusandosi dei ritardi in cantiere, dove le Autorità di sicurezza nucleare hanno denunciato circa duemila casi di non conformità. Anche nel cantiere francese di Flamanville si registrano ritardi simili a quello finlandese e costi in crescita. E non dimentichiamo che la tedesca Siemens nel 2009 ha dichiarato di uscire da Areva, nonostante abbia partecipato all'elaborazione e promozione dell'EPR.

"EPR sta per "European Pressurized Reactor", ma in realtà - conclude Giannì - si dovrebbe intendere "Era Per Ridere", visto il fallimento ormai evidente a tutti"

Commenti

Come non apprezzare la chiara visione futurista degli esperti di Greenpeace Peccato però che si limitino a citare sempre e solo i 2 casi di Olkiluoto (Finlandia) e Flamanville (Francia) e non parlino mai dei numerosi impianti che sono in progetto e costruzione in Cina e numerosi altri Paesi. Comunque se volessero essere credibili dovrebbero prima di tutto attivarsi per chiedere la sostanziale eliminazione delle importazioni di elettricità che l´Italia è costretta da sempre a fare (per circa il 15 dei propri consumi interni) che proviene proprio dal NUCLEARE d´Oltralpe Un Paese serio ed attento alla propria sicurezza energetica, dovrebbe prima di tutto produrre a casa proprio tutta l´energia elettrica che consuma (come fanno sostanzialmente TUTTI i Paesi più sviluppati), visto peraltro che in Italia consumiamo molta meno Elettricità procapite rispetto a tutti i grandi Paesi sviluppati (tra i quali Germania, Francia). Altrimenti c´è qualcosa che no
commento inviato il 16/12/2010 alle 0:36 da Rinaldo Sorgenti  
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...